Seguici su
Life 1 luglio, 2019 @ 4:20

Come è fatto un superyacht nato per essere un pezzo unico

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
superyacht mare cielo
Il superyacht Solo

(articolo apparso sul numero di giugno di Forbes)

di Antonio Vettese

Costruire un nuovo superyacht è un’esperienza, oltre che un business, che non può lasciare spazio all’approssimazione ed all’incertezza. Tankoa Yachts è un cantiere fondato a Genova nel 2008 con capitale privato e senza debiti che garantisce ai propri clienti sia la grande esperienza dei propri manager e delle maestranze, sia le garanzie bancarie richieste alla stipula del contratto.

Durante l’ultimo Salone di Monaco, Tankoa ha presentato Solo un superyacht di 72 metri i cui interni ed esterni sono stati creati da Francesco Paszowsky, mentre il decor è opera di Margherita Casprini. Lo scafo è in acciaio e la sovrastruttura in alluminio. E’ stato costruito con molta attenzione alle attuali regole e certificazioni green per limitare al massimo le emissioni di Co2, installando a bordo un sistema all’avanguardia per limitare le emissioni ed omologando il sistema di propulsione alle normative TIER 3.

In pochi mesi, Solo ha ricevuto significativi premi e riconoscimenti: Best efficiency Yacht durante lo Yacht Trophy di Cannes, il premio RINA per la Green Plus Platinum notation, ed infine l’ambito 2019 Design award nella categoria game changer.

Solo è dotato di 6 cabine più una adattabile alle esigenze dell’armatore, un vasto beach club con gym, sauna, bagno turco e zona relax, due piscine di acqua salata, una jacuzzi. Particolarmente degno di nota il ponte superiore in cui si trova la cabina armatore, con relativo ufficio, terrazza con jacuzzi privata ed accesso diretto all’esterno (verso poppa) in cui si trova l’helideck per avere un’ulteriore tutela della privacy. L’equipaggio è formato da 18 persone.

Altre caratteristiche che rendono unica questa imbarcazione sono l’autonomia di 8000 miglia nautiche alla velocità di 10 nodi, che si traduce nella possibilità di navigare verso mari lontani ed estremi, e i consumi molto contenuti. La sala macchine è solo uno dei comparti dove si è lavorato per ottimizzare tecnologie e rendimenti. Da segnalare una prima mondiale: tutte le battagliole sono in vetro senza montanti o telai in acciaio. Questo a testimonianza di un ufficio tecnico proteso alla ricerca di innovazioni tecniche sempre più all’avanguardia per soddisfare le richieste anche dei clienti più esigenti.

Il cantiere Tankoa vuole affermarsi come un cantiere “tailor made”, consapevole di poter produrre yacht da 50 a 90 metri di altissima qualità. La produzione limitata, l’attenzione ai dettagli, l’uso delle più recenti tecnologie, l’alta qualità ingegneristica, la passione, l’etica aziendale combinati con il DNA italiano nel design e la flessibilità sono solo alcuni dei valori di Tankoa.

Tankoa Yachts ha un sito operativo che comprende: • un molo di 250 metri che può ospitare i capannoni per la produzione della gamma di 50 metri.

  • Due capannoni di 90 metri con clima e umidità controllati e carroponte. • 30.000 metri quadri di cantiere complessivo. • Un “Karsal” immergibile di oltre 90 metri che permette alaggio e varo di yacht di oltre 4.000 tonnellate. Poco meno di 200 persone fra dipendenti e subcontractors lavorano per Tankoa.

“Pensare giovane ed eco”

“I temi della responsabilità e della natura sono radicati nelle nuove generazioni”. “Una mentalità che serve per proiettare un cantiere di eccellenza nel presente e nel futuro”

Tankoa Yachts è un cantiere nato nel 2008, tra i suoi punti di forza quello di poter offrire agli armatori qualsiasi tipo di garanzia finanziaria alla stipula del contratto. Il presidente è Eva Orsi che racconta:”Tankoa è un cantiere che sta crescendo costantemente grazie ad un know-how maturato a seguito di un’esperienza pluriennale nell’industria dei superyacht. Vogliamo crescere mantenendo alta la qualità dei nostri prodotti. Sebbene il benchmark qualitativo siano i cantieri del nord Europa, a livello di prezzo vogliamo posizionarci fra loro ed i cantieri italiani. Costruiamo yacht dai 50 metri in su: non sono molti i cantieri che puntano in questa direzione, ma stiamo riscontrando un grande interesse proprio in questo segmento”. La giovane manager aggiunge: “Sono entrata in questa azienda, che per me significa famiglia, realizzando un sogno. Quello che cerco di dare a Tankoa è un punto di vista diverso, più fresco ed innovativo rispetto a quello di persone esperte”.

Tankoa ha appena varato S501 (50 metri) Hybrid, lo scafo numero 2 del proprio modello Tankoa S501 (altri due sono in costruzione in speculazione) sotto i 500 GT.

Questo yacht è equipaggiato con un’innovativa propulsione ibrida espressamente richiesta dall’armatore, progettata dagli ingegneri del cantiere insieme ai fornitori dei motori elettrici per garantire le migliori soluzioni in termini

di performance e innovazione. Equipaggiata di helideck touch-and-go, si basa su un disegno simile a quello di Vertige, il primo Tankoa 50 metri, che nel 2018 è stato charterizzato più di 20 settimane garantendo all’armatore un ottimo ritorno sull’investimento fatto.

 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!