Bubble tea, Mixue Bingcheng
Miliardari

Come due fratelli cinesi sono diventati miliardari vendendo bubble tea da 1 dollaro

Questo articolo è apparso su Forbes.com

A 21 anni, Zhang Hongchao iniziò a vendere dolcetti con ghiaccio tritato. Circa 25 anni dopo, lui e suo fratello minore Hongfu hanno fatto fortuna vendendo gelati, bevande al caffè e il famosissimo bubble tea e limonata.

Quando aveva solo 21 anni, Zhang Hongchao prese in prestito dei soldi da sua nonna per aprire una piccola bancarella che vendeva dolcetti con ghiaccio tritato nella città centrale cinese di Zhengzhou. Il primo negozio non ce l’ha fatta, ma due anni dopo ci ha riprovato con un secondo stand di ghiaccio tritato, questa volta chiamato Mixue Bingcheng, che significa “dolce palazzo di neve”. Nel corso del tempo l’attività decollò e lui passò alla vendita di gelati e successivamente di bubble tea, limonata e bevande al caffè a prezzi stracciati.

Mixue Bingcheng si prepara a sbarcare in Borsa

Ora Mixue Bingcheng, che ha circa 36mila negozi ed è il più grande produttore cinese di bubble tea, è sul punto di quotarsi in borsa, e Zhang, ora 47enne, e suo fratello minore Hongfu, 39enne, secondo le stime di Forbes, sono diventati miliardari.

Mixue ha presentato martedì scorso un’offerta pubblica iniziale a Hong Kong, rivelando i dettagli della proprietà della società. Ciascun fratello detiene attualmente una quota del 42,8% nell’azienda. Forbes stima prudentemente che Mixue, i cui ricavi e utili netti sono aumentati del 46% e del 48% nei primi nove mesi del 2023 rispettivamente a 2,2 miliardi di dollari e 338 milioni di dollari, abbia un valore di 2,9 miliardi di dollari.

Ciò porta il patrimonio netto degli Zhang a circa 1,2 miliardi di dollari ciascuno. L’ultima volta che il produttore privato di bubble tea ha raccolto fondi è stato nel gennaio 2021, durante la bolla dei finanziamenti, ottenendo 329 milioni di dollari con una valutazione di 3,3 miliardi di dollari da alcuni investitori, tra cui Hillhouse Capital del miliardario Lei Zhang e Dragonball Capital, il braccio di venture del miliardario Meituan di Wang Xing. Mixue ha presentato richiesta di Ipo da 915 milioni di dollari a Shenzhen nel 2022, ma non si è mai concretizzata.

I numeri del “Pinduoduo del bubble tea”

Mixue, che ha 32.000 negozi quasi tutti in franchising in Cina e altri 4.000 in altri 11 paesi prevalentemente asiatici, non ha risposto a una richiesta di commento sulla valutazione dell’azienda o sul patrimonio netto dei fratelli. Secondo il prospetto, i suoi negozi hanno venduto circa 5,8 miliardi di bevande in tutto il mondo durante i primi nove mesi del 2023, diventando così, secondo China Insights Industry Consultancy, il secondo più grande venditore globale di bevande fresche in tazze. (Il venditore numero uno è Starbucks.)

L’azienda si distingue nell’affollato mercato del bubble tea per i suoi prezzi stracciati, guadagnandosi il soprannome di “Pinduoduo del bubble tea”, in onore della popolare piattaforma cinese di sconti e-commerce del miliardario Colin Huang (il sito di shopping statunitense Temu di Pinduoduo è stato lanciato nel 2022). I prodotti Mixue, che includono anche limonata fresca, gelato soft, tè alla frutta e caffè, costano tra i tre centesimi (all’incirca il prezzo di una lattina di Coca-Cola in Cina) e un dollaro. A confronto del prezzo medio di 3,80 dollari di Nayuki, un’altra famosa catena cinese di bubble tea quotata a Hong Kong.

Mixue dice di essere in grado di mantenere bassi i prezzi grazie alla sua catena di fornitura end-to-end che copre tutto, dall’approvvigionamento e produzione degli ingredienti alla logistica, ricerca e sviluppo e controllo di qualità. Quasi tutte le sue entrate e i suoi profitti provengono dalla vendita di forniture come elettrodomestici da cucina e ingredienti alimentari agli affiliati.

La storia della nascita di Mixue Bingcheng

Hongchao era uno studente dell’Henan Economics and Finance College (ora noto come Henan University of Economics and Law) nel 1997, quando un’estate trovò un lavoro part-time in un chiosco di bevande. Fu mentre lavorava lì che gli venne l’idea di costruire la sua macchina per il ghiaccio fatta a mano e di aprire un negozio che vendeva dolcetti di ghiaccio tritato, una cosa che era popolare nella vicina Shangqiu, ma non aveva raggiunto Zhengzhou. Secondo i resoconti dei media cinesi locali, ha preso in prestito 3.000 yuan (422 dollari) da sua nonna per aprire Coldsnap Shaved Ice, il predecessore di Mixue.

Hongchao ha imparato rapidamente alcune dure lezioni di business quando ha lottato per vendere dolcetti di ghiaccio tritato durante l’inverno, costringendolo, sempre secondo i media cinesi, a vendere mandarini per avere un reddito extra. Ha dovuto chiudere l’attività, ma ha riprovato nel 1999 con nuovi prodotti come bevande zuccherate e successivamente gelati soft.

Suo fratello minore Hongfu, che ora ricopre il ruolo di ceo di Mixue (Hongchao invece è il presidente), è entrato a far parte dell’azienda nel 2007 per standardizzare le operazioni e la gestione. Questo in seguito divenne il modello di franchising di successo dell’azienda. Oggi il 99,8% dei suoi 36.000 negozi sono gestiti da 16.000 affiliati, rendendolo uno dei maggiori operatori in franchising al mondo. (Ha più del doppio del numero di sedi Dunkin’ e quasi il doppio del totale di Burger Kings.) Mixue, che ha 84 brevetti cinesi e gestisce le proprie fabbriche, vende di tutto: dagli elettrodomestici da cucina agli ingredienti tra cui sciroppi, latte, tè, caffè e frutta ai suoi affiliati.

Il successo in tutto il mond0

I due fratelli hanno continuato ad innovarsi nel corso degli anni. Hanno aperto il loro primo negozio di caffè Lucky Cup nel 2017; ora ha 2.900 sedi. Hanno esportato il marchio Mixue ad Hanoi, in Vietnam nel 2018; oggi ci sono negozi anche in paesi come Canada, Indonesia, Giappone e Corea del Sud. Negli ultimi anni, hanno introdotto la loro ormai famosa mascotte “Snow King” e hanno iniziato a trasmettere video musicali e audio che lo raffiguravano nei negozi. La sigla di Mixue, I Love You, You Love Me, Mixue Ice Cream & Tea, con protagonista Snow King, ha raccolto più di 24 milioni di visualizzazioni su Bilibili del miliardario Rui Chen, l’equivalente cinese di YouTube. Snow King è apparso anche in una serie tv animata e ha svolto un ruolo chiave nei festival Ice Cream Music dell’azienda.

Gli Zhang sono gli ultimi ad aver fatto fortuna con il bubble tea, popolare tra i millennial e la generazione Z in Asia e negli Stati Uniti. Altri miliardari del bubble tea includono Wang Xiaokun, fondatore e presidente di Cha Panda. Peng Xin e Zhao Lin, la coppia marito e moglie dietro Nayuki, rivale di Mixue, sono diventati miliardari dopo l’Ipo della società a Hong Kong nel 2021. Ma da allora la coppia è uscita dai ranghi dei miliardari a seguito del crollo dell’80% del prezzo delle azioni innescato da questioni di sicurezza alimentare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .