Wise si quota a Londra. E i due fondatori diventano i primi miliardari estoni

Taavet Hinrikus (a sinistra) e Kristo Kaarmann
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

I cofondatori della startup di pagamenti internazionali Wise sono diventati i nuovi miliardari europei del settore tecnologico dopo il debutto dell’azienda lo scorso mercoledì alla Borsa di Londra.

Con prezzi fissati a 11 dollari (8 sterline) per azione attraverso un processo di direct listing, la quota del 18,78% detenuta da Kristo Käärmann in Wise gli dà un patrimonio netto stimato di 2 miliardi di dollari, rendendolo il primo estone a raggiungere la soglia del miliardo di dollari nella lista di Forbes.

Fondata nel 2011, la startup precedentemente nota come Transferwise offre trasferimenti di denaro a basso costo in 56 valute diverse. Käärmann e il suo cofondatore estone Taavet Hinrikus, che ha una partecipazione del 10,85% del valore di 1,1 miliardi di dollari, hanno fondato Wise dopo essersi stancati “di perdere denaro con le nostre banche” a causa delle commissioni che pagavano per inviare denaro tra Londra, dove stavano lavorando, e casa loro in Estonia.

Oggi Wise processa 6 miliardi di dollari di pagamenti internazionali ogni mese per 10 milioni di clienti, affermando di far risparmiare agli utenti circa 1,5 miliardi di dollari l’anno in commissioni bancarie. In un confronto diretto con il servizio di trasferimento di denaro internazionale di Western Union, per esempio, Wise afferma che inviare 1.000 sterline negli Stati Uniti costa 18 dollari in meno utilizzando il loro servizio.

L’IPO di oggi rende Wise la più grande azienda tecnologica, per capitalizzazione di mercato, a quotarsi alla Borsa di Londra.

LEGGI ANCHE: Robinhood fa un altro passo verso l’Ipo. Ma intanto perde 1,4 miliardi di dollari in tre mesi

Crescita

L’ascesa di Wise che l’ha portata a essere una società di pagamenti con una capitalizzazione di mercato di $ 11 miliardi, arriva in scia all’aumento dei ricavi e delle valutazioni per le società fintech e di pagamento affiorate in massa durante il blocco globale della pandemia.

Solo in Europa gli investitori hanno portato il valore della startup di pagamenti online Checkout.com da $ 5,5 miliardi nel giugno 2020 a $ 15 miliardi nel gennaio 2021, mentre la fintech di pagamento a rate Klarna ha triplicato la sua valutazione in soli sei mesi da $ 11 miliardi a $ 31 miliardi in marzo. Wise ne ha beneficiato allo stesso modo. Nel 2019, la società ha registrato ricavi per 177,9 milioni di sterline, un anno dopo i ricavi sono stati di 302,6 milioni e nel 2021 Wise ha già punta ai 421 milioni, con un aumento del 136% in soli due anni. Nel luglio 2020, Wise ha raggiunto una valutazione di $ 5 miliardi guidata dagli investitori, rendendola una delle migliori fintech europee.

La crescita dei ricavi e la valutazione degli investitori di Wise, segue un costante aumento delle transazioni. Nel 2019, infatti, i 6 milioni di clienti di Wise hanno elaborato 37 miliardi di dollari in trasferimenti di valuta incrociata (aziendali e personali); mentre nel 2020 quel numero è cresciuto fino a 8 milioni di clienti e $ 58 in trasferimenti di valuta incrociata. Nel 2021 Wise ha raggiunto 10 milioni di clienti e 74 miliardi di dollari per volume di pagamenti.

Due miliardi, 1.3 milioni

La storia degli inizi di Wise è una parabola sul valore della risoluzione di problemi finanziari personali su piccola scala.

Secondo un’intervista con Forbes nel 2016, Wise è nato dalla volontà di risparmiare denaro tra i due fondatori estoni che lavoravano a Londra, Käärmann e Hinrikus. Mentre Käärmann lavorava a Deloitte e Hinrikus a Skype, la coppia ha ideato un sistema per evitare di pagare commissioni comprese tra il 10% e il 12% sulle transazioni mensili tra una persona che aveva bisogno di corone estoni e un’altra di sterline britanniche. “Ci siamo resi conto che in realtà non è necessario spostare il denaro. Non è necessario effettuare un trasferimento internazionale perché il denaro esiste già dove è necessario”, ha affermato Hinrikus nel 2016.

L’idea si è poi diffusa ad altri espatriati estoni che hanno visto grandi risparmi nello scambio di denaro in questo modo. Il forum di scambio di denaro collegato a Skype si è trasformato in TransferWise nel 2011. La coppia, quindi, ha lasciato il lavoro e si è autofinanziata per un anno prima di ottenere un finanziamento iniziale di $ 1,3 milioni.

La startup ha guadagnato l’attenzione globale solo un anno dopo, quando il miliardario Peter Thiel ha guidato il round di finanziamento di serie C da $ 6 milioni di Wise. Nel 2014, il miliardario Richard Branson ha investito in un giro di $ 26 milioni per una quota non dichiarata.

Jeppe Rindom, fondatore della società finanziaria danese Pleo, ha detto a Forbes che Wise è nata durante un “cigno nero” nel corso di una crisi finanziaria, aggiungendo che “è giusto che si quoti senza pensarci un secondo”. Riguardo al loro successo, dice: “Wise ha sfidato i confini senza farsi nemici, ha lavorato con i media senza fare pubblicità e ha investito nella sua cultura, non solo nel prodotto”.

La quotazione è anche una buona notizia per i 2.400 dipendenti di Wise in tutto il mondo che beneficeranno di un pacchetto opzioni per il 9,8% delle azioni totali.