Seguici su
Style 23 Settembre, 2019 @ 5:00

Due sorelle hanno creato un marchio che ci ricorda la bellezza degli anni Ottanta

di Roberta Maddalena

Staff writer, Forbes.it

Scrivo di moda, viaggi, arte e nuove tendenze.Leggi di più dell'autore
chiudi
Tre look Le piacentini primavera-estate 2020

Alessandra e Francesca Piacentini sono due sorelle vulcaniche. Molto affiatate, non nascondono di condividere spesso la medesima visione stilistica come creative sin da quando, da bambine, la moda è entrata nella loro vita diventando poi il loro lavoro. Alessandra e Francesca sono cresciute inoltre in un’ambiente familiare propenso alla creatività (lo zio, Marcello Piacentini, è stato protagonista dell’architettura italiana anni ‘30 e ’40 del XX secolo).

“La nostra passione per gli abiti è iniziata davvero presto grazie a nostra madre che indossava spesso eleganti vestiti anni ’70 dai quali rimanevamo sempre particolarmente affascinate…”, racconta a forbes.it Alessandra. Due personalità vulcaniche, dicevamo, perché nonostante non abbiano mai studiato design, circa 30 anni fa lanciano la loro prima linea di beachwear, Miss Bikini, coniando l’espressione “beach couture”: “il fatto”, spiega Francesca, “era che anche a quel tempo la nostra passione principale era quella per gli abiti quindi abbiamo pensato di unire le due categorie di prodotto, vestiti e costumi da bagno, creando look versatili e facilmente indossabili da giorno a sera”.

Il viaggio nella moda delle sorelle prosegue poi con un nuovo progetto. “Il brand Le Piacentini, alla sua seconda collezione con la primavera-estate 2020, nasce dal desiderio di entrare nel segmento del prêt-à-porter”, prosegue Alessandra. Intuizione che ha permesso al duo romano di portare le loro creazioni nella Ville Lumière in occasione della settimana della moda parigina. Ma non solo, perché al momento la distribuzione del marchio si divide tra Italia, New York, mercato che sembra apprezzare in modo particolare le loro creazioni, e Middle East.

Per comprendere il mood e le ispirazioni della collezione estiva, bisogna mettere come sottofondo una delle canzoni che hanno segnato la storia musicale degli anni ’80: Heart of Glass di Blondie: alle donne forti, sicure e trasgressive alle quali si rivolge la cantante americana. E tenere a mente un’altra celebre citazione, l’iconica scena del cult-movie di Brian De Palma, Scarface, in cui Michelle Pfeiffer scende una scala fasciata da un provocante abito da sera con scolli e spacchi ammalianti.

In un attimo, ci ritroviamo catapultati nell’atmosfera dello Studio 54 di New York, dove lo stilista Halston e Andy Warhol si scatenavano nelle danze insieme a Bianca Jagger, Blondie, Liza Minnelli e Paloma Picasso. Body preziosi da abbinare a completi in denim metallizzato, giacche e gonne in paillettes impreziosite da ricami con fili d’argento e perline, il jersey e il raso come protagonisti. E poi ricami e tagli asimmetrici che si colorano di rosa geranio, turchese, giallo e verde acqua. Per una donna un po’ romantica, un po’ gipsy.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!