Questa startup ucraina ha raccolto 50 milioni di dollari per crescere nel mercato della formazione linguistica online

Kirill Bigai co-fondatore e ceo di Preply
Kirill Bigai co-fondatore e ceo di Preply
Share

Preply annuncia un nuovo un aumento di capitale (round di serie C) di 50 milioni di dollari. Il totale raccolto finora è di 100 milioni di dollari.

Fondata nel 2012 in Ucraina da Kirill Bigai, Serge Lukyanov e Dmytro Voloshyna, la piattaforma globale di apprendimento è riuscita, anche in un periodo delicato, segnato dal conflitto in Ucraina, ad affermare sempre di più il suo business globale. Conta oggi oltre 400 dipendenti di 58 nazionalità in 30 paesi in tutto il mondo. Una crescita continua che le ha permesso di diventare la più grande piattaforma globale di apprendimento linguistico live, con una comunità internazionale di 32.000 insegnanti che insegnano oltre 50 lingue a centinaia di migliaia di studenti.

Preply e gli obiettivi dell’aumento di capitale

Il round è guidato da Owl Ventures, il più grande investitore mondiale nell’ambito edu-tech con sede nella Silicon Valley, e partecipato anche da precedenti (da Diligent Capital, Hoxton Ventures, Educapital, Evli Growth Partners, fino a Przemyslaw Gacek, co-fondatore di Grupa Pracuj) e nuovi investitori (come Swisscom Ventures e Orbit Capital). I nuovi capitali permettranno a Preply di crescere ancora nel mercato dell’apprendimento delle lingue online, che si stima stima sia destinato a raggiungere i 47 miliardi di dollari entro il 20251.

A oggi, con centinaia di migliaia di studenti provenienti da 180 Paesi in tutto il mondo, il numero degli iscritti a Preply supera già quello degli iscritti alle università della Ivy League. Per quanto riguarda l’insegnamento rivolto direttamente all’utente, il numero di persone che utilizzano l’app Preply è aumentato di 4 volte negli ultimi due anni e in molte aree geografiche gli iscritti sono quasi raddoppiati anno dopo anno. Anche in relazione all’apprendimento delle lingue nel contesto B2B vi è stata una forte crescita: nell’ultimo anno Preply ha triplicato il proprio business nel settore aziendalecon clienti come Bytedance (Tiktok), Mercedes e McKinsey.

“Con questo recente finanziamento”, ha detto Kirill Bigai, co-fondatore ceo di Preply, “prevediamo di accrescere la nostra presenza negli Stati Uniti e in Europa e di fare evolvere la piattaforma con la tecnologia dell’intelligenza artificiale. Grazie a matching smart, gli studenti potranno trovare con più facilità gli insegnanti adatti alle proprie esigenze, sempre con l’obiettivo di creare la più grande comunità di apprendimento delle lingue al mondo”.

Il supporto all’Ucraina

Le principali sedi di Preply sono negli Stati Uniti e in Unione Europea, ma i fondatori sono originari di Kiev. Con l’obiettivo di unire persone di culture e paesi diversi attraverso la lingua e lanciare un messaggio di pace e speranza alla popolazione ucraina, la società ha lanciato globalmente una serie di iniziative significative a sostegno dell’Ucraina.

Tra queste c’è la campagna Messages to Ukraine – Lettere all’Ucraina che prevede la possibilità, attraverso la piattaforma Preply, di lasciare un pensiero di solidarietà che viene tradotto in ucraino e inglese e inserito all’interno di una mappa interattiva; a oggi sono oltre 8.000 i messaggi giunti da tutto il mondo per il popolo ucraino. Preply ha anche avviato un programma di assistenza linguistica gratuito per 1000 ucraini che hanno deciso di attraversare i confini e sono alle prese con una nuova lingua europea.

LEGGI ANCHE: “Chi sono i tre oligarchi russi che si sono espressi contro la guerra in Ucraina”

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.