La startup friulana che semplifica i viaggi di lavoro raccoglie 10 milioni di euro

Luca Carlucci e Fabio Del Bianco, fondatori di BizAway
Share

BizAway, la scaleup friulana attiva nel business travel, ha chiuso un round di serie A di 10 milioni di euro, dopo i primi due da 2 milioni e uno da 2,5 milioni di euro ricevuti nel 2020. Il round è guidato dalla cordata di fondi di investimento del settore tech Azimut Digitech Fund e Gellify in qualità di lead investor ed Exor Seeds, che entrano nell’equity insieme ad altri investitori internazionali.

Reinveste in maniera significativa anche MundiVentures, che rinnova la fiducia insieme agli altri soci preesistenti grazie ai rilevanti traguardi raggiunti dalla scaleup nell’ultimo anno.

BizAway, raccoglie 10 milioni di euro di finanziamento

Nonostante infatti la forte crisi che il settore del travel ha vissuto a causa dell’emergenza sanitaria, BizAway ha continuato a crescere sia in termini economici, quadruplicando nel 2021 il fatturato del 2020, sia occupazionali, con l’assunzione di 30 nuove persone per un totale di ben 100 dipendenti nelle sue 5 sedi europee (due in Italia a Spilimbergo e Milano, due in Spagna a Barcellona e Vigo e una in Albania a Scutari, inaugurata proprio lo scorso anno).

“Questo finanziamento ci rende ancora più solidi nel panorama internazionale del business travel”, ha commentato Flavio Del Bianco, cto e co-founder, “e ci permetterà di continuare a implementare il nostro ambizioso piano, sempre migliorando e integrando nuove funzionalità, consentendoci inoltre di investire ancora più sul nostro team, sia tecnico che operativo, e di aprire altre due sedi in Europa entro la fine dell’anno”.

Le nuove funzionalità messe a punto da BizAway

Tra le ultime integrazioni della piattaforma, BizAway ha messo a punto insieme a Riskline un servizio di travel risk management, che permette di visualizzare graficamente la posizione del viaggiatore gestendone eventuali rischi; un calcolatore per la compensazione di Co2 in collaborazione con Eden Reforestation Project e Squake. E, infine, le partnership con Trenitalia e Italo che permettono agli utenti la possibilità di gestire tutte le prenotazioni e attività di post booking in autonomia.

“La forza di BizAway”, aggiunge Luca Carlucci, ceo e co-founder, “è il suo spiccato carattere innovativo che permette di gestire la complessità dei viaggi di lavoro per le grandi aziende, offrendo un’esperienza completa, servita e semplificata. Oggi più che mai per le aziende è necessaria la digitalizzazione dei processi aziendali per trasferte e viaggi di lavoro al fine di snellire le procedure e permettere alle imprese di abbattere i costi senza rinunciare a nulla”.

Come è nata l’idea di BizAway

BizAway è nata a gennaio 2015 dall’idea di Luca e Flavio, che scoprono una nuova opportunità di business. In un mondo globalizzato – in cui si viaggia sempre di più per lavoro – non ci sono servizi completi per gestire l’organizzazione dei viaggi di lavoro in modo agile e flessibile. Attraverso uno strumento informatico proprietario, i due uniscono la loro passione per i viaggi e la tecnologia per apportare un valore reale alle aziende che sempre più utilizzano il digitale per l’organizzazione delle trasferte dei propri dipendenti.

La certificazione B Corp

Nei primi mesi del 2022 BizAway è diventata ufficialmente la prima Tmc dedicata al business travel ad ottenere la certificazione B-Corp a livello mondiale, è stata premiata con il Luxlife Travel and Tourism Awards 2022 in quanto riconosciuta come la Migliore soluzione di prenotazione viaggi per il 2022 e ha ottenuto il primo posto a livello Europeo nel settore business travel nella classifica FT1000 del Financial Times e Statista.

Dalla sua nascita sono state effettuate più di 150.000 prenotazioni con un risparmio di oltre 3 milioni di euro per le oltre 650 aziende clienti (Freeda, Scalapay, European Cricket, Bdo, Vortice, Cimolai, Satispay, Perrigo, WeRoad, EJU, Talent Garden, Sielte e molti altri).

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.