Seguici su
Forbes Italia 20 Febbraio, 2020 @ 5:00

Un futuro più equo e sicuro: a Dubai si parla anche di sviluppo sostenibile

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
shutterstock

dal numero di febbraio di Forbes Italia

di Camilla Conti

Expo 2020 Dubai sarà un passaggio cruciale per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile: cinque anni dopo l’approvazione dell’Agenda 2030, nel baricentro della regione meno sostenibile del mondo – l’area Me.Na.Sa (Middle East, North Africa, South Asia) che conta 3,2 miliardi di persone, dove si prevedono per i prossimi anni la maggiore crescita demografica del pianeta, gravi rischi ecologici e ambientali, e la più seria crisi di risorse idriche – verranno messe in mostra le azioni che i 190 paesi partecipanti all’Esposizione universale intendono intraprendere per rafforzare la propria capacità di entrare in un futuro più equo e sicuro.

shutterstock

Lo stesso Padiglione Italia sarà un prototipo all’avanguardia in termini di progettazione integrata e utilizzo di materiali riciclati, durevoli, naturali (bucce d’arancia, fondi di caffè, funghi e plastica riciclata raccolta anche nell’oceano) così come di tecnologie per il massimo contenimento dei consumi energetici e idrici con sistemi di risparmio, raccolta e riciclo delle acque, di smaltimento dei rifiuti e di riduzione dell’inquinamento acustico e luminoso. L’Italia porterà a Dubai la sostenibilità educativa (con centinaia di studenti delle scuole superiori e una grande offerta formativa di oltre 40 università), la sostenibilità culturale, la sostenibilità agro-alimentare delle nostre filiere e la sostenibilità aerospaziale insieme alle imprese che lavorano sul monitoraggio degli ecosistemi, sulla sicurezza dei mari e delle coste, sulla sperimentazione in condizioni estreme di nuovi farmaci e nuovi alimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!