Morte di un oligarca del grano: chi era Oleksiy Vadatursky, il magnate ucraino ucciso dai missili russi

Oleksiy Vadatursky
Oleksiy Vadatursky (foto Wikipedia)
Share

Da 30 anni era il re del grano. Oleksiy Vadatursky, il 24esimo uomo più ricco dell’Ucraina, è stato ucciso dalle bombe russe, proprio mentre una nave carica di cereali si preparava a uscire dal porto di Odessa: la prima dopo il lungo stop dovuto alla guerra. Un missile ha colpito la camera da letto della sua villa di Mykolaiv, nel sud del Paese, da cui si era rifiutato di allontanarsi. Nonostante la guerra e nonostante le sue risorse – 430 milioni di dollari – gli permettessero di trasferirsi all’estero a gestire il suo impero.

Chi era Oleksiy Vadatursky

Oleksiy Vadatursky era nato nel 1947 a Odessa, in un kolchoz sovietico. Dopo avere prodotto pane a livello industriale, nel 1991 aveva fondato Nibulon, che ha reso la più grande compagnia di cereali del Paese. Un’azienda che nel 2021 ha esportato 5,6 milioni di tonnellate di prodotti verso 38 paesi, dotata di una flotta di navi che aveva trasformato Vadatursky nel monopolista del trasporto fluviale ucraino.

Come ha scritto Federico Fubini sul Corriere della Sera, Vadatursky ha sempre fatto di tutto per evitare la liberalizzazione del trasporto via nave nel Paese. Ha messo il figlio in Parlamento, ha esercitato pressioni sul partito dell’ex primo ministro Yulia Tymoshenko. In questo momento, il suo monopolio sui fiumi era ancora più prezioso. “Il blocco dei porti”, ha scritto Fubini, “rende prezioso l’accesso da Kiev al Mar Nero attraverso la foce dello Dnepr: il grande fiume diventa l’arteria vitale di una nazione sotto assedio”.

Eroe dell’Ucraina

Nel 2007, durante la presidenza di Viktor Yushchenko, Vadatursky era stato nominato Eroe dell’Ucraina, il più alto riconoscimento nazionale, per il suo contributo allo sviluppo dell’agricoltura. Nel 2014, dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia, finanziò un esercito di duemila uomini per la difesa di Mykolaiv. Entrò così nella lista nera di Putin: nel 2018 fu uno dei 332 cittadini ucraini colpiti dalle sanzioni di Mosca.

Descritto dalla stampa internazionale come un imprenditore europeista, dall’inizio della guerra Vadatursky ha ripreso a finanziare le forze armate. Come ha scritto Le Monde, ha lavorato anche per ripristinare il flusso dei cereali dall’Ucraina verso l’estero. Un mercato cruciale per un Paese che rappresenta il 9% delle esportazioni globali di grano, il 15% di quelle di mais e il 44% di quelle di olio di girasole.

Vadatursky e la guerra

Secondo il Corriere, che cita “protagonisti della vita politica di Kiev” in contatto con lui e i suoi uomini, emissari del Cremlino avevano proposto a Vadatursky di collaborare con Mosca. L’oligarca avrebbe dovuto bloccare le vie di trasporto ucraine, favorire la sottomissione alla Russia del sud del Paese e assicurare a Putin il controllo di una capacità di esportazione di cereali da 80 navi e 4,5 milioni di tonnellate all’anno. In cambio, Putin avrebbe tutelato il suo patrimonio e la sua posizione.

Vadatursky avrebbe detto di no. Per questo sarebbe stato ucciso in un attacco che un consigliere di Zelensky ha definito “un omicidio premeditato”.

LEGGI ANCHE: L’ex consigliere di Putin Anatoly Chubais è in terapia intensiva: si sospetta un avvelenamento

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.