MrBeast potrebbe essere il primo youtuber miliardario

MrBeast
Jimmy Donaldson, in arte MrBeast
Share

Questo articolo di Chloe Sorvino è apparso su Forbes.com

Perché una persona dovrebbe trascorrere 50 ore sepolto vivo solo per fare un video su YouTube? Jimmy Donaldson – noto come MrBeast – lo scorso anno ha avuto 54 milioni di motivi. Il realizzatore di video che guadagna di più al mondo ha già un patrimonio di 500 milioni di dollari e ritiene di poterlo raddoppiare.

Jimmy Donaldson, lo youtuber 24enne con la faccia da bambino, è travestito da Willy Wonka, con tanto di cappotto di velluto viola, papillon dorato oversize e cappello a cilindro arancione. Il realizzatore di video, alto un metro e 90 e conosciuto come MrBeast, sta girando un video per promuovere Feastables, il marchio di barrette che ha lanciato lo scorso inverno. Donaldson ha trascinato dieci fan che avevano trovato biglietti vincenti in una delle sue barrette in un magazzino nella Carolina del Nord orientale, da lui stesso costruito. Lì costoro si sono trovati di fronte a una finta fabbrica di cioccolato, con enormi orsi gommosi appesi ai rami degli alberi in una foresta di lecca-lecca e, proprio come nel film, un vero fiume di cioccolato che sfociava in una cascata. In una stanza rivestita di marshmallow rimbalzanti, i concorrenti stavano in bilico su mentine rotanti. Il primo che cadeva perdeva. Il vincitore si portava a casa 500mila dollari, un’auto nuova di zecca e un pezzo della storia di Donaldson.

I numeri di MrBeast

Si tratta di un divertimento sciocco, innocente e altamente redditizio. Quel video di 17 minuti ha totalizzato 121 milioni di visualizzazioni negli ultimi sei mesi e MrBeast ne ha realizzati altre migliaia. L’anno scorso ha guadagnato 54 milioni di dollari, di cui 32 milioni da annunci pubblicitari sui suoi dodici canali e nove milioni da contenuti sponsorizzati. È il personaggio di YouTube con più iscritti al mondo, circa 112 milioni. I suoi guadagni, già i più alti tra i realizzatori di contenuti digitali per social media, sono destinati a raddoppiare nel 2022, fino a raggiungere i 110 milioni di dollari. “Molta gente vede ancora gli youtuber come una sottocategoria di influencer”, afferma. “Non si rende ancora bene conto dell’influenza che hanno molti realizzatori di video”.

Nel mondo ipercompetitivo e a volte sgradevole dei social media, a MrBeast piace collaborare con i suoi concorrenti. A novembre, per festeggiare il suo primato tra gli youtuber, ha invitato 11 colleghi e amici, tra cui LazarBeam (20,2 milioni di iscritti al suo canale), GeorgeNotFound (10,5 milioni) e Callux (4 milioni), a competere per aggiudicarsi un jet privato da 2,5 milioni di dollari. (Si trattava di una gara di resistenza in stile Hands on a Hardbody: vinceva chi riusciva a tenere più a lungo la propria mano a contatto con l’aereo). Una volta Donaldson ha regalato al suo amico Ludwig, un ideatore di videogiochi in streaming con 3,7 milioni di iscritti al suo canale, un video che gli era costato un milione di dollari… gratis. Non era giusto per MrBeast.

Il patrimonio di MrBeast

I video di Donaldson, in genere realizzati con budget da 1,5 a 3 milioni di dollari, sono famosi per le loro imprese bizzarre (MrBeast ne conta fino a 100mila e in uno di questi viene letteralmente sepolto vivo in una bara per 50 ore) e per l’elargizione di ingenti somme di denaro (da 10mila a un milione di dollari) per compiere bravate come rubare un diamante in un magazzino sorvegliato da allarmi laser o rimanere per 100 giorni all’interno di un cerchio dipinto nel suo campo. Si tratta di un sacco di soldi che escono dalla porta. Ma ne entrano molti di più grazie a YouTube, Facebook e TikTok.

“È molto semplice. Onestamente, quando ho stipulato il mio primo contratto di sponsorizzazione da 10mila dollari, ho regalato questi soldi. Ho preso il denaro, sono uscito e l’ho regalato a un senzatetto”, racconta Donaldson. “Non voglio strafare. È stata semplicemente una bella sensazione. È un mondo in cui guadagno 10mila dollari, li brucio e ne guadagno altri 20mila”.

Donaldson è l’unico proprietario della sua società, ma sta cercando di venderne una piccola quota. Se ci riuscisse, il 10% potrebbe valere 150 milioni di dollari. Un’operazione di questa portata farebbe schizzare la valutazione della società a 1,5 miliardi di dollari, trasformando Donaldson nel primo YouTuber miliardario del mondo: la restante quota del 90% varrebbe 1,4 miliardi di dollari. Già oggi Forbes stima che Donaldson abbia un patrimonio di circa 500 milioni di dollari. “La probabilità di diventare miliardario è più alta se non ci si pone questo obiettivo”, dichiara Donaldson. “Concentratevi solo sul creare una società straordinaria”.

Hamburger e barrette

MrBeast si sta muovendo in fretta per aggiungere alla sua fama online anche attività offline. Nei tre mesi successivi al lancio, avvenuto nel gennaio 2022, Donaldson ha venduto quattro milioni di barrette Feastables, di cui ciascuna varietà è prodotta con cacao biologico e meno di sei ingredienti. Le barrette, dalle confezioni sgargianti, sono ora disponibili online e in 4.700 negozi Walmart. Donaldson è l’azionista di maggioranza, mentre gli investitori avrebbero contribuito con 5 milioni di dollari, per una quota del 20%.

Feastables prosegue il successo ottenuto da Donaldson con MrBeast Burger, che nel dicembre 2020 aveva fatto il suo esordio come ristorante virtuale solo per il servizio di delivery ed è diventato rapidamente il marchio di ristoranti con la crescita più rapida del Paese. Feastables è un business più redditizio, con un margine lordo stimato del 40% rispetto al 30% circa della catena di hamburger. Ma MrBeast Burger ha una diffusione maggiore: nel 2021 ha registrato un fatturato di 70 milioni di dollari e quest’anno è sulla buona strada per raggiungere i 100 milioni.

“Se riusciamo a rimanere il più grande canale YouTube al mondo per i prossimi cinque o dieci anni, le opportunità sono illimitate”, dichiara Donaldson dal suo studio-laboratorio, circondato da una Lamborghini e da secchi di banconote di dollari falsi.

La storia di MrBeast

Figlio minore timido di una madre single che lavorava nell’esercito per due turni di notte a settimana, Donaldson da bambino si spostava parecchio e spesso trascorreva le notti da solo. Già nel 2012, a 13 anni, aveva iniziato a postare su YouTube con il nome di MrBeast6000. All’epoca girava i video con il computer portatile del fratello, che non aveva un microfono, e quindi i filmati erano privi di audio. All’inizio Donaldson teneva nascosto il suo personaggio online, ma sua madre, Sue, lo scoprì quando raggiunse i diecimila iscritti. Pur rimanendo sorpresa, la madre non diede peso alla cosa fino a quando, nel 2016, Donaldson abbandonò l’università dopo appena due settimane per diventare un realizzatore di video a tempo pieno e, non volendo assecondare il suo proposito, lo cacciò di casa.

Dopo avere filmato la donazione di 10mila dollari a un senzatetto, Donaldson si rese conto della potenza virale del semplice gesto di regalare denaro. Come una sorta di versione della Publishers Clearing House per la Gen Z, iniziò a filmare se stesso mentre regalava pacchi di denaro a sconosciuti. Nel 2020 ha guadagnato 24 milioni di dollari in un anno. L’anno successivo la cifra è raddoppiata.

“Mi comporto come uno zombie”

Ma le sue acrobazie non finiscono qui. Quest’inverno, durante la stagione più mite dell’emisfero australe, ha in programma di girare 100 ore di filmati in Antartide. Ha lanciato un videogioco, il cui contenuto è per ora top secret, ma questo non dovrebbe importare ai 30 milioni di iscritti al suo canale di videogiochi. Feastables diventerà globale e si espanderà nel mercato della barrette proteiche e, forse, dei cibi surgelati.

La catena MrBeast Burger è una joint venture con Virtual Dining Concepts, di proprietà di Robert Earl di Planet Hollywood. Donaldson aveva solo 22 anni quando è stato lanciato MrBeast Burger e aveva bisogno di tutto il sostegno possibile. Ora, però, vorrebbe acquisire maggiore controllo: la sua quota di partecipazione aveva generato 3 milioni di dollari nel 2021, appena il 4% delle vendite di quell’anno.

Per questo motivo, nel fine settimana della Festa dei Lavoratori, Donaldson si è presentato all’American Dream Mall del New Jersey per l’inaugurazione del suo primo ristorante non virtuale. Circa 20mila fan si erano messi in coda. Molti si erano persino accampati durante la notte. Donaldson e il suo staff hanno servito cinquemila hamburger. È in programma un punto vendita nel Mall of America del Minnesota e una dozzina di altri locali potrebbero aprire l’anno prossimo.

“Mi comporto come uno zombie in tutto quello che faccio”, racconta Donaldson. “Mi alzo e lavoro fino allo sfinimento, fino a quando non crollo addormentato. Sogno il mio lavoro. Mi sveglio e lo rifaccio, fino all’ultimo. Non mi interessa nulla di quello che sta al di fuori del mio lavoro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.