Sace: sostenibilità e innovazione a supporto delle Pmi con il nuovo piano industriale

alessandra-ricci-sace
Alessandra Ricci, ad di Sace
Share

Articolo tratto dal numero di dicembre 2022 di Forbes Italia. Abbonati!

Insieme 2025 è il nome del nuovo piano industriale di Sace che guiderà le scelte strategiche del gruppo assicurativo-finanziario nel triennio 2023-2025. Darà il via a una importante evoluzione del modello di business, che garantirà una maggiore resilienza al tessuto economico nazionale, rilancerà la competitività delle imprese sui mercati esteri e consoliderà la crescita su quello domestico.

Un cambio di paradigma per la Sace, che evolverà lungo quattro direttrici: partendo dalla sostenibilità, punterà su investimenti in innovazione tecnologica per ascoltare le esigenze delle imprese e sostenere in modo più incisivo le pmi, coinvolgendo tutte le persone del gruppo in una grande squadra di professionisti.

Insieme 2025: un’evoluzione del modello di business

sace-logo

“Il piano industriale”, commenta l’ad Alessandra Ricci, “ci pone obiettivi, ambiziosi, che sentiamo nostri perché frutto della partecipazione e del coinvolgimento dei colleghi nella definizione di Insieme 2025. Tutti noi siamo convinti che incentivare e sostenere la crescita delle imprese verso orizzonti sostenibili contribuisca al benessere della società”.

Il gruppo punta a sostenere investimenti, supportare progetti e garantire liquidità per 111 miliardi di euro in tre anni, con un incremento annuo atteso del 5%, raggiungendo un totale di 65mila pmi. E lo farà grazie a un team guidato da un nuovo modello di valori, in cui il contributo dei singoli viene valorizzato in un grande progetto comune. “Tempi nuovi e di inedita complessità richiedono modalità nuove di sostegno al tessuto imprenditoriale nazionale”, dice il presidente di Sace Filippo Giansante.

“Con questo obiettivo abbiamo scritto Insieme 2025. Il piano industriale del gruppo guiderà il nostro impegno, al fianco delle imprese, verso una crescita sostenibile che crei valore duraturo per l’Italia. Un percorso che passa da un consolidamento dell’attuale missione a sostegno della competitività del sistema Paese e da una sostanziale evoluzione del modello di business per aiutare le aziende italiane a costruire e rafforzare la propria resilienza, indirizzandole verso strategie e investimenti sostenibili e innovativi”.

L’impegno sostenibile di Sace

Al centro del modello c’è la sostenibilità, economica, sociale e green, che il gruppo Sace realizzerà con l’introduzione di valutazioni e misurazioni di impatto in tutte le decisioni aziendali e sostenendo con le proprie attività l’accelerazione dell’evoluzione sostenibile delle imprese. Questo si traduce in un approccio più premiante verso settori e geografie virtuosi, con un’attenzione all’impatto nei mercati dove Sace opera, un impegno in ambito esg che si affermerà anche nella gestione interna dell’azienda, soffermandosi sul benessere della comunità e gli impatti socio-ambientali connessi al lavoro.

Non solo sostenibilità. Tecnologia e innovazione sono messe al servizio dell’ascolto delle imprese, che il gruppo mira a portare avanti in una logica di partnership per intercettare le loro esigenze e progettare le soluzioni migliori per la crescita. Una open platform, costruita sulla loro user experience e partecipata da tutti gli attori del Paese, per consentire l’accesso non solo a prodotti e servizi, ma anche agli strumenti di business promotion offerti (dai business matching, alle iniziative di formazione).

“Realizzeremo un gruppo riconosciuto in Italia e all’estero per il suo impatto concreto allo sviluppo sostenibile non solo delle imprese italiane, ma anche dei mercati in cui opera. E raggiungeremo tutto questo grazie a una squadra unita, ricca di talento e competenze, alla ricerca di un’innovazione continua a supporto del Paese, insieme all’ascolto e al dialogo costante con le aziende, di cui vogliamo essere i partner indispensabili”, conclude Ricci.

L’espansione all’estero senza trascurare il mercato domestico

Sostegno alle esportazioni, da sempre il cuore di Sace, e supporto al mercato domestico e ai progetti green. Il gruppo prevede una crescita di oltre il 30% dei volumi di contratti assicurativi e investimenti garantiti nei mercati esteri, pari a circa 49 miliardi di euro, attraverso la diversificazione dei Paesi di riferimento, con l’accompagnamento in aree geografiche a elevato potenziale, come Sud-Est Asiatico e America Latina.

Tutto questo senza trascurare il mercato domestico, dove Sace si impegnerà a supportare l’aumento di investimenti in settori ad alto impatto per l’economia italiana, per oltre 60 miliardi di euro garantiti. Sace, controllata dal ministero dell’Economia e delle finanze, opera da 45 anni per sostenere le imprese e il tessuto economico nazionale attraverso un’ampia gamma di strumenti e soluzioni a supporto della competitività in Italia e nel mondo.

Il gruppo è il partner di riferimento per le aziende italiane che esportano e crescono nei mercati esteri. Svolge un’attività di supporto al sistema bancario per facilitare l’accesso al credito delle imprese con un ruolo ampliato da nuovi strumenti per sostenere la liquidità, gli investimenti per la competitività e per la sostenibilità nell’ambito del Green New Deal italiano.

Il gruppo include diverse società, come Sace Fct, che opera nel factoring, Sace Bt, attiva nei rami credito, cauzioni e altri danni ai beni, e Sace Srv, specializzata nelle attività di recupero del credito e di gestione del patrimonio informativo. Insieme servono circa 32.500 aziende, molte delle quali pmi, supportando la crescita in Italia e in circa 200 mercati esteri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it QUI.