Chi sono i tre oligarchi russi che si sono espressi contro la guerra in Ucraina

Oleg Tinkov della Tinkoff bank
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

La maggior parte degli oligarchi russi miliardari ha scelto di rimanere in silenzio o di sostenere tacitamente l’invasione in Ucraina da parte del presidente russo Vladimir Putin. Ma le sanzioni occidentali e la travagliata economia russa ha spinto alcuni di loro a parlare.

LEGGI ANCHE: “Il presidente Zelensky non è miliardario: qual è il suo vero patrimonio?”

Fatti principali

  • All’inizio di questa settimana, il miliardario russo e magnate dell’alluminio Oleg Deripaska ha avvertito che la distruzione dell’Ucraina sarebbe un “errore colossale”. E si è chiesto se fosse possibile ottenere la “vittoria” nel conflitto.
  • Deripaska, che è stata colpita da una moltitudine di sanzioni da parte di Stati Uniti, Regno Unito e Unione Europea, aveva precedentemente chiesto “negoziati immediati”.
  • Pochi giorni dopo l’inizio dell’invasione russa a febbraio, il magnate bancario e miliardario russo di origine ucraina Mikhail Fridman si è espresso contro la guerra. Ha detto che si trattava di una “tragedia” sia per il popolo russo che per quello ucraino. Ha chiesto poi la fine dello “spargimento di sangue”.
  • In un’intervista a Bloomberg a marzo, Fridman ha affermato che gli oligarchi russi non hanno la capacità di influenzare il presidente russo. Coloro che esortano persone come lui a fare pressione su Putin “non capiscono nulla di come funziona la Russia”.
  • Mentre Fridman e Deripaska sono stati cauti nelle loro critiche, attenti a non chiamare direttamente Putin, l’ex miliardario e magnate bancario Oleg Tinkov è stato molto più esplicito definendo l’invasione “pazza”.
  • Tinkov, che ha accusato il Cremlino di averlo costretto a vendere la sua partecipazione nella seconda banca russa, ha detto che diversi membri dell’élite degli affari e del governo russo erano d’accordo con lui in privato, ma erano troppo spaventati per parlare pubblicamente.

In cifre

15.000. Questo è il numero di milionari russi che hanno presentato domande di migrazione e potrebbero prepararsi a fuggire dal paese. Se è vero, questo potrebbe essere un segnale che le preoccupazioni dei ricchi russi per le ricadute economiche della guerra potrebbero essere più diffuse di quanto pubblicamente riconosciuto.

A margine

Mentre gli oligarchi russi sono rimasti in gran parte in silenzio, l’invasione del loro paese ha spinto i miliardari e l’élite imprenditoriale ucraina a mettere da parte le loro differenze reciproche per la ricostruzione del paese. All’inizio di questa settimana, Rinat Akhmetov, l’uomo più ricco dell’Ucraina con un patrimonio netto di 4,6 miliardi di dollari, ha intentato una causa contro la Russia presso la Corte europea dei diritti dell’uomo per aver violato i suoi diritti di proprietà prendendo di mira acciaierie e impianti di stoccaggio di grano di sua proprietà.

A marzo, Akhmetov ha detto a Forbes che aiuterà a ricostruire la città portuale devastata di Mariupol e il resto dell’Ucraina dopo la fine della guerra, indipendentemente dal costo. L’ex presidente ucraino e magnate del cioccolato, che quest’anno ha abbandonato la classifica dei miliardari mondiali di Forbes, ha messo da parte le sue divergenze con il rivale politico Zelensky. Ha persino fatto eco alle sue richieste di maggiori aiuti militari all’Ucraina. Poroshenko ha anche chiamato in diverse occasioni Putin avvertendo che non ci si deve fidare di lui. Ha persino rifiutato qualsiasi compromesso che implichi l’abbandono del territorio da parte dell’Ucraina alla Russia.

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.