Seguici su
Tecnologia 19 Settembre, 2019 @ 5:57

L’upgrade di Groupama con l’intelligenza artificiale di Ibm

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
auto con intelligenza artificiale
(GettyImages)

L’intelligenza artificiale al servizio dell’assicuratore per meglio tutelare l’assistito prevenendo ogni rischio e in caso di sinistro. È questo il senso della collaborazione tra G-Evolution, società di servizi telematici che opera sul mercato B2B e B2C, partecipata al 100% da Groupama Assicurazioni, e IBM per lo sviluppo di soluzioni digitali dedicate all’industria assicurativa.

Una collaborazione che – spiega un comunicato – mette a fattor comune il know-how di G-Evolution e le competenze di IBM per la trasformazione strategica delle imprese attraverso le tecnologie innovative come Internet of Things (IoT), Artificial Intelligence (AI) e Cloud ibrido.

Il punto di partenza della collaborazione è la piattaforma sviluppata negli ultimi due anni da G-Evolution con IBM Services e IBM Cloud & Cognitive basata sulla IBM Public Cloud. Una soluzione che integra e struttura dati provenienti da fonti differenti come: dati su polizze e sinistri, dati contestuali e storici, come quelli relativi alle condizioni meteorologiche, al traffico, e ai dati telematici. Piattaforma che G-Evolution e IBM stanno sviluppando ulteriormente utilizzando una combinazione di tecnologie IoT e di AI focalizzandosi proprio sul mercato verticale delle assicurazioni auto.

La collaborazione con IBM mira, inoltre, a un’accelerazione della trasformazione digitale di tutte le operazioni di Groupama Assicurazioni – prosegue la nota –, analizzando gli insights per prevenire i rischi per il cliente e per fornire loro il livello assicurativo corretto. Il tutto per portare customer experience e livelli efficienza su standard ancora più elevati.

“Credo fermamente nella necessità di tornare ai fondamenti del mestiere dell’assicuratore per rinforzarlo e renderlo più solido. Per fare ciò, non occorre cominciare da zero, ma è necessario valorizzare le risorse e le competenze costruite in questi anni che hanno portato IBM e G-Evolution a mettere i dati al centro della scena e a sviluppare esperienze completamente nuove”, afferma Pierre Cordier, amministratore delegato di Groupama Italia.

“Nel settore assicurativo stiamo attraversando un’era di trasformazioni senza precedenti, caratterizzata dalla crescente connessione che favorisce lo scambio di informazioni tra tutti gli attori in gioco”, prosegue Enrico Cereda, presidente e ad di IBM Italia. “Ci troviamo, in pratica, nella fase della digital reinvention e questo progetto è un esempio concreto di cosa significa diventare una Cognitive Enterprise in un settore così competitivo, utilizzando e coniugando al meglio competenze professionali e tecnologie esponenziali”.

Pierre Cordier - Enrico Cereda
Pierre Cordier, ad e dg Groupama Assicurazioni ed Enrico Cereda, presidente e ad di IBM Italia

Ecco alcune delle prime evidenze emerse dalla collaborazione tra G-Evolution e IBM per quanto concerne valutazione e prevenzione dei rischi e gestione complessiva dell’intera catena del valore sui sinistri: la corrispondenza tra i sinistri riportati dai clienti di Groupama Assicurazioni e gli eventi telematici rilevati dai dispositivi IoT installati è aumentata del 30% con una diminuzione dei falsi allarmi pari al 20%; riduzione dei costi di assistenza del 50% e ridimensionamento dei costi legati al customer care pari al 45% con un netto miglioramento del servizio; grazie alla telematica applicata all’antifrode è stato registrato un incremento del 15% sull’individuazione di frodi sospette, su cui si rileva un aumento del 50% del tasso di contrasto per evidenti difformità. Inoltre, è previsto un miglioramento continuo dell’efficacia della telematica applicata ai sinistri grazie alla trasformazione dell’intera filiera, che ha instaurato un circolo virtuoso per rendere più efficienti i processi e l’incremento dei saving.

La collaborazione, conclude la nota, permetterà a tendere anche di osservare: un impatto positivo sulle modalità di guida più rischiose, con una significativa riduzione dei livelli di velocità e di frenate pericolose tra i clienti Groupama Assicurazioni, con conseguente riduzione della frequenza di sinistri; riduzione delle spese annuali per richieste di risarcimento di Groupama Assicurazioni, utilizzando un modello di intelligenza artificiale in grado di riconoscere la veridicità delle collisioni, con conseguente diminuzione significativa dei costi sui danni materiali.

Ma non ci si ferma all’auto. Al di là dei processi core, infatti, tutte queste risorse e competenze saranno utilizzate come elemento centrale per la trasformazione di Groupama Italia, in quanto costituiscono il punto di partenza per incrementare radicalmente il coinvolgimento del contraente, rispetto ad una serie di soluzioni quali Connected Lifestyle, Smarter Health, Smarter Home e servizi a valore aggiunto.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!