Waymo si espande: i suoi veicoli a guida autonoma ora sono anche a San Francisco

(Photo by Justin Sullivan/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Waymo, la prima azienda a guida autonoma a lanciare un servizio di robotaxi negli Stati Uniti, ha annunciato che si sta espandendo con i suoi veicoli completamente autonomi verso San Francisco, ampliando così l’area di servizio in cui opera la sua flotta di robotaxi, ovvero quella di Phoenix.

Alphabet Inc., che nel 2020 a San Francisco ha iniziato a testare i Suv elettrici Jaguar I-Pace provvisti di telecamere, sensori laser, ha dichiarato che sta rendendo operativi alcuni di quei veicoli senza un autista al volante. Per ora, trasporteranno solo i dipendenti Waymo e non dei veri e propri clienti. Cruise, sostenuta da General Motors, sta iniziando a offrire corse a guida autonoma a pagamento ai pendolari di San Francisco, anche se Waymo afferma di essere la prima azienda ad avere servizi di robotaxi in più di una località. (A differenza di Cruise, tuttavia, Waymo non ha ancora ricevuto dalla California un permesso per offrire ai clienti corse a pagamento in veicoli completamente autonomi).

In arrivo anche le corse dei veicoli di Amazon

“Siamo particolarmente entusiasti di questa prossima fase del nostro viaggio poiché portiamo ufficialmente la nostra tecnologia a San Francisco, la città che molti di noi di Waymo chiamano casa”, ha affermato il co-ceo Tekedra Mawakana in un post sul blog. “Abbiamo imparato davvero tanto dai nostri Trusted Tester di San Francisco negli ultimi sei mesi e dal lancio del nostro servizio completamente autonomo nella East Valley di Phoenix. Tutto ciò ha avuto un impatto importante sul modo in cui portiamo avanti il ​​nostro servizio. Diamo inoltre il benvenuto ai nostri primi veicoli a guida autonoma a San Francisco”.

L’arrivo di servizi a guida autonoma in un ambiente urbano denso come quello di San Francisco è un grande risultato per una tecnologia che si è rivelata più complessa e difficile da perfezionare rispetto a quanto previsto alcuni anni fa, nonostante miliardi di dollari di investimenti e, nel caso di Waymo, più di un decennio di ricerca e sviluppo. Insieme a Cruise, l’unità Zoox di Amazon si sta anche preparando a lanciare un servizio di veicoli a guida autonoma a San Francisco. I concorrenti tra cui Argo AI, sostenuta da Ford e Volkswagen, e Motional, supportata da Hyundai Motor e Aptiv, hanno in programma di lanciare i propri servizi di guida autonoma rispettivamente a Miami e Las Vegas.

Oltre al suo programma di “robotaxi”, Waymo sta iniziando a distribuire semirimorchi autonomi, inizialmente in Texas. Ha avvisato clienti e costruttori di camion per quello che alcuni analisti ritengono possa essere un’attività interessante a causa della crescente domanda di merci e della carenza di conducenti di camion a lungo raggio.

La storia di Waymo

Waymo ha iniziato a fare giri di prova in minivan autonomi nella periferia di Phoenix nel 2017 e ha introdotto corse completamente autonome nel 2020, limitando l’area di servizio alle comunità della East Valley, tra cui Chandler e Tempe. L’azienda ha in programma di rendere disponibile il servizio anche nel centro di Phoenix, dato che, proprio come a San Francisco,  solo i dipendenti Waymo possono ricevere un passaggio in quella parte della città.

“Non si tratta di validare la tecnologia per determinate strade, ma di implementare un driver Waymo sicuro che è pronto a gestire ciò che potrebbe accadere su qualunque tipo di strada”, ha affermato in un post Dmitri Dolgov, co-ceo di Waymo. “Proprio come le nostre scoperte si sono trasferite dalla East Valley di Phoenix si sono trasferite a San Francisco, le nostre scoperte da San Francisco stanno già arrivando nel centro di Phoenix”.

Sebbene stia generando entrate da alcuni anni, Waymo non ha ancora divulgato informazioni in merito.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.