Il “payroll giving” di Snam per l’8 marzo: i dipendenti donano ore di lavoro per le donne in difficoltà

Marco Alverà Snam
Marco Alverà, amministratore delegato di Snam (Courtesy Snam)
Share

Più di 3.300 persone coinvolte, per un’iniziativa benefica a favore delle donne in difficoltà. In occasione dell’8 marzo, Giornata internazionale della donna, Snam ha lanciato una nuova iniziativa di payroll giving: i dipendenti potranno donare il corrispettivo di una o più ore di lavoro a due associazioni. Le somme saranno poi raddoppiate dalla Fondazione Snam, creata nel 2017 per “sviluppare e promuovere pratiche innovative e solidali”. Già lo scorso anno, con la campagna “Diamo forma al futuro”, i dipendenti della società guidata dall’amministratore delegato Marco Alverà avevano raccolto più di un milione di euro per sostenere le associazioni impegnate a fornire assistenza alla popolazione durante la pandemia.

A chi andranno i fondi raccolti da Snam

Uno dei progetti ai quali saranno devoluti i fondi è il programma nazionale di WeWorld contro la violenza sulle donne, che offre servizi di prevenzione e sensibilizzazione, ma anche presidi antiviolenza SOStegno Donna a Napoli (quartiere Scampia), Milano (Giambellino), Roma (San Basilio), Cosenza e Bologna. Il servizio offre un ambiente aperto 24 ore su 24 e sette giorni su sette per accogliere le donne vittime di violenza e i loro figli. “Il numero di donne vittime di violenza che si rivolgono al pronto soccorso è nettamente superiore a quello delle donne che si recano alla polizia, ai consultori, ai servizi sociali e ai servizi di volontariato”, scriveva WeWorld poco dopo la nascita del servizio. “Il pronto soccorso diventa dunque un luogo privilegiato per fare emergere la violenza domestica e dare una risposta adeguata sul piano psico-sociale, attraverso la relazione con la rete dei servizi del territorio”.

L’altro progetto è quello dell’associazione Domus de Luna, fondazione onlus nata nel 2005 per assistere e curare bambini, ragazzi e mamme in situazioni di difficoltà. I fondi raccolti dall’iniziativa di Snam aiuteranno il centro Exmè, nella municipalità cagliaritana di Pirri, a distribuire beni di prima necessità. Exmè è un centro giovani che utilizza musica, arte e sport come “alternativa alla strada e come strumenti per crescere migliori”. I fondi raccolti da Snam contribuiranno inoltre al sostegno psicologico e terapeutico nel centro di cura Sa Domu Pitticca.