La guerra continua ma i fattorini non si fermano: i driver ucraini rischiano la vita per consegnare cibo ai civili intrappolati

fattorini
Mohammad Javad/Sopa Images/LightRocket via Getty Images
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Chloe Sorvino

I driver ucraini stanno guidando attraverso i molti pericoli per portare cibo alle persone rimaste bloccate dai bombardamenti russi nelle città più grandi del paese. MHP, sesto esportatore di pollame al mondo, considerato la più grande azienda alimentare ancora operante in Ucraina, distribuisce fino a 330 tonnellate di pollo ogni giorno per sfamare migliaia di civili a Kiev, Kharkiv e Mariupol sotto l’attacco delle forze russe guidate dal presidente Vladimir Putin. I fattorini portano il cibo verso le destinazioni aggirando i ponti fatti saltare in aria, superando i checkpoint, evitando il terreno bombardato e numerosi pericoli di morte. Non si può dire quanti ucraini vivano in circostanze disperate, senza riscaldamento o sostentamento, ma sono frequenti le segnalazioni di condomini e ospedali in fiamme nei quartieri residenziali.

Il delivery di MHP e i fattorini: degli eroi “che mettono a rischio le loro vite”

“È una crisi umanitaria”, ha affermato John Rich, presidente di MHP, un australiano che sta gestendo l’azienda dalla Slovenia. “Le persone nelle aree bombardate non hanno accesso a nulla”.

Migliaia di driver in Ucraina si stanno imbarcando in quelle che Rich ha definito “missioni suicide” per portare furgoni pieni di pollo a persone che hanno passato giorni senza cibo. Molti dei conducenti sono nuovi dipendenti che si sono rivolti a MHP dopo la chiusura di altre società, compresi i concorrenti di MHP.

“La distribuzione è un incubo”, ha detto Rich. “I driver sono così patriottici che mettono a rischio le loro vite”.

Prima della guerra, la capitale Kiev aveva una popolazione di 2,8 milioni, Kharkiv 1,4 milioni e Mariupol, una città portuale sul Mar d’Azov, 434.000. Si dice che oltre 2 milioni di ucraini siano fuggiti dal paese. Alcuni osservatori hanno preso in considerazione l’idea di regolari rifornimenti umanitari alla popolazione civile in aereo, sul modello del ponte aereo di Berlino. Altri hanno chiesto i cosiddetti corridoi umanitari che permettano ai civili intrappolati di lasciare le città assediate. Per ora, gli ucraini affamati, alcuni dei quali sono accovacciati in bunker sotterranei, si affidano in parte all’eroismo dei conducenti di MHP.

“Portare cibo alle persone in Ucraina è complicato”, ha affermato Graham Gordon, head of policy presso l’Agenzia cattolica senza scopo di lucro per lo sviluppo d’oltremare nel Regno Unito, la seconda rete umanitaria più grande del mondo dopo la Croce Rossa. “Stiamo davvero spingendo per i corridoi umanitari. Le persone devono poter uscire dalle città che vengono bombardate”.

Le perdite di Mhp dopo l’invasione russa

Prima della guerra, MHP esportava ogni anno metà del suo pollo, olio di girasole e cereali. Ora tutto ciò che raccoglie MHP rimarrà in Ucraina, per sfamare la sua gente. MHP ha perso circa 3.000 acri a causa dell’invasione russa, ma controlla ancora più di 900.000 acri, per lo più situati nella parte occidentale del paese. Altri affiliati MHP hanno smesso di funzionare e una delle sue più grandi strutture di stoccaggio di polli al di fuori di Kiev è stata “completamente demolita”, ha detto Rich.

“Le perdite sul prodotto sono materiali”, ha detto Rich. “Siamo in una situazione in cui cerchiamo di mantenere la distribuzione, essendo il più grande distributore in Ucraina. Ma non è facile.”

Un autista potrebbe lasciare rifornimenti alla periferia di una città. Alcune zone sono così pericolose che solo la Croce Rossa può andare oltre un certo punto. In cambio del trasporto di polli, MHP ha fornito carburante alla Croce Rossa e ha anche contribuito a sostenere il trasporto di donne e bambini fuori dalle zone più pericolose.

Alcuni supermercati stanno ancora acquistando direttamente da MHP. Questo principalmente per quanto riguarda l’ovest e il sud-ovest del paese, ha detto Rich. Nel nord e nell’est del Paese la situazione è drammatica. I mercati stanno affrontando serie carenze alimentari se non sono già stati chiusi o bombardati, ha detto.

“Con il bombardamento dei centri di distribuzione, i supermercati stanno perdendo la capacità di distribuirsi da soli”, ha detto Rich. “Ora che le forze russe hanno iniziato a bombardare le aree a ovest, è diventato ancora più complicato”.

L’impegno di Mhp e il suo impatto sull’Ucraina

MHP, le cui azioni sono quotate in borsa a Londra, lo scorso anno ha registrato un profitto di 600 milioni di dollari su un fatturato di 2,2 miliardi. L’azienda impiega 28.000 persone in Ucraina e, aggiungendo le loro famiglie e le parti interessate lungo la catena di approvvigionamento di MHP, afferma di essere responsabile di 250.000 ucraini. Ha aiutato molte delle famiglie dei suoi dipendenti a lasciare il Paese.

Rich ha detto che non tutto ciò che MHP sta facendo per i residenti affamati è beneficenza. “Il governo paga per alcuni”, ha detto. “Le catene di supermercati pagano ancora se possiamo consegnare loro. Non è tutto umanitario. Ma la proporzione umanitaria aumenta di giorno in giorno, mentre le forze russe bombardano le città”.

Le prossime tre settimane saranno fondamentali per MHP e altri coltivatori in Ucraina. A differenza dei piccoli agricoltori che stanno lottando per trovare abbastanza fertilizzanti, MHP ha affermato di aver accumulato abbastanza carburante per i trattori e fertilizzanti per la stagione della semina primaverile, quando grano, mais e girasoli crescono nel suolo ucraino.

Come affrontare la carenza delle materie ed evitare la carestia

“Se avremo l’opportunità di piantare nelle prossime tre settimane, se piantiamo e raccogliamo, allora affronteremo questa crisi in maniera significativa”, afferma Rich. “Il pericolo per tutti è se l’Ucraina non riuscisse a piantare nelle prossime tre settimane. Ciò avrebbe un impatto significativo”.

Le conseguenze potrebbero andare ben oltre i prezzi del mercato globale delle materie prime, che sono già saliti alle stelle. I paesi del Medio Oriente e dell’Africa fanno affidamento sul grano di MHP per nutrire le loro popolazioni, ma ora un blocco russo sta bloccando le esportazioni dai porti ucraini.

I prezzi al consumo dovrebbero aumentare a livello globale e gli scenari estremi includono anche la carestia. Secondo il Programma alimentare mondiale, “il conseguente divario di approvvigionamento globale potrebbe far aumentare i prezzi internazionali di alimenti e mangimi dall’8% al 22% al di sopra dei livelli attuali, che sono già elevati”.

L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha affermato che se il conflitto si traduce in una prolungata riduzione delle esportazioni, l’aumento dei prezzi danneggerebbe maggiormente i paesi economicamente vulnerabili. Uno scenario pubblicato suggerisce che le persone denutrite potrebbero aumentare tra 8 milioni e 13 milioni entro il 2023, in particolare nella regione del Sud-Est Asiatico, nell’Africa subsahariana, nel Medio Oriente e nel Nord Africa.

“Siamo in una guerra di logoramento”, ha detto Rich. “Ma l’unica cosa che può giocare a favore del popolo ucraino è il suo patriottismo inesorabile”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.