L’investitore miliardario Bill Ackman fa marcia indietro su una discutibile criptovaluta

Bill Ackman cripto
Bill Ackman, ceo e portfolio manager Pershing Square Capital Management. (Photo by Bryan Bedder/Getty Images for The New York Times )
Share

Questo articolo è apparso su Forbes.com

Il 20 novembre, in seguito alla dichiarazione di fallimento di Ftx di Sam Bankman-Fried, il miliardario di hedge fund Bill Ackman ha pubblicato un thread di 19 tweet in cui salutava il “potenziale di impatto sociale benefico” delle criptovalute. Il suo inno ha individuato due progetti specifici di blockchain, Helium e Dimo, come esempi di “come un token possa costruire un valore intrinseco nel tempo”.

L’iniziale appoggio a Helium

Helium, un progetto Web3 che si presenta come una rete decentralizzata di hotspot Internet, ha creato quella che Ackman ha descritto come una “rete Wi-Fi globale” utilizzata dalla società di e-scooter Lime. L’investitore di hedge fund ha spiegato che Hnt, il token nativo di Helium, beneficia della “rete globale di 974k hotspot” del progetto ed è posizionato in modo da diventare “una merce apprezzata” tra la crescita della partecipazione alla rete.

Purtroppo per Ackman, i fatti raccontano una storia diversa. Lime non ha mai utilizzato Helium, come riportato per la prima volta da The Verge e Mashable; la società di e-scooter ha confermato a Forbes, nell’ambito di un’indagine di settembre, di non aver mai utilizzato Helium.

L’indagine ha scoperto che i dirigenti di Helium hanno accumulato gran parte dei token Hnt appena coniati e che il progetto ha generato solo 92mila dollari di entrate tra il giugno 2021 e l’agosto 2022 dall’utilizzo dei dati wireless di Helium, il suo principale caso d’uso. Amir Haleem, cofondatore e ceo della società, ha dichiarato a Forbes che “nessuno di questi numeri sembra irragionevole o eccessivo in alcun modo”. Il token Hnt, che viene scambiato a 2,46 dollari lunedì 28 novembre alle 17:00, è sceso di oltre il 95% rispetto al suo massimo di 52,70 dollari dello scorso novembre.

Le critiche verso Ackman

Gli utenti di Twitter e gli addetti ai lavori hanno subito criticato Ackman per il suo appoggio. “Helium ha mentito sui suoi utenti e ha guadagnato 6.500 dollari al mese dopo aver ricevuto 365 milioni di dollari da @a16z. Bill stai bene?”, ha risposto il critico di criptovalute ed ex attore Ben McKenzie (a16z è la società di venture capital Andreessen Horowitz).

“Bill, no. Il token Helium era un vero e proprio schema ponzi”, ha scritto Cory Klippenstein, ceo dello scambio di bitcoin Swan Bitcoin. “Questo thread risale a un anno fa?”, ha chiesto il ricercatore di criptovalute Jacob Silverman. “Helium è stato ampiamente screditato da persone che hanno effettivamente esaminato la sua tokenomica strampalata”.

Così, una settimana dopo, il 26 novembre, Ackman è tornato su Twitter per spiegare i suoi precedenti tweet. I critici avevano “pensato che stessi sostenendo o forse addirittura ‘pompando’ specifici token, ma non stavo facendo nulla del genere”, ha insistito Ackman sabato mattina in un nuovo thread di 25 tweet. “Piuttosto stavo cercando di dimostrare che le criptovalute e la tokenizzazione sono tecnologie utili per la formazione delle imprese”.

Per quanto riguarda Helium: “A posteriori, Hnt è stato sopravvalutato in quanto la rete non ha ancora generato una domanda sufficiente a giustificare le elevate valutazioni iniziali di Hnt”, ha ammesso Ackman, prima di aggiungere: “I progetti di criptovaluta soffrono delle stesse leggi economiche di base delle altre imprese”. Ackman ha twittato di non essere “coinvolto” in Helium e ha rifiutato di commentare la vicenda.

L’appoggio a Sam Bankman-Fried con un tweet

È la seconda volta in questo mese che Ackman provoca i commentatori di cripto e finanza di Twitter. Il 10 novembre, dopo che Sam Bankman-Fried si è scusato per aver supervisionato il crollo di Ftx, Ackman ha twittato: “Bisogna dare credito a @SBF_FTX per la sua responsabilità qui. Non conosco i fatti, ma non ho mai visto un amministratore delegato assumersi la responsabilità come ha fatto lui. Questo si riflette bene su di lui e sulla possibilità di un esito più favorevole per @FTX_Official”.

L’investitore ha cancellato rapidamente il post, ma non prima che molti dei suoi follower ne catturassero gli screenshot. Ftx ha prestato impropriamente miliardi di dollari di fondi dei clienti all’hedge fund Alameda di Bankman-Fried, come riporta il Wall Street Journal. Non una cosa degna dell’elogio di un miliardario.

Ackman e le criptovalute

Ackman, 56 anni, ha un patrimonio stimato di 3,5 miliardi di dollari. Gestisce l’hedge fund Pershing Square da 18,2 miliardi di dollari, che ha fondato nel 2004. Pershing ha guadagnato miliardi grazie a scommesse azzeccate, tra cui una vincita di 2,6 miliardi di dollari per l’acquisto di coperture sul credito nel marzo 2020, mentre la pandemia di Covid-19 affondava i mercati.

Come molti dei suoi colleghi di Wall Street, Ackman ha iniziato a dilettarsi con le criptovalute durante la pandemia, prima del recente crollo del mercato. Nel suo thread del 20 novembre, il miliardario ha dichiarato di essere un “piccolo investitore in progetti di criptovalute” come la società di tracciamento delle frodi Trm Labs, la società di contabilità TaxBit e la piattaforma Nft Origyn, oltre ad aver investito denaro in sette fondi di venture capital.

In totale, le scommesse sulle criptovalute rappresentano “meno del 2%” del patrimonio netto di Ackman. “Investo più come un hobbista che cerca di imparare che come un investitore attento”, ha dichiarato su Twitter. I suoi 572mila follower non dovrebbero interpretare le sue dichiarazioni come “una raccomandazione di investimento”, ha ammonito Ackman su Twitter.

A maggio, Ackman ha criticato il fallimento della stablecoin TerraLuna definendola “una versione crittografica di uno schema piramidale” e ha esortato l’industria crittografica ad “autoregolamentarsi”. A febbraio, ha esortato il governatore di New York Kathy Hochul e il sindaco della città di New York Eric Adams a rimuovere le “barriere” che impediscono maggiori investimenti in criptovalute e innovazione nello Stato.

L’anno scorso, Ackman ha dichiarato cose diverse. Nel maggio del 2021, parlando al Future of Everything Festival del Wall Street Journal, ha detto che non si sarebbe “sentito a suo agio nel mettere una quantità significativa” di denaro nelle criptovalute, che, secondo l’opinione di Ackman all’epoca, non avevano “alcun valore intrinseco”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.