Seguici su
Life 17 Luglio, 2019 @ 12:45

Quanto costa noleggiare le auto della Dolce Vita

di Francesca Lovatelli Caetani

Contributor

Leggi di più dell'autore
chiudi
Sophia Loren e Marcello Mastroianni su Rolls Royce Silver Cloud (Assocastelli Lengend Cars)
(Assocastelli Legend Cars)

L’auto da sogno diventa realtà, per tutte le tasche o quasi. Nato in Gran Bretagna con gli amanti delle iconiche vetture guidate dall’agente segreto James Bond, il fenomeno del noleggio di modelli famosi è giunto anche in Italia, dove le quattro ruote sono da sempre passione popolare, sentimento celebrato da tanti capolavori del cinema di casa.

È così che Ivan Drogo Inglese, presidente di Assocastelli, Andrea Cuttica, proprietario della Racing Legend di Acqui Terme, e Paolo Stampacchia hanno dato vita ad Assocastelli Legend Cars, iniziativa dedicata ai proprietari che vogliono mettere a reddito i loro gioielli a quattro ruote, offrendo i loro oggetti da collezione per utilizzi temporanei.

Noleggiare un’auto di questo tipo può costare dai mille ai cinque mila euro al giorno. L’iniziativa è allineata al percorso già intrapreso da Assocastelli che da qualche anno apre le porte di alcune tra le più belle dimore storiche italiane a ospiti illustri e internazionali. Ora non mancano neppure i “gioielli a quattro ruote”, perché i clienti più esigenti possano sentirsi principi o attori per un giorno, interpreti di pellicole che hanno fatto la storia del cinema anche solo per un fine settimana.

Drogo Inglese non è un nome sconosciuto nel mondo dell’automobilismo italiano. La passione per il mondo dell’automobilismo arriva da suo zio Piero che, negli anni ’60, dopo aver partecipato ad un gran premio di Monza (con scarsi risultati) decise di fondare a Modena la Sports Cars, che iniziò a costruire auto da competizione per la Scuderia Serenissima del conte Volpi di Misurata (figlio del fondatore della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia). Successivamente firmò alcune creazioni quasi tutte su meccanica Ferrari. Tra queste la più conosciuta è certamente la Ferrari Drogo Breadvan. Drogo morì tragicamente a bordo della sua Ferrari California agli inizi degli anni ’70 nei pressi di Bologna.

Ma cosa si può fare con queste auto da favola? Per prima cosa si possono utilizzare come auto per rendere ancora più esclusiva e indimenticabile la propria cerimonia nuziale, ma anche come auto di scena, per produzioni cinematografiche, pubblicitarie e televisive. Alcune vetture possono essere usate anche per il noleggio con e senza autista per partecipare a concorsi di eleganza, raduni o tour.

Dietro queste auto c’è sempre una grande passione. Lo sa bene Paolo Stampacchia che da ragazzo vide un film dove si svolgeva una corsa “coast to coast” vinta da una Shelby Cobra. Cresciuto ha coronato il suo sogno acquistandone una e rendendola disponibile a chi la vuole utilizzare.

Ecco qualche altro esempio di auto da sogno che grazie ad Assocastelli Legend Cars può diventare realtà:

Isotta Fraschini 8A Laundaulet che è uno dei 20 esemplari realizzati a Milano dalla carrozzeria di Ercole Castagna e che, nel 1929, fu acquistata da un magnate americano del tabacco (quello delle celebri Lucky Strike);

Isotta Fraschini 8A Laundaulet (Assocastelli Lengend Cars)
Isotta Fraschini 8A Laundaulet (Assocastelli Legend Cars)

Lancia Flaminia coupè Zagato appartenuta all’attore Marcello Mastroianni. La usava spesso per raggiungere, da Roma, Villa La Prora sulla costa di Castiglioncello;

Lancia Flaminia coupè Zagato (Assocastelli Legend Cars)
Lancia Flaminia coupè Zagato (Assocastelli Legend Cars)

Rolls Royce Silver Cloud III Convertible utilizzata nel film “Ieri, oggi e domani”, del 1963, interpretato dagli attori Sophia Loren e Marcello Mastroianni. L’auto piaceva tanto al regista Vittorio De Sica ma per un po’ era stata di proprietà proprio dell’attrice, anzi del marito Carlo Ponti che poi era anche il produttore del film.

Maserati Ghibli del 1971 utilizzata nel film “In nome del popolo italiano” dall’imprenditore Lorenzo Santenocito interpretato da Vittorio Gassman. L’auto era di proprietà di Edmondo Amati.

Maserati Ghibli, 1971 (Assocastelli Legend Cars)
Maserati Ghibli (Assocastelli Legend Cars)

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!