Seguici su
Business 16 maggio, 2019 @ 1:05

Printemps alla conquista del centro di Milano

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda e tutto ciò che le gravita attorno.Leggi di più dell'autore
Nata in Sicilia, si trasferisce a Milano per studiare giurisprudenza ma soprattutto per inseguire la sua più grande passione: la scrittura. In precedenza ha collaborato con il quotidiano di Class editori MFFashion occupandosi di moda e finanza. Appassionata di romanzi gialli, musica jazz e cinema. chiudi
edificio cielo
(shutterstock)

Printemps, uno dei gruppi francesi più affermati nel settore del fashion retail, ha grossi piano per il futuro. A partire da Doha e Milano per un totale di 10 nuove vetrine in tutto il mondo.

In Qatar, la catena parigina prenderà casa all’interno del complesso commerciale-residenziale Doha Oasis con una superficie di 30mila metri quadrati disposti su tre piani. E si tratterà del secondo punto vendita Printemps per dimensioni, dopo quello di Boulevard Haussmann, a Parigi. Per quanto riguarda Milano, invece, il piano di espansione internazionale dovrebbe interessare, come riporta WWD, il centro città con un negozio di circa 2mila/2.500 metri quadrati. Obiettivo finale: raddoppiare il business entro i prossimi 10 anni.

Una strategia che strizza l’occhio anche a nuove acquisizioni. Proprio nei giorni scorsi infatti il retailer ha perfezionato l’acquisto di Made In Design, piattaforma della società di investimenti Gimv che distribuisce online marchi di arredamento come Kartell, Hay, Foscarini e prodotti di designer come Starck e Dixon.

La nuova strategia di Printemps Haussmann, situato nel 9 ° arrondissement di Parigi dove vende i più grandi nomi della moda, della bellezza e del lusso in generale, potrebbe riportare l’azienda allo splendore degli anni ’80 quando aveva iniziato ad espandersi in Medio Oriente e in Asia.

La sua storia inizia nel 1865 quando l’autodidatta Jules Jaluzot decise di costruire il suo primo negozio all’incrocio tra Boulevard Haussmann e rue du Havre. Originariamente, questo quartiere era molto lontano dal centro di Parigi ma l’imprenditore era deciso a portare avanti il suo progetto. Dopo Bon Marché (il primo retailer parigino inaugurato nel 1852), BHV e Samaritaine, Printemps si affermò come l’ultimo grande magazzino della capitale.