Quando i governi non sono in grado di gestire una crisi

Times Square (Photo by Spencer Platt/Getty Images)
Share
Times Square (Photo by Spencer Platt/Getty Images)

di Katya Soldak per f

Essendo cresciuta nell’Ucraina sovietica, ho dovuto affrontare tanti periodi tumultuosi e disastri tra cui Chernobyl e la disintegrazione dell’URSS. Ora, vivendo negli Stati Uniti e osservando come il governo non è riuscito a far fronte alla crisi Covid-19 in maniera tempestiva, mi sembra di rivivere tutto in una sorta di déjà-vu.

Questo mese di marzo segna per me un importante anniversario personale: vent’anni da quando mi sono trasferita dall’Ucraina negli Stati Uniti. Non avrei mai immaginato di trascorrere il mio tempo in un angusto appartamento di New York con la mia famiglia mentre il mondo intero lotta contro il Covid-19, un virus mortale che non conosce confini geografici o affiliazioni politiche.

Sono nata e cresciuta in Ucraina – allora parte di una Unione Sovietica fatiscente – quando il governo controllava ancora tutto ma allo stesso tempo stava perdendo la presa. Quando si consumò il disastro di Chernobyl nella primavera del 1986, avevo 8 anni. È difficile stimare il numero di decessi dovuti all’esplosione per la segretezza mantenuta dal governo, per la mancanza di dati e per il fatto che la ricaduta delle radiazioni ha causato la morte di molte altre persone negli anni successivi. Meno di 100 persone sono morte subito dopo il disastro, ma quasi 8,4 milioni di persone in tre repubbliche sovietiche, Ucraina, Russia e Bielorussia, sono state esposte alle radiazioni.

L’esplosione è avvenuta il 26 aprile e il 1° maggio i residenti della capitale ucraina, Kiev, – a 110 miglia di distanza e quindi vicini al pericolo di ricaduta delle radiazioni – erano fuori per una parata obbligatoria nonostante i livelli di radiazione fossero al massimo. I media, che erano controllati dal governo, diffusero notizie false in ogni angolo dell’URSS attraverso radio, televisione e propaganda, raggiungendo circa 300 milioni di persone. Quelli che vivevano al di fuori della cortina di ferro sapevano di più sul disastro rispetto a quelli che ci vivevano vicini.

La mia città, Kharkiv, era rimasta apparentemente inalterata dal materiale radioattivo aereo. Ma la Bielorussia, dove vivevano i miei nonni, non lo era. Mentre alcune famiglie, avvisate da fonti interne, sono fuggite dall’Ucraina verso zone più sicure dell’URSS, la mia famiglia, ignara, ha intrapreso il nostro viaggio annuale per visitare i miei nonni a Minsk. In boschi contaminati, abbiamo raccolto tranquillamente i funghi e le bacche per la marmellata.

Nelle prime settimane della pandemia innescata dal coronavirus negli Stati Uniti, i newyorkesi si trovarono di fronte al panico da shopping e ai conseguenti scaffali vuoti nei negozi di alimentari. Ma credetemi, tutto questo non era nemmeno vicino alla mancanza di cibo e beni di consumo che abbiamo vissuto durante gli ultimi anni del regime sovietico, quando l’economia ha subito un crollo senza precedenti.

A seguito della crisi economica, il mondo sovietico si è sbriciolato nel 1991, un evento straziante per coloro che sono cresciuti nutrendo fiducia nel partito comunista. Alla fine il governo non poteva proteggerci da nulla; ci deludeva a ogni passo. Le aziende si fermarono, i salari non furono pagati per mesi (se non del tutto) e gli ospedali non avevano forniture. Nel frattempo, le informazioni fornite dal governo e dai media privati appena nati erano confuse e inaffidabili. Nessun aspetto della vita o del futuro era certo o stabile.

E poi tutto è peggiorato. Nel 1992, durante il primo anno di indipendenza dell’Ucraina, i coupon per le caramelle hanno sostituito i rubli sovietici, seguiti dall’iper-inflazione. L’elettricità, l’acqua calda e persino fredda erano spesso fuori uso. In inverno, quando le temperature scendevano spesso molto al di sotto dello zero, non era insolito passare un paio di giorni senza riscaldamento o energia elettrica. Il tasso di criminalità iniziò ad aumentare e, in diverse parti dell’ex Unione Sovietica, aumentarono i conflitti armati. La maggior parte delle persone viveva giorno per giorno, nel caos e nell’ansia.

L’incertezza e l’instabilità sono durate per anni: la crisi è diventata la nuova normalità. E alcuni ex paesi sovietici sono ancora in uno stato di tensione perpetua in cui molti cittadini sentono di poter fare affidamento solo sul loro ingegno e sulle loro risorse. Quanto a me, una volta negli Stati Uniti, ho sentito che il mio nuovo paese offriva un livello di stabilità che mi permetteva di concentrarmi su cose diverse e più personali, mentre imparavo a pianificare il futuro.

Non direi che la mia vita da immigrata è stata un gioco da ragazzi. Non direi certo che il capitalismo americano mi ha cullata e offerto protezione quando era necessario. Mi sono laureata alla Columbia School of Journalism nella primavera del 2008 all’inizio della Grande Recessione; una madre single con circa 50mila dollari di debiti in prestiti per studenti, senza assicurazione sanitaria, che aveva bisogno di assistenza all’infanzia in estate e di assistenza dopo la scuola quando è ripreso l’anno accademico. Vi erano poche prospettive di lavoro nel giornalismo, poiché molte posizioni erano state eliminate a causa della crisi economica e del tracollo di Internet per i media tradizionali.

Il governo federale e statale non ha fornito assistenza abitativa o sanitaria a persone come me. Ho sfruttato le mie capacità di sopravvivenza nell’Europa dell’est e ho trovato miracolosamente lavoro come freelance fino a quando l’economia non ha mostrato segnali di ripresa. Tuttavia, anche nei momenti più difficili, questo paese ha messo a disposizione la legge, le istituzioni di lavoro, la sicurezza e la stabilità sufficiente per pianificare la prossima mossa. E si pensava che le azioni del governo sarebbero state legittime e appropriate, nonostante non fossero gradite a tutti. Il focus del governo, per quanto partigiano o burocratico, è quello di servire il popolo.

Quest’ultima crisi ha indebolito questa verità?

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, non ha dovuto chiudere l’ufficio della Casa Bianca nel 2018, ma lo ha fatto ora. All’inizio della diffusione del virus in tutto il mondo, avrebbe potuto insistere per la produzione di più test Covid-19, ma non lo ha fatto. A gennaio, Trump ha dichiarato di non preoccuparsi del virus e di una possibile pandemia: “Lo teniamo totalmente sotto controllo”, ha detto. “È una persona proveniente dalla Cina e la teniamo sotto controllo”.

Ha ignorato la dichiarazione dell’Organizzazione mondiale della sanità secondo cui il Covid-19 era “un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale”. A febbraio, il presidente ha dichiarato che il pericolo sarebbe scomparso grazie al caldo primaverile, dicendo “quando ci sarà un po’ più caldo, scomparirà miracolosamente”.

Trump ha deriso i politici che auspicavano per una strategia più aggressiva contro il virus e ha incolpato l’amministrazione Barack Obama per l’incapacità della sua stessa amministrazione di produrre abbastanza kit di test. Lungo la strada, Trump ha rilasciato dichiarazioni confuse o false e ha perso molte opportunità di mostrare una leadership decisiva, dichiarando nel frattempo la sua performance esemplare e allontanando le accuse. Tutto mentre gli operatori sanitari della nazione sono bloccati in una battaglia disperata con gli effetti di un virus mortale e mentre sono a corto di attrezzature, equipaggiamento protettivo e posti letto. Io stessa ho parlato con diversi operatori sanitari di New York che confermano come gli ospedali locali intubino i pazienti tutto il giorno e che il personale ospedaliero ha fatto ricorso al riutilizzo di maschere e altri dispositivi di protezione. A partire dal 28 marzo, il bilancio delle vittime nella sola New York City ha superato 780 ed è in aumento.
Il governo sovietico ricorse a smentite, deviazioni e dietrofront rispetto errori o catastrofi all’indomani di Chernobyl. Ho già visto queste tattiche in Ucraina, quando i politici negarono l’evidente e reinterpretarono il disastro a beneficio delle loro campagne politiche. È stata anche una strategia del presidente russo Vladimir Putin, che ha usato la pandemia per portare a casa la sua vittoria politica.
Il 27 marzo, il congresso ha approvato un pacchetto da 2 trilioni di dollari e, in attesa della sua approvazione, i politici hanno combattuto per assistere aziende, persone e famiglie. Per molti, il pagamento che riceveranno potrebbe fare ben poco per compensare settimane o mesi di disoccupazione. Possiamo solo aspettare e vedere se il prodotto finale aiuterà le famiglie della classe media e coloro che affrontano la perdita di case e il possibile fallimento.
La ritardata risposta alla pandemia e la mancanza di preparazione di fronte all’ovvia e imminente diffusione del virus sono costate alle persone la vita. È difficile spiegare come sia successo in un paese che dovrebbe difendere il suo popolo e metterlo al riparo come il suo più grande tesoro; non metterli in pericolo e quindi rifiutare la responsabilità. Questo è ciò che fanno i regimi autocratici.