Il Manchester City ha chiuso un accordo multimilionario con l’exchange di criptovalute Okx

(Photo by Clive Mason/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il Manchester City ha deciso di seguire la criptovaluta-mania. Venerdì, i campioni in carica della Premier League hanno annunciato un accordo pluriennale con Okx, che diventerà partner ufficiale per lo scambio di criptovalute. L’accordo, che rappresenta la prima partnership di Okx nel mondo dello sport, riguarderà le squadre maschili e femminili del Manchester City, e il settore dell’ ESport. L’accordo garantirà a Okx uno spazio all’interno di entrambe le strutture del Manchester City: l’Etihad Stadium da 55.000 posti e l’Academy Stadium da 7.000 persone, nonché la collaborazione su progetti futuri.

I termini finanziari della partnership non sono stati resi noti, ma secondo quanto dichiarato da una fonte a Forbes, l’accordo tra Okx e la sesta squadra di calcio più preziosa al mondo (con un valore di 4 miliardi di dollari), verosimilmente garantirà al club di Manchester cifre multimilionarie ogni anno. È solo l’ultima di una serie di sponsorizzazioni volute da player del mondo crypto, che, attraverso lo sport, cercano di entrare in contatto con il pubblico mainstream.

I testimonial: da Tom Brady a LeBron James

L’anno scorso, Ftx ha firmato un accordo della durata di 19 anni da 135 milioni di dollari per i diritti sul nome dell’arena dei Miami Heat, mentre Crypto.com ha speso più di 700 milioni di dollari per sostituire l’intitolazione dello Staples Center per i prossimi 20 anni, oltre a un accordo multimilionario per inserire una toppa sulla maglia dei Philadelphia 76ers.

Ftx e Crypto.com hanno anche raccolto una lista di atleti come testimonial: per FTX ci sono il quarterback della Nfl in pensione Tom Brady, il playmaker  dei Golden State Warriors Steph Curry e il fenomeno dei Los Angeles Angels Shohei Ohtani, mentre per Crypto.com il “King” LeBron James. Un recente rapporto Nielsen prevede che la spesa in criptovalute nello sport raggiungerà i 5 miliardi di dollari entro il 2026.

Chi è Okx

Okx è il secondo exchange di criptovalute più importante per volume di transazioni di derivati. È stata fondata nel 2017 da Star Xu, l’imprenditore crittografico che ha dichiarato pubblicamente la sua innocenza nel 2020 dopo un’indagine su una fusione azionaria relativa alla sua società blockchain OK Group.  Denominata OKEx fino a quest’anno, Okx ha sede nella Repubblica delle Seychelles e opera in più di 100 paesi. A gennaio, la società ha affermato che il totale degli scambi sulla sua piattaforma è cresciuto del 700% nel 2021.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti