Rocket Companies sprofonda in Borsa. E il fondatore miliardario Dan Gilbert “perde” 25 miliardi in un giorno

Dan Gilbert, Rocket Companies
Photo by Jason Miller Getty Images
Share

Articolo di Jonathan Ponciano apparso su Forbes.com

Mercoledì, le azioni della società che si occupa di erogare mutui online, Rocket Companies, sono crollate del 33%, intaccando il patrimonio  del miliardario fondatore della società di Detroit, Dan Gilbert, dopo che nella giornata di martedì il titolo è andato incontro a un rally record che aveva mandato al rialzo del 70% le azioni della società. Decisivo era stato l’intervento dei investitori retail che hanno pompato le azioni allo scoperto. Segno che la mania del mercato che ha spinto al rialzo GameStop non è ancora finita.

LEGGI ANCHE: “La scalata di Dan Gilbert, il magnate dei mutui americano che ora è più ricco di Jack Ma”

Aspetti principali

  • Il tuffo al ribasso di mercoledì di Rocket Companies ha intaccato il patrimonio di Gilbert di circa 25,4 miliardi di dollari, un giorno dopo che le azioni allo scoperto dell’azienda erano salite alle stelle del 71%, rendendo Dan Gilbert la decima persona più ricca del mondo alla chiusura della seduta di martedì.
  • Il patrimonio netto di Gilbert era salito di quasi 33 miliardi di dollari durante le ore di negoziazioni di martedì, poiché le azioni sono state scambiate 360 milioni di volte, oltre 70 volte il volume di solo una settimana prima.
  • Julian Emanuel, chief equity and derivatives strategist di BTIG, ha definito Rocket Companies il “titolo del giorno” di martedì, in una nota ai clienti, paragonando l’ondata agli aumenti temporanei “parabolici” di GameStop e bitcoin, facendo eco ai commenti di un analista di Barclays che ha detto che l’impennata è stata molto “guidata” da un’ondata retail ed è stata probabilmente frutto di uno short squeeze (un rapido aumento del prezzo di un’azione, superiore alle aspettative degli analisti e degli investitori).
  • Anche se al di sotto del picco a breve termine di GameStop di oltre il 100% (come percentuale delle azioni disponibili per gli scambi), l’interesse di breve termine del 37% di Rocket Companies è più di 10 volte la media del 3% nell’S&P 500.
  • In mezzo alla frenesia degli scambi, la vicenda della Rocket Companies ha dominato il forum di discussione WallStreetBets di Reddit: [GameStop] non è l’unico titolo esistente [s]… Questa compressione delle azioni è stata creata dal ceo di Rocket … odia tanto gli shorts come noi”, è stato detto in un post mercoledì che ha ottenuto quasi 10mila voti positivi.
  • Nonostante il forte calo dei prezzi di mercoledì, le azioni di Rocket Companies sono ancora in rialzo del 30% rispetto alla fine della scorsa settimana, e Dan Gilbert, proprietario anche dei Cleveland Cavaliers della NBA, è più ricco di circa 10 miliardi di dollari da allora.

In cifre

57,3 miliardi di dollari. Questo è il patrimonio di Dan Gilbert alla chiusura del mercato di mercoledì. Cifra che gli permette di essere la ventunesima persona più ricca al mondo.

Sfondo chiave

Dan Gilbert, 59 anni, ha quotato Rocket Companies per la seconda volta in agosto, 35 anni dopo aver fondato la sua sussidiaria di prestito ipotecario, Quicken Loans. Il debutto dell’azienda alla Borsa di New York ha aumentato il patrimonio di Gilbert di oltre 33 miliardi solo nel suo primo giorno di negoziazione. All’epoca ha venduto azioni per un valore di circa 1,8 miliardi di dollari, ma possiede ancora una quota di quasi il 95%.

Citazione 

“I modelli di trading di GameStop e AMC Entertainment nelle ultime settimane hanno innervosito il sentiment dei mercati, ma sono stati più un divertimento marginale che una preoccupazione macroeconomica fondamentale”, ha detto mercoledì Adam Crisafulli, fondatore di Vital Knowledge Media. “Tuttavia, questo cambierà quando ciò inizierà a diffondersi verso aziende più serie, come Rocket Companies”.

Fatto sorprendente

Le azioni GameStop hanno resistito dopo una recente ripresa alla fine di settembre, dimostrando quanto facilmente i prezzi delle azioni a basso volume possano essere influenzati da un afflusso di attività di trading rialzista. Nonostante a un certo punto abbia accumulato quasi l’80% da un massimo di fine gennaio, GameStop quest’anno è ancora in crescita del 540%.