Seguici su
Strategia 16 Maggio, 2019 @ 10:53

La classifica delle peggiori cause di distrazione sul lavoro (oltre a quel tuo certo collega)

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
collega rumoroso in ufficio
(Shutterstock)

Le persone di tutte le età adorerebbero lavorare negli uffici, se solo non avessero collaboratori rumorosi. I chiacchieroni sono tra i più grandi pericoli della vita in ufficio.  E’ quanto emerge da un nuovo studio di Future Workplace commissionato da Poly. Ecco i principali risultati:

  • Quasi tutti i (99%) dipendenti riferiscono di essere distratti mentre lavorano nel loro spazio di lavoro personale.
  • Più della metà afferma che le distrazioni rendono difficile ascoltare o essere ascoltati durante le chiamate (51 percento) e riducono la capacità d’impatto (48 percento).
  • La colpa è dei colleghi: il 76% di tutti i dipendenti intervistati ha dichiarato che la loro più grande distrazione è un collega che parla a voce alta al telefono, e per il 65% è un collega che parla nelle vicinanze.
  • Il 93% è frustrato, almeno occasionalmente, a causa di distrazioni durante una telefonata o una videochiamata.

Eppure, gli appartenenti alla Generazione Z e i Millennials preferiscono gli uffici open space, probabilmente perché si sentono produttivi in ​​ambienti rumorosi e tendono a collaborare più di altre generazioni.

  • La metà dei lavoratori preferisce gli open space e più giovani sono, più lo vogliono: il 55% di Gen Z e il 56% dei Millennial preferisce gli open space rispetto al 47% di Generazione X e il 38% dei Baby Boomers.
  • Più della metà della Gen Z (52 percento) dichiara di essere più produttiva quando lavora intorno al rumore o parla con gli altri; Il 60% dei Baby Boomers afferma di essere più produttivo quando è silenzioso.
  • Il venti per cento della Gen Z spende almeno la metà della giornata in una telefonata, un video o una chiamata multi-party, mentre solo il 7 per cento dei Baby Boomers fa lo stesso.

Rispetto ai loro colleghi più anziani, gli appartenenti alla Generazione Z e i Millennials sono in grado di affrontare meglio le distrazioni.

  • Il trentacinque per cento di Gen Z utilizza le cuffie per affrontare la distrazione, mentre solo il 16 per cento dei baby boomer fa lo stesso.
  • Circa quattro su dieci Gen Z e Millennials si trasferiscono in spazi confortevoli come un divano o sedie imbottite per lavorare. Sul rovescio della medaglia, più della metà di Baby Boomers funziona solo nello spazio di lavoro principale.
  • Un numero di Boomers tre volte maggiore rispetto ai lavoratori della Gen Z ammette di non aver trovato una soluzione alle loro distrazioni in ufficio.

In particolare, i risultati dell’indagine mostrano che quasi tre persone su quattro lavorerebbero di più nell’ufficio e sarebbero più produttivi se i datori di lavoro facessero di più per ridurre le distrazioni sul posto di lavoro, fornendo una chiara opportunità per IT, risorse umane e strutture a collaborare.

La classifica delle distrazioni più devastanti sul luogo di lavoro rilevata dall’indagine di Future Workplace:

1 – Colleghi che parlano al telefono a voce alta

2 – Festicciole aziendali

3 – Colleghi che parlano nelle vicinanze della propria postazione

4 – Videogame installati sul computer

5 – Suonerie di cellulari o notifiche di smartphone

6 – Animali domestici in ufficio

 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!