Seguici su
Classifiche 15 ottobre, 2018 @ 3:54

La classifica dei 50 filantropi americani più generosi

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
Forbes Italia è l'edizione italiana del magazine più famoso al mondo su classifiche, cultura economica, leadership imprenditoriale, innovazione e lifestyle. chiudi
Warren Buffett e Bill Gates sono ai vertici della classifica dei più grandi donatori americani. (Spencer Platt/Getty Images)

di Jennifer Wang per Forbes.com

Le azioni parlano più delle parole: anche se può essere facile fare promesse, la vera generosità implica necessariamente la donazione di denaro. Per scoprire chi ha elargito più soldi nel 2017, Forbes ha stretto una partnership con SHOOK Research, società di ricerca della Florida, e ha tracciato i filantropi che hanno mantenuto le loro promesse. Vengono conteggiate solo le donazioni che raggiungono i beneficiari ed escludiamo gli impegni che devono ancora essere effettivamente pagati o le donazioni che sono ancora presenti come asset delle fondazioni.

I più grandi 50 donatori americani sono alcune delle persone più  ricche degli Stati Uniti; nove dei primi dieci donatori sono membri della Forbes 400 del 2018 e 40 in tutto. Per il quarto anno consecutivo, Warren Buffett è il numero 1 della lista, con donazioni per 2,8 miliardi di dollari nel 2017. Il presidente della Berkshire Hathaway, che ha fondato il Giving Pledge nel 2006, ha donato più di 2 miliardi di dollari per la fondazione degli amici Bill e Melinda Gates, e ha diviso il resto tra la Susan Thompson Buffett Foundation (dal nome della sua defunta moglie) e tre fondazioni istituite dai suoi figli.

Bill e Melinda Gates sono alle sue spalle, in seconda posizione, con donazioni per 2,5 miliardi di dollari nel 2017. La coppia ha elargito oltre 35 miliardi di dollari alla fondazione a partire dal 1994 e l’organizzazione no-profit è ora la più grande fondazione di beneficenza privata al mondo. I più grandi beneficiari nel 2017 includono il Fondo globale per la lotta all’AIDS, la tubercolosi e la malaria, il Bill & Melinda Gates Medical Research Institute e l’Alleanza per una Rivoluzione Verde in Africa.

Anche i due co-fondatori di Facebook, Mark Zuckerberg e Dustin Moskovitz, sono presenti nella lista. Nel 2015, Zuckerberg e sua moglie Priscilla Chan hanno fondato la  Chan Zuckerberg Initiative (CZI), che si concentra su scienza, istruzione, giustizia ed opportunità economiche. La coppia, che si è impegnata a distribuire il 99% delle loro azioni Facebook durante la loro vita, ha donato 400 milioni di dollari in beneficenza lo scorso anno. Moskovitz, che ha fondato la Good Ventures Foundation con sua moglie Cari Tuna, ha donato 298 milioni di dollari nel 2017; la sua fondazione sostiene cause che includono il benessere degli animali e la ricerca sull’intelligenza artificiale.

Mentre i dollari di alcuni filantropi raggiungono tutti gli angoli del globo, altri preferiscono concentrarsi un po’ più vicino a casa. Il magnate immobiliare Bill Cummings, la cui Cummings Properties possiede più di 10 milioni di piedi quadrati di spazio commerciale nell’area di Boston, ha avviato un programma “$ 100K for 100” alla sua fondazione nel 2012. L’iniziativa distribuisce 100 sussidi da 100.000 dollari ogni anno alle organizzazioni non profit locali che supportano servizi umani, istruzione, assistenza sanitaria e giustizia sociale. Lui e sua moglie hanno donato complessivamente 35 milioni di dollari l’anno scorso.

Inoltre, quando l’uragano Harvey ha colpito nel 2017, il fondatore di Dell Computer e miliardario di Austin, Michael Dell, entrò in azione, avviando il Rebuild Texas Fund attraverso la sua Michael & Susan Dell Foundation. La campagna mira a raccogliere oltre 100 milioni di dollari per aiutare nel recupero a lungo termine le comunità devastate dall’uragano; la fondazione di Dell ha destinato 36 milioni di dollari per la causa.

L’istruzione superiore è un’altra causa popolare tra i più grandi donatori. Nel 2017, il cofondatore di Home Depot Bernard Marcus ha donato 11 milioni di dollari alla Duke University per la ricerca sulle terapie con cellule staminali, e 38 milioni di dollari all’Università del Colorado. Il miliardario degli hedge fund Ken Griffin ha donato 125 milioni di dollari nel novembre 2017 al dipartimento di economia dell’Università di Chicago, mentre il co-fondatore di Microsoft Paul Allen, scomparso la notte scorsa, ha donato 50 milioni di dollari all’Università di Washington per aiutare a creare una scuola di informatica e ingegneria. In totale, i membri della Top 50 Givers americani hanno donato 12,6 miliardi di dollari nel 2017 – rispetto ai 12,2 miliardi del 2016. Nel complesso, i 50 più importanti filantropi statunitensi hanno donato più di 158 miliardi di dollari.

Vuoi ricevere i consigli di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla newsletter!