La foodtech italiana Deliveristo raccoglie 4,5 milioni di euro e punta all’estero

I tre fondatori di Deliveristo
Share
Da sinistra: Gabriele Angeleri, Ivan Aimo e Luca Calia, i tre fondatori di Deliveristo.

La startup attiva nel foodtech Deliveristo ha chiuso un round d’investimento da 4,5 milioni di euro con United Ventures Sgr, fondo italiano di venture capital specializzato in tecnologie digitali. L’investimento in equity va a completare l’operazione iniziata dalla società a luglio 2020 con un pool di altri investitori, tra cui IAG, Gellify, Doorway, Seven – Angelomario Moratti, Metrica – Michele Novelli.

Fondata nel 2017 a Milano da tre ragazzai – Ivan Aimo, Luca Calia e Gabriele Angeleri – Deliveristo è una società che mette in contatto i produttori italiani di qualità e i distributori con il mondo dei ristoratori attraverso un mercato virtuale. Ha sviluppato una piattaforma online di delivery B2B che permette di semplificare la fornitura degli operatori Ho.Re.Ca. (Hotellerie – Restaurant – Café) tramite l’acquisto digitale, direttamente dai produttori e distributori. I capitali raccolti serviranno a sostenere il rafforzamento tecnologico della piattaforma proprietaria e l’ampliamento della struttura organizzativa, per favorire l’espansione geografica del business a livello nazionale ed europeo.

Alla base del modello di business di Deliveristo c’è il drop-shipping (senza magazzino) che permette una gestione logistica flessibile ed economicamente vantaggiosa, nonché la possibilità per i ristoratori di trovare tutti i tipi di prodotto con una ampiezza del catalogo potenzialmente infinita ed un unico punto di fatturazione. La piattaforma, basata su un’infrastruttura cloud, conta a oggi oltre 300 fornitori e 15 mila prodotti registrati. Grazie alle molteplici tipologie di prodotti disponibili, Deliveristo è in grado di raggiungere sia ristoranti moderni che tradizionali, ma lavora anche con negozi e dark kitchen, particolarmente inclini alla digitalizzazione dei processi di approvvigionamento delle forniture alimentari.

Il settore del foodtech continua a essere uno dei più attivi per quanto riguarda gli investimenti di venture capital a livello europeo e globale. Il mercato globale di riferimento (online food delivery) è in forte espansione, con un tasso di crescita pari all’11,5%, e un valore stimato per il 2023 di 154,3 miliardi di dollari.

“Il mondo della ristorazione”, ha commentato Aimo, che è anche ceo della startup, “sta vivendo un momento di grande cambiamento e vogliamo dare sempre di più il nostro contributo per aiutarlo ad innovarsi, fornendo a ristoratori e fornitori la tecnologia di cui hanno bisogno per semplificarsi la vita, risparmiando tempo ed energie. Il food rappresenta uno dei cuori pulsanti del nostro Paese e non possiamo permetterci di restare indietro. L’ingresso di United Ventures rappresenta per Deliveristo un momento importante di crescita, l’intesa sulla visione è stata allineata sin dal primo giorno e siamo sicuri che possa essere il valore aggiunto necessario per il raggiungimento degli obiettivi ambiziosi che la società si è posta”.