Tiger Woods ritorna al golf giocato: ecco i numeri della sua carriera da 1,7 miliardi di dollari

Tiger Woods
Tiger Woods saluta la folla sul 18° green dopo aver terminato il suo round durante il round finale del Masters all’Augusta National Golf Club il 10 aprile 2022 ad Augusta, in Georgia. (Photo by Gregory Shamus/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com a firma di Matt Craig

L’improbabile ritorno del più grande giocatore di golf ad Augusta è solo l’ultimo trionfo di un lungo viaggio durato 26 anni che lo ha reso l’atleta più pagato al mondo per un intero decennio. Un anno dopo il grave incidente automobilistico che ha quasi messo la parola “fine” alla sua carriera, a Tiger Woods è stato chiesto non solo se fosse in grado di partecipare al torneo Masters di questo fine settimana, ma anche se pensasse di poterlo vincere.

“Lo voglio” è stata la sua risposta.

Il 46enne non gareggiava professionalmente da quando si era gravemente danneggiato la caviglia e la parte inferiore della gamba destra in un incidente d’auto nel sud della California. Gli è stata inserita un’asta nella tibia, viti e perni nel piede e nella caviglia. Ha dovuto superare un’ampia riabilitazione per tornare a camminare.

Nessuno credeva che sarebbe tornato fino a dicembre, quando Woods ha giocato nel torneo del campionato Pnc con suo figlio di 12 anni Charlie. Lì i fan hanno iniziato a credere nella capacità di Woods di tornare al golf professionistico. Indossando le loro iconiche polo rosse, padre e figlio si sono combinati finendo al secondo posto. Woods ha utilizzato un golf cart f al PNC. Questo non sarà consentito ai Master.

“Posso colpirlo bene. Non ho scrupoli su cosa posso fare dal punto di vista del golf”, ha detto Woods. “Ora camminare è la parte difficile. Normalmente non è una passeggiata facile per cominciare. Ora, date le condizioni in cui si trova la mia gamba, diventa ancora più difficile. Sai, 72 buche è una lunga strada. Sarà una sfida difficile ,ma sono pronto”.

Naturalmente, l’eredità di Woods è al sicuro indipendentemente dal fatto che riprenda di nuovo in mano una mazza da golf. Così come il suo portafoglio. L’anno scorso, si è classificato al 12° posto nella lista di Forbes degli atleti più pagati al mondo senza quasi mai colpire una palla.

In totale, Forbes stima che Woods abbia guadagnato 1,7 miliardi di dollari al lordo delle tasse e degli onorari degli agenti durante i suoi 26 anni di carriera. Ha guadagnato più premi in denaro – 121 milioni di dollari – di qualsiasi altro golfista professionista nella storia, ma le vincite dei tornei rappresentano meno del 10% del suo incasso complessivo. La maggior parte proviene da accordi di sponsorizzazione con marchi come Nike, TaylorMade e Monster Energy. Woods ha anche un’attività di progettazione di campi da golf, un accordo televisivo con il servizio di streaming GolfTV di Discovery e un libro di memorie recentemente ritardato proveniente da HarperCollins.

Uno sguardo ai numeri del ritorno di Woods ad Augusta

1,7 miliardi di dollari

I guadagni in carriera di Woods dentro e fuori dal campo da quando è diventato professionista nel 1996.

#1

Si classifica nella lista di Forbes degli atleti più pagati al mondo per dieci anni consecutivi, fino al 2012. Al suo apice, guadagnava più di 100 milioni di dollari all’anno fuori dal campo.

6

Woods sta partecipando al suo sesto titolo Masters. Se vincerà, eguaglierà il record stabilito da Jack Nicklaus quando vinse ad Augusta nel 1986, anche lui all’età di 46 anni. Lascerebbe Woods a soli due campionati maggiori dal record di 18 di Nicklaus.

10

Il numero di interventi chirurgici che Woods ha subito nella sua carriera. Nove di loro, di cui cinque sulla schiena e quattro sul ginocchio sinistro, sono arrivate prima dell’incidente automobilistico dell’anno scorso.

60 milioni di dollari

I guadagni stimati di Woods in un periodo di 12 mesi terminato a maggio 2021. Solo 200.000 dollari sono derivati dalle vincite sul campo.

8 milioni di dollari

L’importo guadagnato da Woods ha guadagnato l’anno scorso dal Player Impact Program del PGA Tour, che ha premiato dieci giocatori di golf per la loro popolarità online.

2,1 milioni di dollari

Il montepremi del vincitore per i Master dell’anno scorso, su un montepremi totale di 11,5 milioni di dollari. Il montepremi di quest’anno è di 15 milioni di dollari, un aumento di 3,5 milioni rispetto all’anno scorso. Un record per i 4 Major.

297.000 dollari

Il montepremi del vincitore per la prima vittoria professionale di Woods, al Las Vegas Invitational del 1996.

325 dollari

La quota per giocare al Payne’s Valley progettato da Woods a Branson, nel Missouri. Il suo primo campo da golf aperto al pubblico.

15,4 milioni

Il numero di spettatori che si sono sintonizzati sul trionfo dell’ultimo Masters di Woods nel 2019, secondo Nielsen. È stato il pubblico più numeroso per il torneo dal 2013, non a caso l’ultima volta che Woods è stato in lizza una domenica pomeriggio.

24 milioni di dollari

Il totale stimato pagato dagli sponsor IBM, AT&T e Mercedes-Benz per mandare in onda spot pubblicitari durante il tempo di pubblicità limitato (quattro minuti all’ora) consentito da Augusta National.

40 milioni di dollari

Il totale per il primo accordo di sponsorizzazione di Woods con Nike nel 1996, pagato in cinque anni.

100 milioni di dollari

L’importo che Woods ha guadagnato dal suo secondo contratto quinquennale con Nike, firmato nel 2001. Dopo che Nike è uscita dal mercato delle attrezzature da golf (ma non dell’abbigliamento) nel 2016, Woods ha firmato con TaylorMade.

9 milioni di dollari

Valore annuale stimato dell’accordo di Woods con Electronic Arts per il suo omonimo videogioco di golf, pubblicato ogni anno tra il 1998 e il 2013.

3 milioni di dollari

Quota di apparizione, per evento, di Woods a metà degli anni 2000.

100-110 milioni di dollari

Accordo raggiunto con l’ex moglie Elin dopo aver divorziato nel 2010.

20 milioni di dollari

Valore della pensione PGA Tour di Woods a partire dal 2016, secondo Golf Digest.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.