Seguici su
Strategia 21 Dicembre, 2017 @ 2:16

20 cose da non far dire al tuo corpo, se vuoi avere successo sul lavoro

di Giorgio Nadali

Docente, giornalista e formatore.Leggi di più dell'autore
chiudi

Una guardia di Buckingham Palace colta in un momento di sonno.

Ci hai mai pensato? Anche il tuo corpo parla, spesso involontariamente. Il linguaggio del corpo potrebbe anche frenare la crescita della tua carriera: senza che tu te ne accorga, potresti incrociare le braccia troppo spesso, piegarti sulla sedia o ansimare al telefono. Anche se queste piccole sfumature potrebbero non sembrare un grosso problema nel comfort di casa tua o con i tuoi amici, abbandonartici troppo spesso in ufficio potrebbe farti sembrare ansioso o incompetente. Se non sei sicuro di quali errori del linguaggio del corpo stai facendo, eccone venti da cui devi guardarti bene, se vuoi fare carriera.

Ciondolare sulla sedia

Tutti sanno che il ciondolare non è solo un male per la schiena, ma può anche farti sentire “piccolo” e poco importante. Se ti muovi costantemente al tuo posto in ufficio, il tuo capo e/o altri dipendenti potrebbero presumere che non ti interessi particolarmente al tuo lavoro. Soluzione? Prova a usare una scrivania in piedi.

Incrociare braccia, gambe o piedi

Incrociare braccia, gambe o piedi può far sentire a proprio agio mentre stai cercando di leggere mille e-mail o ascoltare il tuo capo mentre parla durante una riunione: tuttavia, questo comportamento non verbale potrebbe dare segnali negativi agli altri intorno a te. Potrebbero non interagire con te perché pensano che tu sia difensivo, testardo o distante.

Invadere lo spazio personale

Che tu sia super-amichevole con il tuo collega o meno, è meglio mantenere una buona distanza tra te e i tuoi colleghi di lavoro – e il tuo capo – quando comunichi su un argomento professionale. Altrimenti, puoi far sentire l’altra persona a disagio e persino minacciata dalla tua presenza. La regola migliore da seguire? Secondo Square Up, da uno a due metri e mezzo è la distanza ideale tra te e i tuoi colleghi.

Non rispecchiare gli altri

Rispecchiare la postura e il modo di parlare dei tuoi colleghi aumenta le tue possibilità di costruire un rapporto positivo con loro. Perché? Perché usare “l’effetto camaleonte” spesso ti permette di impegnarti in conversazioni più profonde con altre persone, che a lungo andare potrebbe consentire agli altri di fidarsi maggiormente di te. Con moderazione, però: non devi scimmiottarli.

Non stabilire un contatto visivo

Mentre è una regola conosciuta il non rompere il contatto visivo durante un colloquio, lo stesso vale per quando si è impegnati in una conversazione seria sul posto di lavoro. Se vuoi aumentare le tue possibilità di avere conversazioni migliori con le persone, guardale negli occhi quando state parlando: produce una connessione più profonda.

Dare una stretta di mano debole

È consigliabile avere una buona postura; stabilire un contatto visivo; e dare una bella, ferma scossa.

Entrare “furtivamente” nella stanza

Le prime impressioni contano. Quando entri in una stanza o in una riunione, saluta (anche se solo con un sorriso o un cenno). Non saltare questo passaggio anche se stai entrando in ritardo.

Leggi anche: 11 caratteristiche che rendono una persona irresistibile

Apparire annoiato

Stai fissando l’orologio? Scarabocchi senza scopo su un blocco di carta? Tutte queste cose potrebbero mostrare al tuo capo che sei annoiato al lavoro, anche quando non pensi che lo stia notando. Cerca di essere consapevole del tuo linguaggio del corpo. Fai una passeggiata se ti senti annoiato o chiedi ai tuoi colleghi se hanno bisogno di aiuto con qualsiasi cosa. Più proattivo sei al lavoro, meglio ti sentirai.

Evita la posa “a foglia di fico”

Un’altra postura da evitare è quella di incrociare le mani sui genitali (a volte chiamata la posizione della “foglia di fico”). Poteva andare bene per Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden, ma al lavoro sembra solo un gesto difensivo e scomodo.

Fare gesti nervosi

Scricchiolare le nocche delle mani, giocare con i capelli, mordersi le unghie e il labbro sono tutti esempi di un gesto nervoso. Mentre queste piccole sfumature possono essere accettate a casa, mostrare queste abitudini nervose di fronte al tuo capo o ai tuoi colleghi può ridurre la tua credibilità, e far credere agli altri che sei ansioso o incompetente. E anche se sai che non è vero, è meglio evitare questi piccoli errori. Chiedi a un collega amichevole di indicarti quando stai inconsciamente facendo uno di questi gesti.

Appoggiarsi a pareti o mobili

Ricordati di stare dritto: aiuterà le persone a sapere che sei attento e fiducioso.

Non dimenticare di sorridere

Sorridere è uno dei modi più semplici per trasmettere sicurezza. Mostra il tuo impegno e mette tutti a proprio agio.

Nascondere le mani

Nascondere le mani quando si è impegnati in una conversazione può essere percepito come non affidabile. Inoltre, secondo uno studio della Colgate University, le persone sono più inclini ad ascoltarti se usi le mani quando parli. Non agitare le mani in aria, ma tieni i palmi aperti e rivolti verso l’alto per essere considerato affidabile e aperto.

Guardare l’orologio

Fai attenzione a non lanciare troppe occhiate al tuo orologio, specialmente se sei in una conversazione con un collega. Guardare l’orologio implica impazienza e può essere considerato irrispettoso.

Esprimersi con gesti esagerati

Nella maggior parte delle startup, la cultura è diventata più rilassata nel tempo. Tuttavia, ciò non significa che puoi esprimere le tue idee con gesti esagerati. I movimenti a mano selvaggia potrebbero indicare che non sei professionale e non hai molta fiducia. Mantieni questo tipo di comportamento non verbale al minimo, a meno che non si tratti di un happy hour con gli amici.

 Di fronte alla conversazione

Se il tuo corpo non sta affrontando la conversazione, corri il rischio di sembrare disimpegnato (o anche maleducato). Prenditi un momento e appoggia le spalle e il tronco verso il gruppo. Se ti siedi, gira la sedia per affrontare l’azione.

Usare il telefono

A meno che non faccia parte del tuo lavoro essere al telefono 24 ore su 24, 7 giorni su 7, potrebbe essere meglio evitare di usarlo il più spesso possibile. Usare il telefono al lavoro, soprattutto durante una riunione, mostra una mancanza di rispetto nei confronti della persona che sta parlando. Idealmente, cerca di mantenere il rapporto con il tuo telefono al minimo (e se hai bisogno di usarlo di fronte al tuo collega, scusati prima di mandare un sms).

Essere avaro di cenni 

Spesso semplici sorrisi o cenni possono essere usati come potenti segnali non verbali per far sapere a qualcuno che lo stai ascoltando attivamente.

Separarsi fisicamente dagli altri

Mentre è normale sentirsi timidi quando si inizia un nuovo lavoro, non creare distanza tra te e i tuoi nuovi colleghi, perché ciò potrebbe indicare che non vuoi sentirti parte del team. La ricerca ha dimostrato che quando posizioni il tuo corpo lontano da qualcuno, potrebbe percepirti come disinteressato e persino diffidente. Esci dalla tua zona di comfort e avvicinarti un po’ (ricorda, non troppo vicino) per coinvolgere i tuoi compagni di squadra.

Roteare gli occhi

Il gesto è semplicemente maleducato.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!