Galaxy Book2 series, la nuova line-up di Samsung in collaborazione con Microsoft

Galaxy Book2 series
Share

Potenza dei dispositivi e partner di comprovata eccellenza. Samsung Electronics si è affidato a questo binomio per realizzare la line-up Galaxy Book2 series, che nasce da una storica collaborazione in stretta sinergia con il colosso del software Microsoft.

Galaxy Book2 series, innovazione all’avanguardia

L’obiettivo comune è mettere a disposizione degli utenti innovazioni che abbiano il sapore dell’avanguardia. Il vantaggio di questa partnership consiste in un’esperienza connessa tra dispositivi e sistemi operativi diversi in modo da non creare nessun ostacolo alla fluidità e velocità del lavoro. All’atto pratico, la partnership tra Samsung Electronics e Microsoft offre un intero pacchetto di funzionalità integrate che vanno dalla revisione in corsa di una presentazione realizzata in Power Point su uno smartphone Galaxy (niente di più facile quando si lavora su progetti in continua evoluzione), alla riattivazione di un lavoro precedentemente interrotto sul dispositivo della serie Galaxy Book2 Pro, fino alla Samsung Gallery su One Drive.

    Galaxy Book2 series
    Galaxy Book2 series
    Galaxy Book2 series
    Galaxy Book2 series

Quello che Samsung Electronics e Microsoft hanno realizzato è un ambiente aperto e connesso in cui gli smartphone, i Pc, i tablet e i dispositivi wearable si integrano tra loro alla perfezione. “In Samsung non abbiamo il solo obiettivo di dare vita alla mobile technology ma anche fornire agli utenti esperienza uniche, che esaltino la loro vita quotidiana. Stiamo immaginando i Pc in maniera del tutto nuova e grazie alle funzioni senza soluzione di continuità, alla sicurezza e alla mobilità, gli utenti accedono all’ufficio del futuro, abilitandone le possibilità”, ha detto Hark-sang Kim, executive vice president & head of new computing R&D team of Mobile eXperience Business.

Il concetto di ufficio diffuso

Si tratta, potremmo dire, di un ‘ufficio diffuso’ che va dal loft cittadino dove lavorano i creatori di moda fino alle spiagge dove una startup innovativa ha creato una piattaforma per gestire lo sharing delle tavole da surf e windsurf. Entrando nel dettaglio del tipo di funzionalità di ecosistema, sono da menzionare il collegamento a Windows, Secondo Schermo e la sincronizzazione auto automatica di Samsung Notes, tutte modalità molto semplici per abbattere le barriere tra i dispositivi. Ma c’è di più. Integrando SmartThings per Pc farà del vostro Galaxy Book la centrale operativa, una plancia di comando da cui controllare i dispositivi Internet of Things presenti negli uffici o nelle case. Verrà introdotta, inoltre, la One UI 4.0 per Galaxy Book nella prossima generazione di dispositivi Samsung.

Potrebbe sorgere però una domanda. Perché investire sulla connessione di vari sistemi operativi se la maggior parte del lavoro e delle app sono basati su tecnologia cloud? La risposta di Samsung Elelectronics ribadisce l’importanza primaria di queste connessioni per “aprire la strada a nuove digital experience per gli utenti che usano soprattutto dispositivi mobili”. I consumatori, secondo il gruppo sudcoreano, hanno sofferto la chiusura di sistemi operativi chiusi e software proprietari.

La filosofia di Samsung prevede che “il software e l’hardware dei device debbano essere progettati parallelamente per creare esperienze cross-device fluide per semplificare la digital life dei consumatori. Altro gigante dell’IT che collabora strettamente con Samsung Electronics è Intel che fornisce chipset di 12esima generazione che aggiungono potenza, garantiscono sicurezza e allungano la durata della batteria che nei device in oggetto arrivano fino a 21 ore. Ancora una semplificazione: il caricatore universale USB Tyep-C con ricarica rapida può ricaricare ogni dispositivi mobile della famiglia Galaxy evitando di portarci nello zaino di digital nomads una messe di cavetti e charger.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.