A Forbes Leader il country manager di Acer spiega i suoi piani per la digitalizzazione dell’Italia

Diego Cavallari, Country Manager Acer Italia
Share

Il recovery plan è una grande occasione per digitalizzare l’Italia. E lo è, ovviamente, anche per una multinazionale come Acer, tra i principali produttori al mondo di notebook, personal computer e apparecchiature tecnologiche, per recitare un ruolo importante in questo processo. Durante la puntata 101 di Forbes Leader, andata in onda sul canale 511 di Sky lo scorso 29 aprile, il country manager per l’Italia di Acer, Diego Cavallari, ha raccontato com’è andato il suo primo anno alla guida della divisione italiana del gruppo, ma anche di come la sua azienda può contribuire a colmare il divario digitale dell’Italia con il resto dell’Europa.

“L’Italia è sempre stata molto indietro sulla digitalizzazione in ambiti come la scuola e gli enti pubblici”, ha affermato Cavallari, “oggi noi abbiamo una grandissima opportunità per essere partecipi nella chiusura del digital divide. Acer è un’azienda leader del mondo IT, la nostra produzione di notebook e pc è quella più nota, ma in realtà offriamo un vasto ventaglio di soluzioni, tra server, backend e frontend”.

La pandemia, con le restrizioni che ha comportato, ha fatto sì che molti scoprissero la necessità di rivolgersi alla tecnologia: basti pensare alla didattica a distanza nelle scuole o allo smart working. Ma anche le persone più anziane hanno dovuto misurarsi con la tecnologia. “È necessario che il governo faccia un piano utile ad accelerare la transizione verso un mondo digitale. In questo caso noi ci faremmo trovare pronti: abbiamo soluzioni dedicate alla pubblica amministrazione, ai professionisti privati e anche alla scuola”.

Da qui ai prossimi mesi, dunque, Cavallari ha bene in mente dove condurre Acer Italia: “La mia idea è essere più dinamici per sfruttare al meglio le opportunità che abbiamo davanti, dobbiamo avere cura di offrire il prodotto giusto per la categoria giusta. Vogliamo lavorare con gli studenti, con i professionisti che hanno bisogno di un prodotto performante, ma anche con persone anziane che necessitano di strumenti di semplice utilizzo per avvicinarsi alla tecnologia. Il nostro compito, come Acer, è di aiutare tutte queste categorie di persone”.