Seguici su
Forbes Italia 3 Dicembre, 2019 @ 3:20

Franck Muller, l’orologio icona dei manager 
appassionati d’auto

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

Articolo di Matteo Zaccagnino tratto dal numero di novembre 2019 di Forbes. Abbonati

Il fattore tempo è uno degli elementi che determina il successo e il prestigio di un’azienda indipendentemente dal settore di appartenenza. Questo concetto trova un senso compiuto soprattutto nel mondo delle lancette, un ambito nel quale operano realtà che vantano una tradizione centenaria. Esistono però anche alcune eccezioni, e Franck Muller è tra queste. Seppur più giovane in termini di storia il marchio si è comunque conquistato uno spazio in prima fila nel mondo dell’orologeria che conta.

Un risultato raggiunto non in maniera casuale ma che nasce dalla capacità di aver saputo interpretare in maniera innovativa e audace, pur rispettandone l’essenza, i codici dell’arte orologiera. Questo spiega il motivo per il quale collezioni come Vanguard, per esempio, siano diventate nel giro di pochi anni dei grandi classici conquistando il polso di molti appassionati, collezionisti e dinamici professionisti. Elemento caratterizzante di questa collezione è il disegno della cassa nel quale le geometrie rappresentano la naturale evoluzione della celebre cintrée curvex che proprio negli anni ’90 consacrò Franck Muller nel mondo delle lancette. Oggi la gamma Vanguard amplia il suo raggio d’azione e annovera una nuova linea denominata Racing. L’orologio è caratterizzato da un look grintoso, sottolineato dai grandi numeri arabi che spiccano sul quadrante. Il richiamo al mondo delle competizioni automobilistiche viene ulteriormente rilanciato dall’abbinamento a un cinturino nero in pelle traforato e cucito a mano. Nonostante le dimensioni generose della cassa in oro rosa, che misura 44 mm di larghezza e 53,7 mm di lunghezza, questo segnatempo vanta una straordinaria ergonomicità e risulta particolarmente confortevole da indossare una volta allacciato al polso. Il motore di questo vero e proprio “bolide” del tempo è il calibro FM 2800-DT. Questo movimento meccanico a carica automatica, le cui dimensioni sono contenute in soli 25,6 mm di diametro per uno spessore di 3,60 mm, vanta 42 ore di riserva di marcia.

La complessità dell’architettura del calibro è rappresentata al meglio dai 150 elementi (di cui 21 rubini) che lo compongono. Sul quadrante di colore bianco spiccano le lancette che forniscono le indicazioni relative alle ore, ai minuti e ai secondi. La finestrella del datario, la cui grandezza permette una chiara e facile lettura, è collocata a ore 6. Impermeabile all’acqua fino 30 metri di profondità la collezione Vanguard Racing è declinata anche in altre tonalità che comprendono una versione nei colori del giallo, del rosso e del verde. A conferma del fatto che questo segnatempo dall’impronta dinamica e con una vocazione spiccatamente sportiva ben si addice a scandire anche i momenti più salienti sia nella vita privata sia nelle occasioni formali. Una versatilità che, abbinata al design e ai contenuti tecnici, rappresenta un valore aggiunto e una delle ragioni che ha permesso al marchio di Ginevra di conquistare nel giro di poco tempo l’attenzione, e soprattutto il polso, di numerosi manager e appassionati di orologeria.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!