Perché la candidatura alle presidenziali 2024 potrebbe rendere Donald Trump ancora più ricco

donald trump deutsche bank
(Tom Pennington/Getty Images)
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Candidarsi alla presidenza, di solito, non aiuta i miliardari a diventare più ricchi. Si pensi a Michael Bloomberg, che ha speso 1,1 miliardi di dollari nel 2020. O a Tom Steyer, che ha speso 342 milioni. O Donald Trump, che ha sborsato 66 milioni di dollari nel 2016 e poi è riuscito a far arrabbiare i suoi finanziatori e partner commerciali rifiutandosi di ammettere di aver perso nel 2020.

I tempi sono cambiati. L’ex presidente, che martedì sera ha annunciato la ricandidatura per il 2024, ha organizzato la sua attività mettendola in condizione di trarre profitto dai suoi sostenitori e isolandola dai potenziali avversari.

Profitto tramite i social media

Il cambiamento è iniziato con la creazione del Trump Media and Technology Group, la società madre dell’imitazione di Twitter, Truth Social. Trump ha lanciato l’applicazione a maggio. Quattro mesi dopo, Forbes ha valutato la partecipazione del magnate nell’azienda in 730 milioni di dollari. È il più grande asset dell’impero da 3,2 miliardi di dollari dell’ex presidente e potrebbe valere ancora di più se lo usasse nella corsa per le presidenziali del 2024.

Le polemiche possono influire negativamente sull’attività di molte aziende, ma le piattaforme di social media ci prosperano sopra. Non devono preoccuparsi di allontanare gli ospiti (a differenza degli hotel) o di far arrabbiare i soci (a differenza dei golf club) o di danneggiare i loro marchi (a differenza delle aziende che rilasciano licenze). Per queste aziende, il conflitto porta attenzione, che attira gli utenti, i quali attirano gli inserzionisti. Elon Musk, il nuovo proprietario di Twitter, ha compreso bene questa dinamica. “Spero che continuino a maledirmi su Twitter, perché così aumentano le entrate pubblicitarie!”, ha dichiarato domenica sulla sua piattaforma.

I vantaggi della ricandidatura

Ci sono già segnali che indicano come Trump stia beneficiando della sua decisione di candidarsi. Due mesi fa Forbes ha stimato il valore della partecipazione di Trump nella società madre in 10 dollari per azione, sulla base del prezzo che una manciata di grandi investitori ha accettato di pagare per partecipare.

Gli investitori privati, tuttavia, ritengono che valga molto di più. Dopo che le voci di una campagna elettorale si sono accese all’inizio di questo mese, le azioni di una Spac che sta progettando di fondersi con l’azienda di Trump sono salite del 66%, da 17,48 a 29,10 dollari, prima di assestarsi agli attuali 25,37. Gli investitori ritengono che la partecipazione dell’ex presidente valga 2,5 miliardi di dollari, 1 miliardo in più di quanto pensavano valesse 12 giorni fa.

Trump ha anche preso provvedimenti per proteggere i suoi affari dalle conseguenze negative delle controversie. A maggio ha venduto il suo hotel in perdita a Washington D.C. per 375 milioni di dollari. Si è trattato di un affare straordinario, non solo perché ha comportato un ricavo enorme, ma anche perché ha permesso al miliardario di disinvestire dalla sua principale attività rivolta ai consumatori, rendendolo meno vulnerabile alle ripercussioni.

Oggi Trump non deve più preoccuparsi delle banche come in passato. Un tempo i critici si chiedevano chi gli avrebbe mai concesso un prestito. Poi il magnate dell’immobiliare ha ristrutturato quasi un miliardo di dollari di debiti, pagando alcuni prestiti e rifinanziandone altri. Tra i suoi nuovi creditori, il più importante dei quali è la banca Axos, sanno di avere a che fare con una figura divisiva. A questo punto non si lasceranno spaventare dai titoli negativi.

La nuova strategia di Donald Trump

Il danno al marchio di Trump è probabilmente già stato fatto. Diversi partner per le licenze, tra cui Macy’s e Serta, si sono tirati indietro durante la campagna elettorale del 2016. Il suo nome è stato tolto da edifici i cui costruttori avevano pagato per usarlo. I Trump sembrano ora limitarsi a trattare con aziende che non si preoccupano delle controversie, come la società immobiliare saudita che avrebbe appena siglato un nuovo accordo di licenza con la famiglia. Tali accordi potrebbero suscitare timori di corruzione, ma è improbabile che infliggano ulteriori danni agli affari del magnate.

Questa volta Trump non dovrà più seguire la strada che la maggior parte dei miliardari percorre per arrivare alla carica, cioè spendere un sacco di soldi per ottenere attenzione. Dopo essersi vantato di aver fatto affidamento sul proprio patrimonio piuttosto che su donatori esterni, ha gradualmente convinto i suoi seguaci a consegnargli denaro.

Dopo la sconfitta alle elezioni del 2020, uno dei suoi comitati è riuscito a raccogliere più di 100 milioni di dollari. Nel 2024, Donald Trump potrebbe finalmente realizzare una profezia pronunciata 22 anni fa. “È molto probabile”, disse a Fortune nel 2000, “che io possa essere il primo candidato alla presidenza a candidarsi e a guadagnarci sopra”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.