Quanto costerà al Manchester City l’esclusione dalla Champions

Pep Guardiola, alla guida del Manchester City dal 2016
Share
Pep Guardiola allenatore Manchester City
Pep Guardiola, alla guida del Manchester City dal 2016 (Shutterstock)

di Sergei Klebnikov per Forbes.com

L’esclusione per due anni dalla UEFA Champions League a carico dei campioni della Premier League del Manchester City, per presunta violazione delle regole del fair play finanziario, costerà al club circa 80 milioni di dollari di entrate nel 2020.

  • Il Manchester City, che affronterà il Real Madrid negli ottavi di Champions League alla fine di questo mese, venerdì è stato bandito dalla competizione europea per club per le successive due stagioni e multato per $ 32,5 milioni.
  • Secondo quanto riferito, il club ha commesso “gravi violazioni” dei regolamenti sulle licenze del club gonfiando i ricavi delle sponsorizzazioni e il team “non ha collaborato” con un’indagine in corso dalla UEFA.
  • Secondo le ultime stime di Forbes, il Manchester City ha realizzato $ 678 milioni di entrate nella scorsa stagione ($ 72,6 milioni in totale giocando in Champions League quando ha raggiunto i quarti di finale) ed è la quinta squadra di calcio più preziosa al mondo, con un valore totale di quasi $ 2,7 miliardi.
  • Supponendo che il Manchester City raggiunga nuovamente i quarti di finale quest’anno, il divieto della Champions League del prossimo anno ammonterebbe a una perdita di $ 77 milioni (inclusi circa $ 53 milioni in premi in denaro e $ 10 milioni dai diritti televisivi), o l’11% delle entrate complessive del club nel 2020 .
  • Ciò significherebbe una perdita di valore di $ 295 milioni, abbassando la valutazione complessiva del Manchester City a $ 2,38 miliardi, calcola Forbes .
  • Il Manchester City potrebbe perdere $ 47 milioni nel caso si posizionasse all’estremità inferiore della fascia del montepremi (per il raggiungimento degli ottavi) e fino a $ 102,35 milioni (in caso di vittoria della Champions League).

Il Manchester City resterà comunque un club da $ 2 miliardi anche senza la Champions League, quindi sarà ancora una delle squadre di calcio più preziose al mondo nonostante il divieto.

Il Manchester City lancerà un appello al tribunale arbitrale per lo sport “alla prima occasione”, ha dichiarato il club in una nota .

Il proprietario del Manchester City è la società City Football Group, per la maggioranza di proprietà della famiglia reale di Abu Dhabi, che ha investito moltissimo nel club. Oltre al Manchester City, il gruppo controlla altre sei squadre di calcio in cinque continenti, tra cui la squadra della Major League Soccer New York City FC. A partire dalla fine del 2018, il Manchester City è stata sottoposto a controllo dopo che la pubblicazione di documenti interni ha rivelato che la squadra aveva infranto le regole di licenza della UEFA per club travisando la fonte delle sue entrate di sponsorizzazione. Ciò è va direttamente in opposizione ai regolamenti del Fair Play finanziario della UEFA , stabiliti nel 2009 per impedire ai club di spendere più di quanto guadagnano e di incorrere in tal modo in problemi finanziari.