Coinbase licenzia il 18% dei dipendenti. Il miliardario fondatore teme una recessione

Brian Armstrong cripto-miliardari
(foto Anthony Harvey/Getty Images for TechCrunch)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il ceo miliardario della società di criptovalute Coinbase ha annunciato l’intenzione di licenziare circa il 18% della forza lavoro dell’azienda per ridurre i costi prima di una potenziale recessione. Coinbase si unisce alle altre aziende tecnologiche nel ridimensionamento del personale. Intanto le azioni e le criptovalute crollano in mercato sempre più ribassista.

Fatti principali

  • In un documento ufficiale alla Sec, Coinbase ha affermato che prevede di licenziare circa 1.100 dipendenti in risposta alle “condizioni di mercato attuali e agli sforzi di definizione delle priorità aziendali in corso”.
  • “Siamo cresciuti troppo in fretta”, ha scritto il ceo Brian Armstrong in un post sul blog. Ha inoltre aggiunto che il costo del lavoro è cresciuto ed è ora “troppo elevato per gestire efficacemente un mercato incerto”. Ha poi avvertito che l’economia “sembra entrare in una recessione dopo un boom economico di oltre 10 anni”.
  • L’azienda ha affermato che i dipendenti statunitensi interessati dall’annuncio verranno licenziati martedì e che “seguiranno le linee guida locali applicabili” per i lavoratori non statunitensi. Coinbase prevede di avere circa 5.000 dipendenti dopo aver completato i tagli entro la fine di questo mese.
  • I dipendenti in partenza, ha detto la società, riceveranno almeno 14 settimane di indennità, quattro mesi di assicurazione sanitaria e risorse per la ricerca di lavoro. Coinbase stima inoltre che incorreranno tra i 40 e i 45 milioni di dollari in spese di ristrutturazione relative al trattamento di fine rapporto.
  • In una lettera agli azionisti il ​​mese scorso, Coinbase ha avvertito che il crollo dei prezzi delle criptovalute e della volatilità iniziata alla fine dello scorso anno ha “influito direttamente” sui dati finanziari del primo trimestre. E ha spinto il volume degli scambi a $ 309 miliardi (8% in meno rispetto allo scorso anno), registrano il primo trimestre in perdita da quando è una società quotata. in Borsa.
  • Il titolo Coinbase è sceso del 6% nel trading pre-mercato dopo l’annuncio ed è crollato di oltre l’85% dal massimo di chiusura di novembre.

Citazione

“I mercati al ribasso sono difficili da navigare e richiedono una mentalità diversa… Una recessione potrebbe portare a un altro inverno per le criptovalute e potrebbe durare per un lungo periodo”, ha detto Armstrong, la cui fortuna secondo Forbes si attesta a $ 2,2 miliardi. Ha poi osservato che le entrate dalle attività di trading (la più grande fonte di reddito dell’azienda) sono diminuite in modo significativo durante i periodi di debolezza del mercato delle criptovalute. “Le azioni che stiamo intraprendendo oggi ci consentiranno di gestire con maggiore sicurezza questo periodo, anche se gravemente prolungato”, ha aggiunto Armstrong.

Sullo sfondo

Coinbase ha debuttato in Borsa ad aprile dello scorso anno, dopo un anno spartiacque per le criptovalute. Ma gli sforzi della Federal Reserve per combattere l’inflazione alle stelle, con il rischio di rallentare la crescita economica, hanno sgonfiato le valutazioni degli asset e colpito in modo particolarmente duro il settore delle criptovalute. Il prezzo del bitcoin è precipitato di quasi il 20% a un minimo sotto i $ 21.000 dopo che la società di prestito di criptovalute Celsius ha suscitato per la prima volta timori sospendendo i prelievi a causa di “condizioni di mercato estreme”.

Nel mezzo del selloff, Binance è stata costretta a interrompere i suoi scambio a causa di un problema di arretrato. Mentre BlockFi ha successivamente annunciato che avrebbe licenziato il 20% della sua forza lavoro a causa del difficile contesto di mercato.

Fatto sorprendente

Il valore complessivo delle criptovalute mondiali è crollato di circa il 70% a $ 929 miliardi, da un massimo storico di circa $ 3mila dollari di novembre e 2mila dollari all’inizio del trimestre. Nel frattempo, l’indice Nasdaq  è crollato di circa il 32% da inizio anno.

A margine

La scorsa settimana, Armstrong si è scagliato contro i dipendenti che, secondo quanto riferito, hanno promosso una petizione online per rimuovere i massimi dirigenti in risposta al blocco delle assunzioni e alla revoca delle offerte di lavoro. “Questo è davvero stupido”, ha detto Armstrong in merito. aE ha aggiunto: “Se vuoi votare la sfiducia, dovresti farlo su di me, non incolpare i dirigenti”.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it Iscriviti

Share