Seguici su
Life 27 agosto, 2019 @ 11:30

Cartolina anarco-aristocratica da Biarritz, dopo il G7

di Alessandro Turci

Contributor

Leggi di più dell'autore
chiudi
La spiaggia di Biarritz
La spiaggia di Biarritz (Shutterstock)

Caro Forbes, adesso che il G7 lascia Biarritz possiamo finalmente celebrarla.

Per noi il lusso è la nostra tavola da surf per poi riposare all’Hôtel du Palais, come faceva la nobiltà russa a inizio secolo (senza surfare).

A pranzo, come qui chiamiamo il pasto principale e cade la sera, non parleremo di politica; ha tenuto banco ogni giorno a colazione (che fuori Biarritz si chiama pranzo), mentre il tempo non passava mai, sembrando scandito da quell’orologio in materiale al 100% riciclato rifilato da Emmanuel Macron ai suoi poveri ospiti.

Biarritz, lo sapete, deve la propria fama all’Imperatrice Eugenia, che ha anche decretato la gloria di Cartier, divenendone cliente e portando alla Maison tutte le teste coronate d’Europa. Una cosa è certa: non fatevi selfie con quell’orologio ecologico in Place Vendôme se tenete alla reputazione o al passaporto francese. La République può anche dimenticare, ma il web no.

In questi giorni Biarritz racchiudeva la formula perfetta: il gotha e il goldgotha. Il primo ha potere ma è ricco solo grazie ai contribuenti, il secondo non si fa eleggere ma se ne cura poco, perché scia a Davos ugualmente. Fa eccezione il presidente americano (ha un nome perfetto per il bridge, che peraltro gioca splendidamente) e negli ultimi tempi è anche diventato autoironico, mentre agli esordi faceva solo ridere.

Il gennaio scorso a Davos non è andato, gli altri (purtroppo) sì. Ma il prossimo G7 sarà a Miami, lui è di casa, noi lo siamo ovunque. Spiace che non abbiano riammesso la Russia nel sodalizio, dal momento che ha contribuito alla fama di Biarritz (non solo della Crimea) e qui sembrava il posto ideale per un appeasement.

Ma intanto noi ci godiamo la fine dell’estate, le premure non mancano: abbiamo dodici stelle Michelin come i mesi dell’anno, e le onde per il surf della Côte Basque sono perfettamente hemingweiane.

Biarritz è una rosa delicata, sembra essere sempre sull’orlo di sfogliarsi, ma rimane intatta. Se la politica evitasse di puntarci orrendi riflettori addosso continueremo a vivere così, come un dipinto che sembra ancora da finire. Servono occhi discreti per riconoscerne i meriti. Ma passate a trovarci, come Antibes, o Bayreuth, o Cabourg (la Balbec di Proust), anche a Biarritz meritiamo la vostra visita e l’oblio della politica, staremo tra vecchi amici, quelli del buon gusto.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!