Aliante Industrial e Indigo investono in MasiFilm. Il suo fondatore a Forbes Leader: “È una grande emozione”

Massimiliano Di Lodovico, MasiFilm
Massimiliano Di Lodovico, founder, presidente e ad di MasiFilm
Share

Da un incontro casuale in un treno all’idea di rivoluzionare la propria vita ed entrare a capofitto, con passione, nel mondo cinematografico. È così che Massimiliano Di Lodovico ha dato vita nel 2013 a MasiFilm, società di produzione audiovisiva di film, serie tv e spot pubblicitari. “Sono entrato nel mondo cinematografico in un modo molto particolare: incontrando casualmente una regista sul treno. Con lei, oltre ad essersi instaurato un grandissimo rapporto d’amicizia, si è creato un bellissimo rapporto lavorativo che è sfociato, per esempio, nella realizzazione del film Febbre da Fieno prodotto dalla Walt Disney”, dice a Forbes Leader Massimiliano Di Lodovico, founder, presidente e ad di MasiFilm. 

Realtà, peraltro, che recentemente ha siglato un importante accordo strategico che vede la partecipazione in Masi Film della Aliante Industrial, società di investimento appartenente al gruppo Aliante Partners, con la sottoscrizione del 25% del capitale sociale e della società di produzione indipendente Indigo Film, che partecipa con una quota pari all’11%. Sintomo che, ormai, il mondo della finanza e del cinema sono sempre più vicini. “Sono veramente emozionato e orgoglioso di accogliere due soci del calibro di Indigo Film e Aliante Industrial. Perché ci permetteranno di crescere in termini editoriali e finanziari”, rivela Di Lodovico. Che per la sua MasiFilm punta da sempre sui giovani, come dimostrano il fatto che il 70% dei progetti della società sono prodotti da under 25. “In un contesto in cui il cinema sta inevitabilmente cambiando è ovvio che sono il presente e il futuro di questo settore. E noi siamo felici di spronarli, incentivarli e di renderli parte integrante di questo cambiamento”, conclude Massimiliano Di Lodovico. 

Qui l’intervista completa

ForbesLEADER PUNTATA 155

 

 

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.