Seguici su
Business 16 Maggio, 2020 @ 10:56

Il governo federale Usa pensa a una causa contro Google per la pubblicità

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Google
(Photo by David Paul Morris/Getty Images)

Articolo di Rachel Sandler su Forbes.com

Il Dipartimento di Giustizia americano e un gruppo di procuratori di stato presenteranno probabilmente un’azione antitrust contro Google, ha riferito il Wall Street Journal venerdì, intensificando la minaccia di regolamentazione, multe o eventualmente disgregare la società dopo le critiche dei legislatori di entrambe le parti.

Aspetti chiave

Secondo quanto riferito, il Dipartimento di Giustizia sta pianificando di intentare causa contro Google entro quest’estate, mentre un gruppo di procuratori generali di stato guidati dal repubblicano Ken Paxton in Texas sta attualmente indagando sulla società e potrebbe sporgere denuncia in autunno, anche se non sono state prese decisioni definitive.

L’indagine di Stato si concentra principalmente sull’attività pubblicitaria di Google, secondo il WSJ: Google ha dovuto affrontare lamentele sul fatto che abusa del suo potere di intermediario tra inserzionisti e siti web sollecitando annunci pubblicitari.

Secondo quanto riferito, il Dipartimento della giustizia degli Stati Uniti d’America sta anche indagando sull’attività pubblicitaria di Google, ma esaminerà più in generale se Google sta dando la priorità ai propri prodotti nel suo motore di ricerca per reprimere la concorrenza.

I procuratori generali di 48 stati (oltre a Puerto Rico e Washington, DC) hanno annunciato uno sforzo congiunto per indagare su Google lo scorso anno, ma non è chiaro se tutti questi stati si uniranno alla denuncia di Paxton o se Paxton si unirà all’azione federale.

Il procuratore generale William Barr continua a dedicare risorse al caso come priorità assoluta per il dipartimento di giustizia, secondo il WSJ.

Un portavoce di Google ha dichiarato che la società “non ha aggiornamenti o commenti su queste congetture”, aggiungendo che il suo obiettivo è “fornire servizi che aiutino i consumatori, supportino migliaia di aziende e consentano una maggiore scelta e concorrenza”.

Dichiarazione rilevante

“Pensiamo che Google abbia 7000 punti dati su quasi ogni essere umano in vita”, ha detto Paxton ai giornalisti giovedì, secondo The Verge . “Loro controllano gli acquisti [della pubblicità online], la vendita e il mercato per tale ragione siamo preoccupati che ciò dia loro troppo potere”.

Contesto chiave

Google è già stato in precedenza bersaglio di un’indagine antitrust per le sue pratiche sui motori di ricerca nel 2011, ma la FTC ha scoperto che la società non ha violato le leggi antitrust. Se venisse lanciata una causa contro Google, sarebbe la più grande azione antitrust dalla causa del governo contro Microsoft negli anni ’90.

Notizia correlata

A seguito della crescita per dimensioni, entrate e rilevanza di Google, Facebook, Amazon e Apple, i legislatori e gli investigatori federali stanno iniziando a chiedersi se hanno fatto troppe acquisizioni, penalizzando ingiustamente l’attività di società più piccole a favore dei propri servizi e alla fine danneggiando anche i consumatori. Lo scorso anno il movimento di regolamentazione delle società tecnologiche ha attirato il sostegno di entrambi i partiti politici. La democratica Elizabeth Warren ha fatto del “disintegrare le Big Tech” un pilastro della sua campagna mentre i repubblicani al Congresso hanno accusato Google di essere prevenuto nei confronti dei conservatori nelle accese audizioni del Congresso.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!