Seguici su
Business 24 Febbraio, 2020 @ 11:33

Mustier dice no a Hsbc. Ora focus sul piano strategico di Unicredit

di Massimiliano Carrà

Staff

Leggi di più dell'autore
chiudi
La sede di Unicredit a Milano
La Unicredit Tower di Milano (Imagoeconomica)

“Jean Pierre Mustier resterà alla guida di UniCredit”. A renderlo noto è la stessa banca in una nota ufficiale in cui comunica “che anche se in linea di principio, è prassi di UniCredit non commentare su voci o speculazioni, tuttavia a seguito della recente copertura mediatica sul futuro dell’Amministratore Delegato di UniCredit” rivela che Mustier rimarrà alla guida del gruppo.

Il comunicato di UniCredit segue dunque le indiscrezioni rilanciate nelle ore precedenti dal Financial Times secondo le quali Mustier avrebbe chiamato personalmente il presidente di Hsbc per rifiutare l’incarico propostogli e continuare quindi a dirigere l’istituto italiano. 

Jean Pierre Mustier e il piano strategico di Unicredit

In una giornata molto particolare per la Borsa Italiana e per il titolo Unicredit che sta cedendo il 3,22% in questo momento, la conferma di Jean Pierre Mustier come amministratore delegato è quindi una buona notizia per il gruppo italiano. 

Nei giorni scorsi, infatti, dopo l’interim di Noel Quinn, alla guida di Hsbc dal mese di agosto per rimpiazzare John Flint, l’istituto di credito britannico aveva deciso di virare proprio su Jean Pierre Mustier per affidargli il ruolo di ad del gruppo. E sebbene il suo passaggio fosse ormai dato per certo, il banchiere francese ha deciso di rimanere al timone di Unicredit. 

In questo modo, Mustier (alla guida del gruppo italiano da luglio 2016) potrà portare a termine il piano strategico lanciato lo scorso dicembre che punta a un utile di 5 miliardi di euro, con 8 mila tagli (6 mila in Italia) al personale del gruppo.

È importante anche evidenziare che da quando sono rimbalzate le voci di un possibile addio di Jean Pierre Mustier, ossia da giovedì 20 febbraio, il titolo Unicredit in soli due giorni ha ceduto quasi il 7%, bruciando oltre 2 miliardi di di euro. 

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!