L’azienda di Spilamberto è una delle più antiche e ricche di tradizione del territorio modenese, tanto da meritare l’ingresso nel registro dell’Unione Imprese Storiche d’Italia: l’Aceto Del Duca affonda infatti le sue radici nel 1891 dando il via a una storia di eccellenza made in Italy che continua ancora oggi con la quarta generazione della famiglia. Nata come “premiata salumeria” con la vendita di specialità alimentari, l’azienda riceve nel 1927 il “Diploma di Gran Premio e Medaglia d’Oro per la speciale lavorazione di prodotti tradizionali”, in occasione dell’Expo Internazionale di Genova. Col tempo l’azienda lega la propria immagine a quella del Duca Francesco I d’Este, tra i più famosi e appassionati produttori di quel balsamo apprezzato alla corte degli Estensi. Per anni, a guidare l’azienda è stato Adriano Grosoli, nipote del fondatore e ultimo dei quattro imprenditori che negli anni Ottanta costruirono il “mito” del Balsamico facendolo conoscere al di là dei confini nazionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Per altri contenuti iscriviti alla newsletter di Forbes.it CLICCANDO QUI .

Forbes.it è anche su WhatsApp: puoi iscriverti al canale CLICCANDO QUI .

CONTATTI

Sede: Via Medicine 2110,
41057 San Vito di Spilamberto (MO)
Telefono: +39 059469471
Email: [email protected]
Sito: www.acetobalsamicodelduca.com

In primo piano

Dal 1891 in avanti, la famiglia Grosoli ha sempre mantenuto la guida dell’Aceto Balsamico del Duca: a dirigere oggi l’azienda è Mariangela Grosoli, figlia di Adriano, insieme alla figlia Lucia Scaglione che rappresenta l’ingresso della quinta generazione della famiglia. Da diversi anni Mariangela Grosoli ricopre anche la carica di presidente del Consorzio di tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP, con l’obiettivo di mantenere la protezione e la valorizzazione della denominazione.

Il punto forte

Vocata sia alla produzione di Aceto Balsamico di Modena IGP che a quella dell’Aceto Balsamico Tradizionale DOP, l’azienda di Spilamberto è stata tra le prime a certificare l’Aceto Balsamico come biologico che oggi rappresenta una quota importante della produzione. L’Acetaia del Duca esporta l’80% della propria produzione in oltre 40 Paesi in tutto il mondo. Caratteristica peculiare di tutti gli aceti balsamici del Duca è la forte aromaticità e la nitidezza delle singole nuance.

Contenuto precedente
Contenuto successivo