Le università italiane presenti nella classifica dei migliori atenei mondiali

universita
(Unsplash)
Share
università
(Unsplash)

Sono 47 le università italiane che rientrano nel nuovo World University Ranking 2020, la valutazione dell’agenzia britannica QS che ogni anno compara 1368 atenei in 83 Paesi e 13.138 programmi universitari.

Le università italiane

Le università italiane che sono riuscite a entrare nella Top 10 di settore sono otto. La Sapienza di Roma perde il primo posto per gli Studi classici e Storia Antica lasciando lo scettro a Oxford.

Ma per chi vuole studiare storia antica e le discipline umanistiche, l’Italia offre 6 dei migliori atenei al mondo. All’8° posto troviamo la Normale di Pisa, Bologna al 19°, Tor Vergata al 32° (ma nel 2019 era al 7°) e l’università Statale di Milano al 39°.

Nella top ten globale si trova anche la Bocconi di Milano per il corso in Business e Menagement che sale di una posizione arrivando così al 7° posto.

Da mettere in risalto anche l’ottima performance del Politecnico di Milano che compare al 7° posto tra le migliori 10 facoltà al mondo di Architettura. Ma il Politecnico lo ritroviamo anche al 6° posto per Arte e Design, al 7° per Ingegneria civile e strutturale e al 9° per Ingegneria meccanica, aeronautica e industriale.

L’Università di Bologna nella Top 100 della nuova classifica ‘QS World University Rankings by Subject

L’Alma Mater rientra tra i primi 100 atenei a livello globale in 21 discipline: 4 rientrano tra i primi 50 posti al mondo: Storia classica e antica al 19° posto; Lingue Moderne al 39° posto; Agraria al 39° posto e Odontoiatria al 40° posto. Guardando invece alle macro-aree del sapere, cioè i raggruppamenti tematici delle singole materie, l’Alma Mater è nella top 100 mondiale in tre casi: Arti e Scienze umane; Scienze sociali e Management e Scienze della vita e Medicina.

Come si calcola il ranking

La classifica viene calcolata misurando diversi fattori: la reputazione degli atenei nel mondo accademico; le valutazioni dei datori di lavoro sulla preparazione dei laureati che vengono assunti; l’impatto scientifico della ricerca prodotta dagli atenei nei diversi settori; un indicatore che valuta sia l’impatto scientifico ottenuto che la quantità dei prodotti di ricerca realizzati.

A livello europeo l’Italia si classifica quarta come miglior sistema universitario in Europa, superata solo da Francia, Paesi Bassi, Germania e Svizzera.

Per quanto riguarda l’occupabilità dei laureati il nostro Paese è ben posizionato in Europa, classificandosi al 2° posto, superato solo dalla Francia.

Ma proprio i giudizi sui programmi universitari peggiorano. Dei 431 programmi che la ricerca ha classificato, 86 quest’anno sono scesi nella classifica contro i 67 che hanno migliorato la propria posizione. “Dei 2013 programmi universitari analizzati nell’Ue, il livello è quasi stabile con 562 migliorati e 561 peggiorati mentre per quanto riguarda l’Italia l’arretramento è più forte rispetto alle posizioni scalate.” commenta Jack Moran, analista di Qs.

Il Mit è la miglior università al mondo

Secondo Qs il Mit di Boston è il miglior ateneo al mondo con 12 discipline al primo posto, seguito da Harvard con 11 e Oxford con 8.

La Brexit non ha certo scalfito il primato delle università inglesi.

In prima posizione tra le università che vantano più discipline nella Top 10 mondiale troviamo infatti:

1.Cambridge (38)

2.Harvard (35)

3.Oxford (34)

4.Berkeley (32)

5.Stanford (30)

6.Mit (21)

7.Eht di Zurigo (13)

8.Lse di Londra (13)

9.University of California (11)

10.Yale (11)