Nasce BFC DigitalArt, la nuova divisione dedicata all’arte digitale e agli Nft

Share

BFC Media, la media & digital company leader nell’informazione sul personal business e sui prodotti finanziari, quotata alla Borsa di Milano, annuncia la costituzione di BFC DigitalArt, la nuova divisione dedicata all’arte digitale e agli NFT.

La piattaforma di esordio su cui saranno pubblicati e venduti gli NFT sarà OpenSea.io e la prima opera sarà la copertina numero uno del magazine Robb Report Italia, disegnata dall’artista Lorenzo Petrantoni, graphic designer di fama mondiale.

Seguiranno gli NFT delle copertine di Forbes Italia, passate e future, nonché opere originali che andranno ben oltre le semplici cover. Dato le collaborazioni della casa editrice e visti i contatti con innumerevoli celebrità del panorama socio culturale italiano, l’ambizione è quella di pubblicare NFT di varia natura, certamente artistici, ma non solo. Potrebbero essere foto di backstage, interviste inedite, collezioni di vecchi numeri delle varie riviste del gruppo e molto altro.

Tutto il progetto ruoterà intorno al sito BFCDigitalArt.com, che fungerà da galleria principale e a sua volta sfrutterà piattaforme come OpenSea.io e SuperRare.com per le aste e le vere cessioni degli NFT con corrispettiva scrittura in Blockchain.

Il non-fungible token è un “asset digitale” salvato su blockchain che dimostra inequivocabilmente il possesso dell’opera digitale a esso collegata, un’immagine, un audio, un video, un progetto architettonico, e ogni altro prodotto creativo. Custoditi in portafogli digitali, i wallet, vengono creati in un unico pezzo o in un numero limitato e numerato, acquisendo così uno status esclusivo e di valore.

“Abbiamo deciso che era giusto condividere con il mondo il nostro immenso catalogo che di fatto rappresenta una vera e propria collezione di opere d’arte”, ha affermato Denis Masetti, presidente di BFC Media. “L’arte digitale rappresenta un’opportunità per tutti quegli artisti che finalmente, grazie agli NFT, potranno finalmente vedere riconosciuto il proprio talento; infatti, l’arte digitale è sempre stata sottovalutata perché liberamente disponibile, ma l’avvento degli NFT sta cambiando tutto questo”.

“L’obiettivo è quello di creare un numero limitato ed esclusivo di opere digitali ogni mese”, spiega Federico Morgantini, a capo della divisione BFC DigitalArt. “Gli NFT non incorporeranno solo le opere ma anche altri diritti e opportunità per rendere l’esperienza con i nostri lettori sempre più completa e multimediale”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti