Bad Bunny il più ascoltato nel mondo, tha Supreme in Italia. La classifica 2020 di Spotify

Bad Bunny.(Photo by Victor Chavez/Getty Images for Spotify)
Share
Bad Bunny il più ascoltato nel mondo, secondo Spotify
Bad Bunny.(Photo by Victor Chavez/Getty Images for Spotify)

Il 2020 è quasi terminato e Spotify ha deciso di svelare in una classifica gli artisti, gli album, le canzoni, le playlist e i podcast che hanno definito il 2020 per la sua piattaforma da 320 milioni di utenti in tutto il mondo.

A livello globale, nella Spotify Wrapped 2020 con più di 8,3 miliardi di stream, il rapper portoricano Bad Bunny è l’artista più ascoltato. Completano il podio Drake, al secondo posto, e J Balvin al terzo, seguiti da Juice WRLD, rapper americano scomparso nel 2019 e The Weeknd. Tra le artiste femminili spicca Billie Eilish, al primo posto per il secondo anno consecutivo, seguita da Taylor Swilift e Ariana Grande, rispettivamente in seconda e terza posizione. Al quarto posto troviamo Dua Lipa e al quinto Halsey.

Ma la canzone con il maggior numero di stream, oltre 1,6 miliardi, è Blinding lights di The Weeknd. Al secondo e terzo posto troviamo Dance Monkey di Tones and I e The Box di Roddy Ricch. Completano la top five Imanbek e SAINt JHN con Roses – Imanbek Remix e Dua Lipa con Don’t start now. L’album del 2020 su Spotify è YHLQMDLG di Bad Bunny, con più di  3,3 miliardi di stream, seguito da After Hours di The Weeknd e Hollywood’s Bleeding di Post Malone. Al quarto posto Fine Line di  Harry Styles’ e Future nostalgia di Dua Lipa.

E in Italia? Il giovane rapper e produttore tha Supreme è l’artista più ascoltato, seguito da Sfera Ebbasta, che ha appena stabilito nuovi record italiani e internazionali con il suo album Famoso. A seguire Marracash, Gue Pequeno e il rapper napoletano Geolier. La canzone più ascoltata del 2020 in Italia è Mediterranea di Irama, seguita da Good times di Ghali e da M’ Manc di Shablo. Completano la top five italiana A Un Passo Dalla Luna di Ana Mena e Rocco Hunt, e blun7 a swishland di tha Supreme. Per quanto riguarda l’album con il maggior numero di stream del 2020 in Italia è 23 6451 di tha Supreme, seguito da Persona di Marracash e da DNA di Ghali.

    (courtesy Spotify)
    (courtesy Spotify)
    (courtesy Spotify)
    (courtesy Spotify)
    (courtesy Spotify)

Podcast: i più ascoltati nel 2020 secondo Spotify

Sempre a livello globale, The Joe Rogan Experience è il podcast più popolare. Al secondo e al terzo posto rispettivamente Ted Talks Daily e The Daily, a dimostrazione del fatto che gli ascoltatori hanno continuato ad ascoltare contenuti per tenersi informati. Il podcast dell’ex first lady Michelle Obama, The Michelle Obama podcast, è il quarto podcast più ascoltato nel mondo su Spotify, seguito dal podcast Call Her Daddy. Tornando in Italia, Muschio Selvaggio di Fedez e Luis Sal è il più seguito nel 2020. Subito dopo, Lezioni e Conferenze di Storia, di Alessandro Barbero, e La Zanzara. Completano la top five Speak English Now Podcast with Georgiana’s mini-stories – ESL, seguita da Monologato Podcast – The Filippo Ruggieri Experience.

I trend italiani nella classifica Spotify

Il 2020 è stato un grande anno per la scena rap campana: il rapper Geolier è il quinto artista più ascoltato dell’anno su Spotify. Inoltre, è l’artista più ascoltato in streaming nella sua regione, l’unica in cui tha Supreme non è il numero uno in classifica. In generale, il rap continua a essere in cima alle preferenze in tutto il paese: Marracash (terzo artista più ascoltato su Spotify), Salmo (settimo), Capo Plaza (12esimo) e Luche (27esimo) hanno raggiunto le rispettive posizioni senza pubblicare nuovi album nel corso del 2020, quindi solo attraverso le canzoni pubblicate nel 2019, a cui si aggiungono i featurings e i remix. Infine, i tre artisti internazionali più ascoltati in Italia nel 2020 su Spotify sono Ozuna, J Balvin e Travis Scott, classificatisi più in alto rispetto a pop star internazionali come The Weeknd e Dua Lipa, mentre a livello globale gli artisti Italiani più ascoltati del 2020 sono Meduza e  Laura Pausini.