Appuntamento a Wall Street: l’app di dating online Bumble (proprietaria di Badoo) si prepara a quotarsi in Borsa

Whitney Wolfe ha fondato Bumble dopo aver lasciato Tinder, che lei stessa aveva co-fondato. (Vivien Killilea/Getty Images for Bumble)
Share
Bumble
Whitney Wolfe ha fondato Bumble dopo aver lasciato Tinder, che lei stessa aveva co-fondato. (Vivien Killilea/Getty Images for Bumble)

Articolo di Angel Au-Yeung apparso su Forbes.com

Bumble Inc. ha presentato venerdì mattina i documenti per un’offerta pubblica iniziale, fornendo i dati finanziari di due app di appuntamenti: Bumble, l’app di dating orientata alle donne che opera in cinque paesi, compresi gli Stati Uniti, e Badoo, piattaforma di appuntamenti molto più anziana, con una presenza più ampia in Europa e in America Latina.

Bumble, che ha una funzione che consente solo alle donne di fare la mossa per prime, ha la metà del numero di utenti attivi mensili in confroto a Badoo, ma la base di utenza di Bumble è molto più disposta a pagare. Bumble aveva 12,3 milioni di utenti attivi mensili a settembre 2020, di cui quasi il 9% erano paganti. Badoo, invece, aveva 28,4 milioni di utenti attivi mensili, di cui il 4,6% paganti. In totale, Bumble e Badoo avevano 2,4 milioni di utenti paganti a settembre, con un aumento del 18,8% rispetto all’anno precedente.

La società ha registrato entrate per 417 milioni di dollari nei primi nove mesi del 2020, con una perdita netta di 117 milioni di dollari. Nello stesso periodo, nel 2019 ha registrato entrate per $ 363 milioni, con un utile netto di $ 68,6 milioni.

Whitney Wolfe Herd ha co-fondato Bumble nel 2014 con il miliardario russo Andrey Andreev, che aveva lanciato Badoo nel 2006. Wolfe Herd e Andreev si sono incontrati nel 2014 poco dopo che Wolfe Herd aveva citato in giudizio Tinder, il suo precedente luogo di lavoro, per molestie sessuali, sostenendo che il suo ex capo ed ex-fidanzato le aveva inviato minacce, messaggi dispregiativi e le aveva tolto il titolo di co-fondatrice. L’azienda ha negato qualsiasi illecito. Il caso è stato risolto rapidamente e in modo confidenziale.

Tuttavia, Wolfe Herd ha affrontato l’ennesimo scandalo, questa volta con Andreev, quando un’indagine di Forbes nel luglio 2019 ha scoperto che il miliardario russo ha scoperto accuse di una cultura tossica e misogina nell’ufficio londinese di Badoo. Questo apparentemente era in contrasto con il messaggio e la cultura dell’empowerment femminile che Wolfe Herd aveva costruito attorno a Bumble. La società ha negato la maggior parte delle accuse. È stata avviata un’indagine interna, guidata dallo studio legale del lavoro britannico Doyle Clayton, che ha concluso che “la principale accusa fatta dall’articolo di Forbes – di un’atmosfera misogina nell’ufficio di Londra -non è corretta. Tuttavia, l’indagine ha identificato un piccolo numero di dipendenti attuali ed ex che ritengono che ci siano elementi di sessismo”, in azienda.

Quattro mesi dopo la pubblicazione della storia di Forbes, la società di private equity Blackstone Group ha annunciato che avrebbe acquisito la quota di maggioranza di Andreev – stimata tra il 59% e il 79% – in una transazione per un valore della società di 3 miliardi di dollari. Wolfe Herd ha assunto la carica di ceo di Bumble e Badoo. Sebbene Andreev fosse il fondatore e abbia fornito il supporto tecnico a Badoo e Bumble, è assente dalla storia dell’azienda nel prospetto.

Il prospetto include anche un diagramma elaborato di come sarà la struttura organizzativa di Bumble dopo l’Ipo, che ha già iniziato a suscitare domande da esperti tecnologici, confrontandola con un grafico nel prospetto di WeWork, la società immobiliare implosa poco prima della sua IPo prevista nel settembre 2019. La società non ha risposto a una richiesta di commento sul proprio organigramma.

Prima che Blackstone acquisisse Bumble e Badoo, Forbes aveva trovato circa una dozzina di filiali legate a Badoo, con sede negli Stati Uniti, Regno Unito, Bermuda, Cipro, Malta e Isole Vergini britanniche. Il prospetto nomina l’ex società madre con sede a Bermuda, Worldwide Vision Limited. C’è anche un accenno al fatto che il “contribuente principale” della società sia “domiciliato a Malta”.

Quando le voci sull’Ipo di Bumble sono emerse per la prima volta durante l’autunno dello scorso anno, Bloomberg aveva riferito che la società prevedeva di quotarsi in borsa con una valutazione da $ 6 a $ 8 miliardi. Forbes stima che Wolfe Herd possieda il 20% della società, anche se tale cifra potrebbe cambiare dopo l’offerta pubblica. Il prospetto presentato venerdì non include dettagli sulle quote di proprietà di investitori e dirigenti.