Airbnb si allontana dalla Cina: l’azienda pronta a eliminare gli annunci di affitto nel Paese asiatico

I tre fondatori di Airbnb sul palco
I tre fondatori di Airbnb (Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Secondo quanto riferito dalla CNBC, Airbnb vuole eliminare tutti i suoi annunci in Cina entro questa estate, dopo anni di difficoltà legate alla pandemia e crescente concorrenza da parte delle aziende cinesi. Il tutto avviene in una fase in cui il settore dell’ospitalità e Airbnb iniziano a riprendersi.

Aspetti principali

  • Come riporta la CNBC, la società di affitti a breve termine rimuoverà tutti gli annunci di case e attività in Cina, ma manterrà un ufficio a Pechino con centinaia di lavoratori.
  • I soggiorni di Airbnb in Cina hanno rappresentato solo l’1% delle entrate della società negli ultimi anni. Secondo la CNBC la società punta sulla prenotazione di soggiorni in altri Paesi per i viaggiatori in uscita dalla Cina.
  • Il settore dell’hospitality ha iniziato a riprendersi con la fine delle restrizioni e il calo delle preoccupazioni per il Covid. In Cina però la ripresa di Airbnb non decolla a causa della rigida politica “zero-Covid” del governo.
  • Airbnb ha preferito non rilasciare commenti.

Sullo sfondo

Come gran parte del settore dell’hospitality, Airbnb ha sofferto a causa delle restrizioni e dell’esitazione a viaggiare durante la fase critica della pandemia. Secondo quanto riportato dal New York Times, con il calo degli annunci tuttavia, gli ospiti hanno soggiornato per periodi più lunghi. Questa tendenza, dichiarano dalla società, è continuata anche con la progressiva conclusione della pandemia, con il numero di soggiorni a lungo termine su Airbnb che ha raggiunto il massimo storico durante il primo trimestre del 2022, più che raddoppiando rispetto al primo trimestre del 2019. Le prenotazioni internazionali inoltre sono già tornate ai livelli pre-pandemia.

Da considerare

Sebbene alcuni affittuari che utilizzano Airbnb abbiano perso entrate durante la pandemia, molti di loro nello stesso periodo hanno scoperto che il valore delle loro case è aumentato. Secondo l’US Census Bureau, i prezzi medi di vendita delle case sono aumentati del 37% negli ultimi due anni e sono arrivati 428.700 dollari.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti