Mercedes vende un’auto per 135 milioni di euro: è la più costosa di sempre

mercedes-300-slr
Foto Mercedes Benz
Share

Una Mercedes 300 Slr Uhlenhaut Coup è diventata l’auto più costosa di sempre. La vettura è stata battuta da Sotheby’s per la cifra record di 135 milioni di euro, superando il primato della Ferrari 250 Gt, venduta per 45 milioni di euro nel 2018.

L’asta segreta si è tenuta presso una sala privata del museo Mercedes di Stoccarda, alla presenza di 15 persone. L’acquirente, un famoso collezionista che ha preferito rimanere anonimo, si è assicurato una delle due unità disponibili. La seconda rimarrà nelle mani della casa automobilistica e verrà esposta in una sala del museo.

Per l’occasione, Mercedes ha preteso il rispetto di alcuni criteri. Nello specifico, si è voluta assicurare la massima cura della vettura da parte dell’acquirente, il divieto di vendita terzi e la messa a disposizione dell’auto in occasione di eventi e manifestazioni del settore. “La Uhlenhaut Coupé è una pietra miliare dello sviluppo delle auto sportive e uno degli importanti capisaldi storici del nostro marchio”, ha spiegato Ola Källenius, presidente del consiglio di amministrazione Mercedes. Il ricavato della vendita dell’auto sarà utilizzato per un programma di borse di studio Mercedes-Benz Fund.

Mercedes Benz 300 Slr Uhlenhaut Coupe
Foto Wikimedia Commons

La sua denominazione deriva dal capo reparto collaudi della Mercedes, Rudolf Uhlenhaut, che decise di utilizzarla come vettura aziendale. Considerata un capolavoro di ingegneria e tecnologia, si tratta di un’auto da corsa omologata per la strada. Progettata sulla base della Mercedes monoposto da Formula 1, era dotata di un motore a otto cilindri da 2.982 cc, in grado di erogare 310 CV per una velocità di oltre 300 km/h.

La vettura è stata guidata da Juan Manuel Fangio, Stirling Moss e Karl Kling per vincere le principali corse su strada del 1955, come il Tourist Trophy e il Gran Premio di Svezia. In quella stagione Moss riuscì a battere anche il record alla Mille Miglia, un’impresa considerata da molti come uno dei più grandi successi nella storia dell’automobilismo.

Recensita dalla stampa d’epoca, l’auto passava da 0 a 160 km/h in 6,9 secondi. “Averla guidata ha superato tutte le precedenti esperienze di 20 anni di test drive sulle più belle auto del mondo, e non mi aspetto di trovarne una uguale per molto tempo a venire”, scrisse il giornalista di Autocar Gordon Wilkins nel 1957. Una previsione quanto mai azzeccata.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.