club-sandwich
Food & Drink

La sfida del miglior club sandwich al ristorante Atto di Vito Mollica

Secondo molti è nato nel 1899 al Saratoga Club House, a New York. Lo avrebbe inventato Richard Canfield, titolare del locale, per accontentare delle signore che chiedevano di mangiare dopo la chiusura della cucina, riciclando gli avanzi della dispensa. Un’altra versione invece attribuisce l’invenzione a un imprenditore newyorkese.  Si tratta del club sandwich, il panino che dagli Stati Uniti ha fatto il giro del mondo. Le sue rivisitazioni non mancano in Italia, grazie all’incontro con le eccellenti materie prime, dal pane alla pancetta, dai pomodori alle uova, dal formaggio alle carni. 

Club sandwich: che vinca il migliore!

A Firenze si tiene la sfida del miglior club sandwich in occasione della XVII edizione di Taste. Gli chef dei 13 hotel più esclusivi della città, nel ristorante Atto di Vito Mollica a Palazzo Portinari Salviati, si sfideranno per scegliere il miglior panino. Il Club Sandwich Mania – Fiore 1827 si terrà oggi, lunedì 5 febbraio, ed è organizzato da Davide Paolini uno dei critici enogastronomici più importanti d’Italia, Gianni Mercatali guru della comunicazione e Gruppo Editoriale casa editrice specializzata in lifestyle publishing.

Una giuria di 13 esperti, tra giornalisti, critici enogastronomici e abituali frequentatori dell’hotellerie, avrà il compito di assaggiare, valutare e infine decretare i migliori club sandwich. Per tutti gli appassionati del ‘panino a due piani’ il momento imperdibile arriverà alle 19.30, nel Salotto Portinari, con la premiazione e un dinner party a cura dello chef Vito Mollica che si cimenterà in un originale e creativo menù dedicato al club sandwich accompagnato dai vini delle Tenute di Famiglia Cecchi, con una degustazione delle eccellenze dolciarie Fiore 1827.

L’evento dedicato alla cultura enogastronomica

Il Taste riunisce circa 660 aziende che rappresentano l’eccellenza enogastronomica italiana. Protagonista dell’evento sarà il cibo, spiegato anche attraverso dibattiti sui temi del settore. Tre giorni di cultura contemporanea del cibo, in scena dal 3 al 5 febbraio, organizzati alla Fortezza dal Basso, ma con eventi distribuiti in tutta la città. 

Più di 150 le realtà che per la prima volta hanno partecipato. Il percorso espositivo di Taste, arricchito da importanti novità, permette a un pubblico di buyer sempre più internazionale di approfondire prodotti iconici e di tendenza, eccellenze artigianali e produzioni innovative, oltre al design dedicato alla tavola.

LEGGI ANCHE: Tutti gli eventi gastronomici di Pitti Taste, il salone fiorentino rivolto ai professionisti del food & beverage

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .