Seguici su
Investimenti 5 Gennaio, 2021 @ 12:28

Il più grande rischio per il mercato azionario nel nuovo anno secondo Morgan Stanley

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
morgan stanley sede
Sede Morgan Stanley (Image courtesy of Mario Tama – Getty Images)

Articolo di Jonathan Ponciano su Forbes.com

La spesa senza precedenti sia da parte dei legislatori che della Federal Reserve per evitare un crollo del mercato indotto dalla pandemia ha contribuito a portare le azioni a nuovi massimi l’anno scorso, ma gli esperti di Morgan Stanley sono preoccupati che le conseguenze non intenzionali di denaro extra e domanda repressa, una volta che la pandemia si placherà, potrebbero penalizzare i mercati quest’anno, rapidamente e bruscamente.

Aspetti principali

  • La più grande sorpresa del mercato del 2021 potrebbe essere “un’inflazione superiore a quella che molti, inclusa la Fed, si aspettano”, hanno detto gli analisti di Morgan Stanley in una nota lunedì, sostenendo che la massiccia spesa della Fed durante la pandemia sia andata oltre il semplice riempimento dei buchi lasciati dalle crisi e stia invece “creando una nuova possibilità di spesa che ha portato alla ripresa economica più rapida mai registrata”.
  • Utilizzando le sue riserve di liquidità per riacquistare circa 1 trilione di dollari in titoli, la Fed ha creato un mercato inondato di liquidità, cosa che in genere aiuta a guidare l’inflazione, ma, avverte Morgan Stanley, il flusso potrebbe far salire i prezzi una volta che la pandemia si placherà e le aziende si affretteranno a soddisfare la domanda dei consumatori repressa.
  • All’interno del mercato azionario, il rischio di inflazione è maggiore per le industrie “distrutte” dalla pandemia e “mal preparate per quello che potrebbe essere un aumento della domanda entro la fine dell’anno”, hanno aggiunto gli analisti di Morgan Stanley, indicando nei ristoranti, viaggi, altri settori e imprese correlate coloro i quali potrebbero essere costretti ad aumentare i prezzi, qualora si dimostrassero non in grado di soddisfare la domanda post-Covid.
  • Le migliori coperture contro l’inflazione a medio termine restano le azioni e le materie prime, le banconote di investimento, ma l’inflazione può essere “kryptonite” per le obbligazioni a lungo termine, e alla fine avrebbe un impatto negativo a breve termine su “tutte le azioni, se tale aggiustamento accadesse all’improvviso”.
  • In definitiva, Morgan Stanley stima che le aziende dell’S&P 500 potrebbero avere un taglio medio del 18% nelle loro valutazioni, rispetto agli utili, se il rendimento del Tesoro degli Stati Uniti a 10 anni si riaggiustasse per corrispondere ai fondamentali di mercato attuali: un aumento secondo gli analisti è “improbabile” ma non del tutto escluso.
  • Nel frattempo, Adam Crisafulli, il fondatore di Vital Knowledge Media, stima che l’afflusso di spesa della Fed e del governo abbia contribuito ad aumentare i multipli di valutazione nell’S&P del 16%, più del guadagno del 14% dell’indice lo scorso anno.

La citazione

“Con la produzione del pil globale già tornata ai livelli pre-pandemici e l’economia non ancora vicina alla riapertura completa, riteniamo che il rischio di picchi di prezzo più acuti sia più che stimato”, hanno affermato gli esperti di Morgan Stanley guidati da Michael J. Wilson, chief equity strategist e chief investment officer Usa, notando che il rapido aumento del bitcoin e di altre criptovalute è un segno che i mercati stanno già iniziando a pensare che valute come il dollaro potrebbero subire un crollo inaspettato. “L’adeguamento delle tariffe è solo una questione di tempo ed è probabile che avvenga rapidamente e senza preavviso”.

Il contesto

La pandemia è stata “perversamente” positiva per le grandi aziende, ha detto Crisafulli lunedì. Il guadagno del 14% dell’S&P impallidisce in confronto al più grande e tecnologico aumento del 40% del Nasdaq lo scorso anno, poiché le aziende – sostenute dalla spesa pubblica – hanno utilizzato le risorse esistenti “per evolversi e preservare i loro guadagni”. Di conseguenza, Crisafulli concorda sul fatto che i tassi dovrebbero essere la “grande storia macroeconomica del 2021” poiché una pandemia calante porta alla luce la pressione al rialzo dei prezzi.

Il grande numero

120 miliardi di dollari. Questo è quanto la Federal Reserve spende ogni mese per riacquistare titoli del Tesoro e titoli garantiti da ipoteca dopo aver avviato un massiccio programma di acquisto di asset da 700 miliardi di dollari a marzo. Il governo federale degli Stati Uniti, nel frattempo, ha autorizzato circa 3,5 trilioni di dollari di spesa per sostenere la ripresa economica a seguito della pandemia.

La critica

Il presidente della Fed di Chicago Charles Evans ha detto lunedì di avere “piena fiducia” nel fatto che la Fed sia ben posizionata per aiutare a stimolare una robusta ripresa economica con il suo attuale programma di acquisto di asset, e ha inoltre osservato che la banca centrale sarà aperta ad aggiustare il suo tasso di acquisto una volta raggiunta la primavera. “Gli operatori economici dovrebbero essere preparati per un periodo di tassi di interesse molto bassi e un’espansione del nostro bilancio”, ha detto Evans.

Su cosa porre attenzione

Il presidente eletto Joe Biden ha nominato l’ex presidente della Fed Janet Yellen a capo del Dipartimento del Tesoro, segno che il governo federale potrebbe lavorare a più stretto contatto con la Fed per aiutare a combattere le disuguaglianze economiche attraverso programmi come il reddito di base universale, osserva Morgan Stanley. “Questo è esattamente il mare del cambiamento che può portare a risultati inaspettati sui mercati finanziari”, afferma la banca di investimento.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!