Seguici su
Life 26 Giugno, 2019 @ 10:19

Airbnb ha una nuova piattaforma dedicata al lusso, dove affittare anche un’isola privata

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi
isola mare cielo barca
(Courtesy Airbnb)

La domanda da parte degli utenti Airbnb di alloggi ed esperienze di lusso è in forte crescita, basti pensare che nel 2018 il numero di prenotazioni per alloggi del valore di almeno 1.000 dollari a notte ha registrato una crescita superiore al 60%. Una ragione sufficiente per indurre la società di San Francisco a investire nella nuova divisione Luxe, nata proprio per rispondere al crescente interesse per i viaggi di fascia alta (secondo gli analisti il settore vale oggi più di 200 miliardi di dollari).

E se hai sempre sognato di passare le vacanze su un’isola privata tutta per te, ora è possibile: tra le 2mila soluzioni in tutto il mondo offerte dalla piattaforma è possibile infatti affittare l’atollo privato di Nukutepipi, nella Polinesia Francese, che con le sue 3 ville e 15 bungalow sulla spiaggia può ospitare fino a 52 persone. Scenario del film The Beach. Ma come tutti i sogni, ha il suo prezzo: soggiornare nel paradiso dell’Oceano Pacifico costa infatti 1 milione di dollari a settimana.

Il viaggio nel lusso di Airbnb è iniziato qualche tempo fa quando la società americana ha acquisito Luxury Retreats, piattaforma specializzata nell’affitto di dimore a cinque stelle, che continuerà a operare come marchio indipendente. Per ogni prenotazione Airbnb Luxe ci sarà un trip designer dedicato che si occuperà di esperienze e servizi personalizzati come l’organizzazione di attività locali, babysitting, chef privati, massaggiatori in loco o sessioni di allenamento in palestra.

E sarà in grado di assicurarti un tavolo in un ristorante stellato Michelin. Naturalmente, per entrare nell’Olimpo delle case di lusso bisogna rispondere a criteri rigorosi, ben 300, come la presenza di finiture di pregio o elettrodomestici di prima qualità. Ma con chi si potrebbe trovare a competere a questo punto Airbnb? Tra i possibili concorrenti ci sarebbero Oliver’s Travel, HomeAway e Four Seasons Private Retreats, che offrono proposte simili.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!