Sfilate online, brevi film e debutti di prestigio: la moda torna in scena a Parigi

Share

La pandemia non ferma la moda, tanto meno la dieci giorni per il pret-à-porter del prossimo inverno, in scena digitale a Parigi fino al 10 marzo, quando Louis Vuitton chiuderà la kermesse che ha 93 eventi. Tutto è possibile in riva alla Senna, sfilate solo online, brevi film e perfino edizioni speciali di quotidiani cartacei logati, e poi il grande ritorno delle supertop. Atteso al varco il debutto dell’americana Gabriela Heart da Chloé, marchio del Gruppo Richemont, con intelligente rilettura attualizzata dell’heritage, poncho, abiti e borse di bella maglieria. Da Issey Miyake si punta alla Natura e ai colori neutri delle pietre e delle conchiglie: l’abito può esere anche solo un pezzo di tessuto rettangolare che avvolge il corpo nel segno del più puro minimalismo.

Bella Hadid
Bella Hadid
Gigi Hadid
Gigi Hadid

Da Versace per il quadro finale del defilè online le modelle più famose del mondo si fanno intorno a Donatella, sempre più Blonde e sempre più brava a reinventare la griffe fondata dall’indimenticabile fratello Gianni Versace. Ed ecco Gigi Hadid con la sorella Bella Hadid di nuovo insieme nel labirinto di legno che fa da scena al defilè virtuale, e con loro anche Vittoria Ceretti, Adut Akech, Precius Lee (modella plus size), Irina Shayk, Anok Yai, ingaggiate tutte per una settimana, per lasciare a secco di tanta bellezza molti concorrenti. Bella la moda di Donatella, col lancio di una nuova stampa che chiama La Greca e che mischia l’antichità della grafica cara alla maison con la V, in un labirintico gioco in 3D che rimbalza dall’abbigliamento agli accessori. In sfilata anche l’uomo, molto curato e meno aggressivo e palestrato del solito, quasi pronto per planare sulla City.

Rivoluzione totale in casa Loewe con Jonathan Anderson, direttore creativo del brand in portafoglio al Gruppo Lvmh che a sorpresa, pur essendo nel calendario ufficiale, oggi decide di non sfilare e manda nel mondo la stampa del “suo” quotidiano di moda con le foto dei 44 modelli delle collezione femminile per l’inverno 2021-2022: la carta meglio del digital, il gesto di sfogliare il quotidiano meglio del tripudio dei social, un estratto di un racconto di Danielle Steel assopigliatutto della letteratura da milioni e milioni di lettori allegato al giornale di Loewe come un tempo i romanzi storici. La Moda di Loewe? Bella e colta.

LOEWE
LOEWE