Anche Nissan nega colloqui con Apple per lo sviluppo dell’iCar

Share

Durante le scorse settimane si sono ipotizzati diversi nomi di produttori automobilistici che potrebbero sviluppare la famigerata Apple Car. All’inizio si pensava a Hyundai, poi a Kia e successivamente è spuntata l’ipotesi Nissan. Secondo quanto riportato dal Financial Times, proprio la casa nipponica – già impegnata da oltre 10 anni nella produzione di auto elettriche e a guida autonoma – sarebbe stata contattata da Apple per lavorare congiuntamente al progetto Titan. Le due aziende avrebbero intrattenuto brevi discussioni, conclusesi a causa della riluttanza di Nissan a diventare un mero “assemblatore” per il gigante di Cupertino. Quando l’agenzia di stampa Reuters ha riportato la smentita di Nissan riguardo la trattativa con Apple, il titolo del costruttore auto del Sol Levante ha visto il suo titolo azionario calare in borsa, chiudendo in ribasso del 2,84%.

Pare che il contatto sia stato breve e le discussioni non siano proseguite coinvolgendo i dirigenti senior a causa delle divisioni sul “marchio” del veicolo elettrico del produttore di iPhone. La natura delle discussioni non è nota, ma Apple tiene in grande considerazione il proprio marchio e sembra non sia disposta a condividere lo spazio con altri partner sui suoi prodotti. Apple difficilmente menziona le aziende fornitrici che assemblano i suoi prodotti come iPhone, iPad o Mac, e risulta pertanto difficile immaginare che l’azienda di Cupertino sia disposta a condividere con altri i meriti della realizzazione di una eventuale futura Apple Car. Difficile la ricerca di un partner in ambito automobilistico che si renda semplice fornitore, lavorando dietro le quinte. 

“Non siamo in trattative con Apple. Tuttavia, Nissan è sempre disponibile ad esplorare collaborazioni e partnership per accelerare la trasformazione del settore”, ha dichiarato una portavoce di Nissan Motor Corporation dal quartier generale di Tokyo, rifiutandosi di commentare le indiscrezioni.

Share