Janet Yellen, Özlem Türeci e tutte le donne da tenere d’occhio nel 2021 secondo Forbes

Janet Yellen. (Photo by Alex Wong/Getty Images)
Share

 

Janet Yellen. (Photo by Alex Wong/Getty Images)

Articolo di Maggie McGrath apparso su Forbes.com

Come la ricchezza, la fama o anche l’amore, il potere non è statico. Come può attestare qualsiasi delle 17 nuove arrivate nell’elenco 2020 delle 100 donne più potenti del mondo, una persona può rapidamente guadagnare potere attraverso elezioni, fusioni e acquisizioni o il tratto di una penna che afferma una promozione. Allo stesso modo, come illustrano le donne che sono cadute dalla lista, il potere può svanire altrettanto facilmente quando un’azienda fallisce (ti conoscevamo a malapena, Quibi), un consiglio di amministrazione vuole una nuova direzione o un Paese vuole una nuova amministrazione.

A volte, però, il potere cambia gradualmente: una persona viene nominata per una posizione, ma non ha ancora il lavoro. Ha accettato il lavoro migliore, ma non ha avuto il tempo di lasciare il segno nell’organizzazione o di eseguire un turnaround cruciale per la sopravvivenza. O forse è chiaramente al comando ma è metodica nell’aumentare la quota di mercato, creando una società o un fondo di investimento che è grande ma non ha ancora raggiunto il livello che le fa guadagnare un posto tra le prime 100 donne più potenti in tutto il mondo.

Come abbiamo notato l’anno scorso, questo non vuol dire che le donne che non sono ancora arrivate non siano potenti. In effetti, il loro potere sta aumentando e probabilmente a un ritmo che potrebbe far guadagnare loro un posto nella lista del potere già il prossimo anno.

A tal fine, queste sono le donne da tenere d’occhio per il 2021:

Janet Yellen: L’ex presidente della Federal Reserve si è classificata l’ultima volta al sesto posto nella lista, nel 2016, ma è caduta quando non è stata rinominata per il ruolo. Con la notizia che il presidente eletto Joe Biden ha deciso di nominare Yellen come suo segretario al Tesoro – una mossa che la renderebbe la prima donna a ricoprire questa particolare posizione di governo – il ritorno di Yellen alla lista è tutt’altro che una conferma del Senato. (E dovrebbe raggiungere anche questo, avendo già ottenuto il sostegno bipartisan per diventare la prima presidente donna della Fed nel 2014.)

Dana Canedy: giornalista vincitrice del premio Pulitzer, di cui è anche amministratore, Canedy è stata a lungo rispettata da scrittori e media per decenni. (Il suo Pulitzer è arrivato per il suo lavoro sull’incisiva serie del New York Times del 2001, How race is lived in America). A luglio è stata nominata vicepresidente senior ed editore di Simon & Schuster, l’omonimo marchio di uno dei più grandi editori di libri d’America. Canedy è la prima donna nera ad avere il lavoro, e con Simon & Schuster pronti a fondersi con Penguin Random House (in attesa dell’autorizzazione dei regolatori antitrust), la sua influenza potrebbe presto crescere ancora.

Pearlena Igbokwe: A settembre, la NBC ha promosso Igbokwe a presidente dell’Universal studio group, una mossa che le ha effettivamente consegnato il testimone del potere dall’ex capo del gruppo (e power woman), Bonnie Hammer. Jeff Shell, ceo di NBCUniversal, ha definito Igbokwe l’ideale per gestire gli studi televisivi dell’azienda e ha citato il suo gusto straordinario. Avendo supervisionato commedie acclamate dalla critica come Russian Doll, Superstore, Brooklyn Nine-Nine e The Good Place, le prossime decisioni di Igbokwe alla NBC saranno quasi sicuramente divertenti.

Catherine MacGregor: Otto mesi dopo che il consiglio di amministrazione della società di servizi pubblici francese Engie ha escluso Isabelle Kocher dalla suite del ceo, la società ha nominato MacGregor, dirigente di lunga data nel settore petrolifero e del gas, come suo successore. MacGregor inizierà a gennaio.

Julia Cheek: la 36enne fondatrice e ceo della società di test a casa Everlywell ha annunciato all’inizio di dicembre che la sua azienda aveva raccolto un round di finanziamento di serie D da 175 milioni di dollari, un’iniezione di capitale che ha portato l’azienda a una valutazione di 1,3 miliardi di dollari. Con la pandemia che accelera la domanda dei consumatori di (e il comfort con) kit per test sanitari a casa, Cheek è fiducioso che Everlywell continuerà a crescere. “Se tutto va bene”, ha detto a Forbes, “emergeremo come uno dei vincitori”.

Anna Diamantopoulou, Kersti Kaljulaid e Cecilia Malmstrom: Tutte e tre corrono per essere il prossimo capo dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse). Tutti e tre sono già piuttosto influenti in Europa: Diamantopoulou ha avuto una lunga carriera nella politica greca, Kaljulaid è la prima donna a essere mai stata eletta presidente dell’Estonia e Malmstrom è stata commissaria europea per il commercio per cinque anni fino al 2019. Una delle tre sarebbe la prima donna a dirigere l’Ocse, un’organizzazione intergovernativa il cui obiettivo è alimentare il progresso economico.

Dr. Özlem Türeci: In qualità di cofondatore e direttore medico di BioNTech, un’azienda biotecnologica tedesca, Türeci è stata, fino al 2020, concentrata sulla ricerca e sullo sviluppo di trattamenti contro il cancro. Ma quando suo marito e cofondatore, Ugur Sahin, si è reso conto a gennaio che il Covid aveva il potenziale per diventare una pandemia, il loro lavoro è cambiato, così come il loro profilo globale. BioNTech ha collaborato con Pfizer a marzo per sviluppare un vaccino Covid e il mese scorso le due società hanno annunciato che il loro farmaco, che si basa sulla tecnologia dell’mRNA, è efficace al 95%. Con la diffusione del vaccino destinata a diventare la storia dominante del 2021, l’effetto del lavoro di Türeci non può che aumentare.

Ngozi Okonjo-Iweala: L’economista Ngozi Okonjo-Iweala è stata la prima donna ministro delle finanze della Nigeria (e la sua più longeva) e ha lavorato per 25 anni per la Banca mondiale. Siede nei consigli di Twitter e Gavi, la Vaccine alliance, ed è pronta a diventare la prima donna a capo dell’Organizzazione mondiale del commercio. È per questi motivi, e non solo, che Forbes Africa l’ha nominata personalità africana dell’anno 2020 e che la consideriamo una donna da tenere d’occhio nel 2021.