Jay-Z e alcune stelle dello sport investiranno in Hungry

Share
Jay-Z e altre star investiranno in Hungry, la app di catering a domicilio
Jay Z e Beyonce. (Photo by Christopher Polk/Getty Images for NARAS)

di Zack O’Malley Greenburg per Forbes.com

“Super Bowl goals / My wife in the crib feedin’ the kids liquid gold / We in a whole different mode”, ha rappato Jay-Z nella sua canzone Family Feud, del 2017. Considerando il suo ultimo investimento, si può dire che il primo miliardario dell’hip-hop stia mettendo i suoi soldi dove dice: Jay-Z, secondo Forbes, sta collaborando con le star della NFL, tra cui Bobby Wagner e Todd Gurley, per investire in un round Serie B da $ 20 milioni in Hungry.

Jay-Z in realtà sta raddoppiando nella startup, che collega chef indipendenti con clienti in cerca di catering, dopo aver investito per la prima volta in un round Serie A di 8 milioni di dollari l’anno scorso, attraverso il suo fondo Marcy Ventures da 85 milioni di dollari. Secondo i co-fondatori, la valutazione di Hungry è aumentata di cinque volte tra i due round, in quanto ha raggiunto $ 20 milioni alla fine del 2019; le proiezioni parlano di entrate per $ 50 milioni nel 2020. Questo tipo di slancio si è rivelato attraente per la sua nuova schiera di investitori, che include Kevin Hart, oltre agli atleti menzionati. 

“Grandi fondatori, grande missione. E hanno raggiunto un grande successo in breve tempo”, afferma Hart. “Hungry sta livellando il campo di gioco per gli chef e offrendo loro opportunità economiche che non avevano mai avuto prima. Sono un grande sostenitore di ciò che questa azienda rappresenta”. 

Fondata alla fine del 2016 dai fratelli Eman e Shy Pahlavani, Hungry ha iniziato con una manciata di chef in cucine commerciali autorizzate a Philadelphia e Washington DC. La piattaforma esamina i candidati e assaggia il loro lavoro prima di aggiungerli, occupandosi della logistica e dell’ampliamento dei clienti. Hungry fa i suoi soldi dai margini di guadagno degli chef e punta a prendere una fetta dal mercato della ristorazione per uffici ed eventi, che vale ben 65 miliardi di dollari.

La startup ha ora raccolto $ 32 milioni, con il suo ultimo gruppo di investitori che si riunisce al tavolo già pieno di nomi famosi (come la popstar Usher, il giocatore di NFL Ndamukong Suh), venture capital (Sands Capital Ventures, Motley Fool Ventures) e buongustai (il ristoratore Tom Colicchio, ex co-ceo di Whole Foods, Walter Robb). Il fondo di Robb, Stonewall Robb Investments, ha guidato il round con Evolution VC Partners che ha sede a New York.

Quest’ultimo round aiuterà l’espansione di Hungry in nuovi mercati – grazie sia al denaro che all’influenza delle star. Uber notoriamente si è appoggiato alle celebrity per contribuire a creare una certa fama mentre si espandeva in diverse città, e Hungry sta pensando a un progetto simile: Wagner dei Seahawks aiuterà a Seattle proprio come faranno Hart e Gurley dei Rams a Los Angeles, a seguito degli sforzi di Colicchio in New York e di Usher ad Atlanta.

“Sono molto veloci nel voler aiutare non appena entriamo nel loro mercato”, dice Eman Pahlavani in merito ai suoi investitori di punta. “Sai, del tipo: ‘Possiamo aiutarvi a lanciarvi in questo mercato e stabilire connessioni per voi ragazzi?’ E alcuni di loro hanno persino voluto presentarci agli chef che conoscono nelle loro città locali”.

A dire il vero, ci sono molte potenziali sfide future, ed è tutt’altro che certo che gli investitori in questo round godranno dello stesso tipo di rendimenti di coloro che hanno investito nel round precedente Serie A. L’epidemia di coronavirus ha raffreddato l’economia e una startup come questa dipende dalla ristorazione in locali e uffici potrebbe soffrire se un numero maggiore di aziende incoraggia i dipendenti a lavorare da remoto, almeno a breve termine.

Tuttavia, ci sarà sempre una domanda di cibo e, per estensione, una piattaforma che lo fa -specialmente una dove puoi potenzialmente fare molto di più. Il co-fondatore di Hungry, Jeff Grass, fa notare che lo stipendio medio annuo di uno chef è inferiore a $ 80.mila all’anno; alcuni dei suoi chef guadagnano $ 50mila al mese, aprendo tutti i tipi di porte che prima potevano essere chiuse. 

“Tendiamo ad avere, sulla piattaforma Hungry, un sacco di chef femminili, molte minoranze che a volte non hanno le stesse opportunità di carriera di chef più tradizionali, che potrebbero raccogliere fondi molto più in fretta per aprire un ristorante”, commenta Grass. “Abilitare l’imprenditoria degli chef è uno dei motivi per il quale molti chef e celebrità che hanno scelto di investire”.